CONFINE
16.09.2019 - 20:300

Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo

Per poter ottenere una pena meno severa dovrà risarcire la donna

COMO - Conclusa l'indagine, è stato chiesto il giudizio immediato per Alessandro Proto, l'operatore finanziario milanese 44enne domiciliato a Como, finito in carcere l’11 giugno.

L'uomo - riferisce il Giorno - deve rispondere di truffa pluriaggravata e di autoriciclaggio. Secondo l'accusa avrebbe raggirato una donna malata di tumore portandole via la ragguardevole cifra di 130mila euro.

Per poter ottenere uno sconto di pena Proto dovrà fare affidamento alla sua capacità risarcitoria, e quindi a una eventuale disponibilità di denaro. Da ciò dipende la possiblità di accedere a un patteggiamento: deve infatti essere in grado di restituire almeno i 130mila euro oggetto delle imputazioni. A questi, ovviamente, potrebbe aggiungersi anche il danno morale.

Se Proto dovesse decidere di non andare a processo, dovrà affrontare il rito abbreviato senza beneficiare dell’attenuante del risarcimento.

4 mesi fa Ecco l'arresto di Proto
4 mesi fa Alessandro Proto in manette
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-14 11:11:12 | 91.208.130.89