tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
EFG International cede le attività retail in Ticino a BancaStato
Le parti hanno concordato di non rendere noti i dettagli economici dell’operazione.
SORENGO
1 ora
La lotta contro il cancro passa da un ago
L'agopuntura è una terapia di supporto sempre più riconosciuta nelle cure oncologiche, ma ovviamente non le sostituisce
LUGANO 
2 ore
Ingrado di reggere l'inverno... ma anche il Covid
Per proteggere l'utenza fragile e debilitata dalle dipendenze verranno posati due prefabbricati all'ingresso del Centro
SHANGHAI
2 ore
«Covid, vi siete comportati malissimo»
Ambra Schillirò, giornalista e imprenditrice, bacchetta gli europei dalla Cina. Guarda il video.
CANTONE
9 ore
Presunti contagi, Locarno in testa: «Non sappiamo spiegarlo»
Luca Crivelli, Co-Responsabile del progetto Corona Immunitas Ticino: «Questa differenza sarà oggetto di studio»
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
10 ore
Schianto a Gnosca, muoiono padre e figlio di un anno
Un'automobile si è schiantata contro il muro di una chiesetta posizionata da parte alla strada cantonale.
LUGANO
12 ore
Auto contro bici a Viganello: il ciclista non ce l'ha fatta
L'uomo di 63 anni è deceduto in ospedale a causa delle gravissime ferite riportate nell'incidente di sabato pomeriggio.
CANTONE
12 ore
Permessi, si va verso l’Alta vigilanza
Il direttore del DI Norman Gobbi potrebbe essere sentito dalla Commissione della gestione già la prossima settimana
BELLINZONA
14 ore
Flavio Petraglio lascia il Rabadan
Il presidente abbandona la conduzione del carnevale di Bellinzona per motivi legati al lavoro e alla famiglia.
LUGANO
15 ore
Una festa d'autunno in versione light per il Covid-19
Per l'evento che si terrà questo weekend (tempo permettendo) verrà pedonalizzato il lungolago di Lugano.
COLDRERIO
16 ore
Merlot del Ticino agli onori
Il Ronco 2013, prodotto a Mezzana, ha vinto la Gran Medaglia d’Oro al “Mondial du Merlot et assemblages”
CANTONE
17 ore
«Voleva sopprimerla per fare la "bella vita"»
Processo in Appello, ma la richiesta di pena non cambia: carcere a vita per assassinio
LEVENTINA
17 ore
L'antenna "finanziaria" fa discutere
Dopo Wwf e Pro Natura, anche i deputati dell'Mps scendono in Campo... Tencia
SVIZZERA / ITALIA
19 ore
Accordo sui frontalieri, c'è la conferma
«La pandemia ha mostrato quanto siano preziosi i lavoratori italiani in Svizzera e in particolare nel Ticino»
CANTONE
20 ore
«In Russia troveremmo un sicario»
Nel processo bis per il delitto di Monte Carasso è in corso la requisitoria dell’accusa
CANTONE
21 ore
23 mila ticinesi sono entrati in contatto con il virus
Primi risultati dello studio Corona Immunitas sulla sieroprevalenza del virus SARS-CoV-2 nella popolazione ticinese.
CANTONE
21 ore
Il processo è lost in translation
Si è riaperto il processo in Appello per il delitto di Monte Carasso
AIROLO
22 ore
Airolo Città dell'energia
Venerdì verrà inaugurata la centrale di teleriscaldamento
CANTONE
22 ore
Altri tre contagi nelle ultime 24 ore
I positivi dall'inizio della pandemia sono 3'640.
MORBIO INFERIORE
23 ore
Ticinowine dà i premi a Fabrizio Casati e a Lino Gabbani
Premiati la trasmissione Gustando e l'imprenditorialità di Lino Gabbani
CANTONE
03.07.2019 - 11:010
Aggiornamento : 13:07

Unia contro Agie: «Il licenziamento del 58enne? Nullo! Abbiamo denunciato»

Dal caso del dipendente lasciato a casa in maggio alla problematica dei licenziamenti degli over 50: «Si danneggiano delle persone e anche la collettività»

LOSONE - La pressione sempre più forte nel mercato del lavoro ticinese, ma anche una maggior spregiudicatezza di imprenditori meno attenti a mantenere intatto il tessuto economico nel quale sorge la loro impresa. È questo il terreno fertile per un fenomeno, quello del licenziamento degli over 50, che oggi Unia ha deciso di denunciare pubblicamente prendendo ad esempio il caso (anticipato da Tio/20minuti lo scorso 22 maggio) del 58enne lasciato a casa dalla Agie Charmilles di Losone. 

