deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
BRUSINO ARSIZIO
3 min
Al via il risanamento di via Giovan Pietro Poma
LUGANO
11 min
Il Caffè-quartiere di Molino Nuovo "riapre"
CANTONE
13 min
Riconoscere la lingua dei segni come ufficiale
CANTONE
33 min
Sondaggio interno pilotato, Sunrise conferma
CANTONE
1 ora
Controlli misti lungo il confine
BELLINZONA
1 ora
Il preasilo di Gnosca resta chiuso: «La struttura è pericolosa»
MURALTO
1 ora
Via del Sole sbarrata per lavori durante la prossima settimana
LUGANO
1 ora
Spiaggia abusiva: «Esistono gli estremi per una vertenza legale?»
LUGANO
2 ore
La parola fine sul caso Sogevalor
CANTONE
3 ore
«Vogliamo insegnare ai ragazzi a studiare forse meno... ma meglio»
CANTONE
4 ore
Un esercito di ticinesi senza licenza media
BELLINZONA
9 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
12 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
13 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
13 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
CANTONE
21.08.2019 - 10:420

Dalle truffe allo spaccio, due 40enni in manette

Raggiri in rete e spaccio di cocaina sono le accuse per i due nigeriani

LUGANO - Due quarantenni nigeriani sono finiti dietro le sbarre con l'accusa di aver compiuto reati che vanno dalla truffa allo spaccio di droga.

Uno dei due, residente nel Luganese e sul quale pendeva un mandato d'arresto della Magistratura ticinese per i reati di truffa e riciclaggio di denaro, è stato fermato nei pressi del valico autostradale di Chiasso Brogeda. L'uomo è sospettato di far parte di un sodalizio dedito alle cosiddette truffe nigeriane.

Si tratta di un raggiro noto da tempo alle nostre latitudini e che si articola, nelle sue numerose varianti, in più fasi.

Da un lato vi è l'attività criminale informatica vera e propria che seleziona vittime in rete e, con una serie di sotterfugi e inganni, li spinge a trasferire del denaro.

Dall'altro vi è la ricezione dei soldi, provento dell'attività truffaldina, da parte di soggetti (denominati Money Mules). Questi, reclutati ad hoc (di regola via internet), mettono a disposizione il proprio conto bancario o postale per l'accredito. A loro volta devono inviare il denaro a terze persone, che di regola non conoscono. Il tutto al fine di vanificare l'accertamento dell'origine, il ritrovamento o la confisca dei valori patrimoniali frutto del reato.

In un secondo momento, nell'ambito dei successivi accertamenti, è stato trovato e fermato al domicilio dell'arrestato il secondo 40enne. La perquisizione personale di quest'ultimo ha permesso di rinvenire diverse decine di "bolas" di cocaina.

l'uomo è sospettato di aver spacciato negli ultimi due anni un importante quantitativo di droga a consumatori locali.

Le ipotesi di reato nei suoi confronti sono di infrazione aggravata, subordinatamente semplice e di contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Francesca Piffaretti-Lanz.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 10:03:58 | 91.208.130.85