mediaprojects
CANTONE
18.06.2019 - 19:130
Aggiornamento : 19.06.2019 - 09:17

Se n'è andato il "medico degli emigrati"

Il ticinese Sandro Pedroli è morto oggi a Zurigo 96 anni. Durante la seconda guerra mondiale aveva combattuto il fascismo con il nome di battaglia di "Barba Svizzera"

ZURIGO - Se n'è andato a 96 anni il "medico degli emigranti". Il ticinese Sandro Pedroli - noto anche per aver combattuto il fascismo durante la seconda guerra mondiale con il nome di battaglia di "Barba Svizzera" - è spirato oggi a Zurigo. Lo riporta la Rsi.

Originario di Bodio, ma cresciuto in Piemonte dove il padre si era trasferito per lavoro, Pedroli aveva lavorato all'ospedale di Bellinzona fino al 1953, prima di aprire un suo studio medico nella città sulla Limmat.

Impegnato politicamente nel partito socialista e molto attivo in ambito umanitario, era stato definito "il medico degli "emigrati" per il suo impegno a favore degli stranieri che raggiungevano la Svizzera in cerca di un posto di lavoro.

 

Commenti
 
beta 3 mesi fa su tio
Specificare : migranti o clandestini ?
limortaccituoi 3 mesi fa su tio
Ce ne diresti un paio di questi enormi danni?
gluvi 3 mesi fa su tio
Rip,ma ne ha fatto di danni
sedelin 3 mesi fa su tio
@gluvi cosa può aver fatto un Uomo dedito al prossimo? dàaaii :-( vergognati!
centauro 3 mesi fa su tio
@gluvi ....vero, ai fascisti durante la guerra!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 15:10:58 | 91.208.130.89