Il CCL tutela gli over 55 - «Un caso esemplare - sottolinea Vincenzo Cicero, co-segretario di Unia - dal quale partiamo per denunciare la questione problematica del licenziamento degli anziani». E che, tra l’altro, parte da un’azienda, la Agie, che proprio lo scorso anno «ha firmato un CCL che ha introdotto un principio di maggiore tutela per i lavoratori over 55». 

«Agie non ha rispettato il contratto collettivo» - «Oggi - spiega Cicero - se si decide di licenziare un dipendente con 55 anni o più, si deve rispettare una certa procedura. Cosa che Agie non ha fatto. Per questo abbiamo intentato una causa. Una prima udienza si terrà già questo mese».

 «Licenziamento nullo» - L’obiettivo di Unia è semplicissimo: «Puntiamo alla nullità del licenziamento. È  questa la tesi che porteremo davanti al giudice». Per il sindacato, nel caso del 58enne, il procedimento è stato preso senza una giusta causa. «L’azienda - precisa Cicero - ha formalmente detto che non aveva più la collocazione per questa persona. Non avevano alternative da offrirgli. Stiamo parlando di un dipendente con 33 anni alle dipendenze di Agie. Che non ha tra l’altro nemmeno un dossier “sporco”, ma che ha sempre fatto il suo dovere». 

La procedura, da contratto, di fatto è chiara: «Bisogna concedere al dipendente un mese supplementare rispetto ai termini di disdetta. Bisogna convocarlo, informarlo e ricercare insieme soluzioni alternative, quindi dimostrare che non c'è altra possibilità che il licenziamento. Ma se la stessa azienda, un mese prima assume 10 dipendenti tramite agenzia e poi licenzia un “anziano” è chiaro che non ha fatto il possibile».

«Casi da denunciare «sempre» - La questione, aggiunge il sindacalista, è da allargare a tutto il mercato del lavoro ticinese: «Questi casi devono essere denunciati sistematicamente. Stiamo parlando di licenziamenti che provocano danni sia alla persona, che non riesce più a riciclarsi, che alla collettività». 

«Responsabilità sociale da rispettare» - Un problema che appare ancor più serio, secondo Cicero, quando riguarda «aziende fiore all'occhiello territorio, che macinano milioni di utili. Agie, ad esempio lo scorso anno ha portato a casa un utile di 281 milioni e 103 milioni di dividendi. Un’azienda sana che, tra l’altro, riceve anche soldi pubblici. E che dovrebbe rispettare dei criteri: tra questi quelli della responsabilità sociale».

D'altra parte, spiega il sindacalista, oggi è molto più facile ottenere manodopera qualificata a basso costo. «Basti vedere l'edilizia. I manovali di "classe c" sono aumentati del 300%. E questo perché le agenzie riescono a proporre persone che, provenendo da realtà in cui la disoccupazione è dilagante, si accontentano deli minimo, che è in quel caso 4'500 franchi. E non stiamo parlando di 20enni, ma 30/35enni con 10 anni d'esperienza».

L'impegno della politica - Unia chiede quindi l’impegno della politica per arginare la piaga crescente: «Noi - conclude Cicero - già oggi inseriamo i tutti i rinnovi del CCL delle clausole di maggior tutela per i lavoratori più anziani. Evidentemente è necessario promuovere iniziative politiche ad hoc che riguardino, ad esempio, la legge sul promovimento economico. Tra i criteri con i quali vengono elargiti i finanziamenti, bisogna specificare la responsabilità sociale con un occhio di riguardo per i lavoratori di una certa età». 

