Tipress
LUGANO
08.08.2019 - 07:050

Furti, droga, spaccio e truffa: condannata una madre

La donna, tra le altre cose, ha tentato di falsificare una ricetta medica con una tessera della cassa malati rubata

LUGANO - È stata condannata a 20 mesi, di cui 10 da scontare, la 38enne che ha commesso una ventina di furti in supermercati e negozi del Cantone. Vestiti, prodotti elettronici, sigarette e generi alimentari, per un bottino da 12’000 franchi. Lo riportano alcuni media.

Tossicodipendente, mamma, senza lavoro né fissa dimora, negli ultimi anni aveva già fatto dentro e fuori dalla Farera diverse volte. Aveva inoltre spacciato piccole quantità di cocaina e erba ai consumatori locali.  

La donna, a beneficio dell’assistenza, si è lamentata con la giudice di ricevere solo 70 franchi alla settimana, tolte tutte le spese. Ha però ammesso che parte di quei soldi venivano utilizzati per acquistare stupefacenti. 

L’imputata è inoltre riuscita a creare una falsa email con il nome del suo curatore, per richiedere un anticipo dell’assistenza. Tuttavia per questo episodio la giudice l’ha assolta, in quanto i destinatari non hanno proceduto ad un controllo per accertarsi della fonte.

Ma non è tutto. La donna ha inoltre falsificato una ricetta medica per ottenere un farmaco sotto falso nome, grazie ad una tessera della cassa malati rubata. 

La procuratrice pubblica aveva chiesto 22 mesi. 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 00:17:55 | 91.208.130.87