Depositphotos (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
SAN VITTORE (GR)
34 min
Un (altro) brunch con Martullo-Blocher e Chiesa
CANTONE
44 min
Nuovi tagli in vista alla Rsi
COLLINA D'ORO
53 min
Collina d'Oro riceverà il marchio per la Città dell'energia
CAPRIASCA
59 min
Tre nuove installazioni arricchiscono Artinbosco
CONFINE / CANTONE
1 ora
Agente di sicurezza in Ticino trovato morto dopo la gara di bodybuilding
ROVEREDO (GR)
2 ore
Galleria di San Fedele chiusa oltre un'ora per un incidente
PARADISO
2 ore
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
2 ore
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
3 ore
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
3 ore
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
3 ore
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
LUGANO
3 ore
In diecimila per la festa d'apertura del Lac
CANTONE
4 ore
Sostituzione delle luci pista all’aeroporto di Locarno: scatta l'interrogazione
LUGANO
20.08.2019 - 16:590
Aggiornamento : 19:05

Orrore tra le mura domestiche: condanna a quattro anni di carcere

Prendeva a botte compagna e figli: 56enne alla sbarra per numerosi reati. Ecco la sentenza pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta

1 mese fa «Se quest'uomo fosse stato pericoloso, la compagna non l'avrebbe mai lasciato coi figli»
1 mese fa «Voleva fare pagare all'ex compagna, la sua ritrovata serenità»
1 mese fa «Quest'uomo ha messo la testa di suo figlio nel bidet»

LUGANO – «Una colpa grave. L'imputato è condannato a quattro anni di carcere, tutti da espiare». È la sentenza pronunciata dal giudice Amos Pagnamenta nei confronti di un 56enne del Luganese resosi protagonista di una lunga serie di reati violenti in ambito domestico. Si chiude così una vicenda drammatica, che ha segnato per sempre un'intera famiglia, compresi due minorenni. All'ex compagna (che in passato, va specificato, ha comunque commesso reati minori in complicità con l'uomo), spetteranno 6000 franchi di risarcimento.

L'incidente e l'invalidità – Ex docente di ginnastica, beneficiario di invalidità dopo un grave incidente d'auto. Dopo quell'episodio, il suo carattere sarebbe cambiato. L'uomo tra il 2012 e il 2018 si sarebbe macchiato di una lunga serie di reati. Soprattutto nell'ambito della violenza famigliare. Principale vittima, l'ex compagna. Spesso presa a sberle o a pugni. A volte anche davanti ai figli. Bimbi che non sono stati risparmiati dalle sue azioni. Il 56enne in alcune occasioni avrebbe usato le maniere forti anche con loro. 

Non accettava la nuova vita della donna – L'escalation di tensione raggiunge il suo culmine la sera del 24 luglio 2018. Nella sua abitazione del Luganese, il 56enne avrebbe picchiato e legato la sua ex compagna. Abusando di lei sessualmente. Tutto questo perché non aveva accettato che nella vita della donna fosse entrata una nuova persona. I due infatti si erano separati già da un po'. Ma la donna, che viveva apertamente la nuova relazione, continuava a frequentare la casa dell'uomo perché con lui vivevano i figli.   

Parla il giudice – «In merito ai fatti del 24 luglio – spiega Pagnamenta –, la testimonianza della donna è perfettamente credibile. Già solo per il fatto di essere costretta a fuggire nuda. Non ha mai enfatizzato quanto accaduto». Per difendersi, la donna aveva tentato di accoltellare il 56enne. E lo ha subito chiarito. «Denunciando quanto ha subito, si è messa lei stessa in difficoltà». 

Senza logica – Per Pagnamenta l'imputato risulta non credibile. «I suoi verbali si sono contraddistinti per mancanza di logica. Le vie di fatto ci sono state. Ma non è stato possibile stabilire un numero preciso. È stato stabilito che un figlio manifestava disagi comportamentali in seguito a comportamenti del padre. Il reato di riciclaggio? L'imputato ha messo a disposizione il suo conto bancario per "nascondere" i soldi che un suo amico stava sottraendo alle Aziende Industriali di Lugano (AIL). Si denota, anche in altri frangenti, una preoccupante propensione a delinquere». 

Una montagna di soldi – Il 56enne dovrà, infine, occuparsi sia delle spese legali da versare al Cantone, sia di risarcire le AIL. Migliaia e migliaia di franchi che dovrà versare, non appena sarà in grado di farlo. L'uomo farà ricorso contro la sentenza? Presto per dirlo. Una cosa è certa. La sua uscita dall'aula resterà qualcosa di piuttosto singolare. Una stretta di mano a tutte le persone presenti in aula, giudice compreso. Mezzo sorriso, occhi lucidi. Poi via, a testa bassa, verso il carcere.  

1 mese fa «Stasera i tuoi figli ti raccoglieranno a pezzettini»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:28:36 | 91.208.130.86