Il sindacato, intanto, prende un impegno in questo senso: «Denunceremo facendo nome e cognome delle aziende. E cercheremo di censire, nel limite del possibile, tutti questi casi per monitorare il fenomeno».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Andrea Weber 1 anno fa su fb
Ma tutti quelli che intasavano il web per 40 migranti, dove sono oggi, quando si deve difendere il lavoro?
RobediK71 1 anno fa su tio
Troppe chiacchiere e pochi fatti, come sempre
Evry 1 anno fa su tio
Penso che il datore di lavoro aveva tutte le ragioni per arrivare all'licenziamento ! Prima di starnazzare sarebbe opportuno sapere il motivo.
bobà 1 anno fa su tio
@Evry per scrivere una cosa simile, spero tu conosca la situazione.
Maurizio Roggero 1 anno fa su fb
Piuttosto che dichiarare nulli i licenziamenti, che è anche controproducente per il dipendente, meglio multare tali aziende con l’equivalente della somma del salario lordo dal giorno del licenziamento fino al giorno della pensione!!! Poi vediamo se avranno ancora il coraggio di licenziare qualcuno....
Zico 1 anno fa su tio
bene, lo ripeto: ci sono CCL cghe per operai del gruppo C nell'edilizia ricevono 4'500.-à franchi. un operaio in Italia arriva forse a 1200£ (forse). ora facciamo che il povero operaio sia sposato con 2 figli: se frontaliero: fr. 4'500. - avs - imposte alla fonte: diciamo 3900. netti. residente: fr. 4500. - avs - cassa malati x lui e moglie e 2 figli : da spendere fr. 3'300. da cui detrarre eventuale affitto, altri 1500. franchi se tuto va bene, poi anche loro 4 mangiano, pagano le tasse, le assicurazioni e si vestono. frontaliere vive bene, residente fa fatica a tirare la fine del mese. bel risultato ottenuto dai sindacati!
tip75 1 anno fa su tio
ma se è proprio l politica che se ne frega
Rosi Sardi 1 anno fa su fb
Succede in molte aziende sul territorio ticinese ‼️‼️‼️‼️‼️‼️#un mese prima assume 10 dipendenti tramite agenzia e poi licenzia un “anziano” è chiaro che non ha fatto il possibile#
anndo76 1 anno fa su tio
un articolo "vuoto" che vuole buttare fumo negli occhi...mi spiace per la persona in questione, prossima alla pensione. Ma se sindacati e politica, con le imprese ovviamente, non cercano di trovare una quadra per rendere piu' competitive le imprese la vedo brutta. Faccio l'imprenditore e credetemi che e' umiliante se devi lasciare una persona a casa, piu di quanto si possa pensare, perche' e' una sconfitta anche per l'impresa e l'imprenditore ( non parlo delle multinazionali che fanno scelte diverse ).
albertolupo 1 anno fa su tio
@anndo76 Credo pienamente a quanto afferma. Un imprenditore serio è sicuramente il primo a farsi problemi quando deve lasciare a casa qualcuno. Da quanto sembra emergere, si potrebbe però supporre che in questo caso Agie non abbia agito da imprenditore serio (come era sicuramente fino a qualche anno fa).
Summerer 1 anno fa su tio
La libera circolazione delle persone ha prodotto queste distosioni sul mercato del lavoro! Finalmente percebili anche al di là del Gotthard! Non conosco il caso, ma licenziare una persona di 58 anni lo trovo assurdo...
anndo76 1 anno fa su tio
@Summerer be' additare la crisi alla libera circolazione mi sembra incauto...in verita' sempre piu' aziende stanno delocalizzando, licenziando ( vedi banche, assicurazioni, fiduciarie etcetc ) per carenza di lavoro dovuta a tanti fattori, non sicuramente alla libera circolazione. Nel caso ci sono dei contatti collettivi per cui gli stipendi minimi devono essere rispettati ( residenti o meno ) la triste verita', a mio giudizio, e' che l'economia mondiale e' in crisi per troppi anni di iperconsumismo ( trovi ancora chi ripara,riciclaetc oggetti di ogni tipo ? )
bobà 1 anno fa su tio
@anndo76 Un recente studio in Ticino ha dimostrato che un frontaliere percepisce in media 8% di salario in meno rispetto un residente. Se questo oltretutto è giovane, il divario è ulteriormente grande e sommando gli oneri sociali diventa un abisso. Quindi se è vero che un mese prima avevano assunto del personale giovane (non si sa se frontaliere ma facilmente lo è) per poi lasciare a casa il vecchio con 33 anni di servizio, è senz'altro una mera mossa economica fatta da un azienda che sta economicamente bene. Quindi 100% antietica. Se l'avesse fatta una ditta di 4 gatti gestita da un "padronaccio" non avrebbe avuto lo stesso impatto emotivo se fatta come in questo caso da una ditta sana, che riceve sussidi cantonali ed aiuti allo sviluppo, punto di riferimento nella piazza del lavoro locarnese
mats70 1 anno fa su tio
Solito titolo sensazionalistico di Tio. Da lì all'annullamento del licenziamento purtroppo ci passa il mare
anndo76 1 anno fa su tio
@mats70 ....appunto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 08:39:47 | 91.208.130.89