ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
33 min
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
48 min
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
1 ora
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
1 ora
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
1 ora
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
1 ora
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
LUGANO
2 ore
Sono loro i migliori studenti del Liceo 1
LOCARNO
4 ore
Rive invase dal legname: «Puliamo ogni mattina, ci vuole tolleranza»
RIVA SAN VITALE
4 ore
Riva accoglie i suoi campioni
LUGANO
5 ore
Caldo notturno da record sul Ceresio: 24.2 gradi
VACALLO
6 ore
«Come va l'illuminazione pubblica?»
LUGANO
6 ore
Novanta alloggi per studenti e un ristorante al posto del teatro
GAMBAROGNO
14 ore
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
15 ore
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
16 ore
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
LOCARNO
07.06.2019 - 17:370
Aggiornamento : 17:53

Tensioni a causa di un gabbiano abbandonato da due giorni su un tetto

Un residente di via Stefano Franscini sollecita più volte l'intervento dell'APUS. Invano. «Alla fine, ho dovuto soccorrerlo io», dice. I volontari: «Non possiamo fare miracoli» 

LOCARNO – Un piccolo gabbiano abbandonato sul tetto di una casa di Locarno, in via Stefano Franscini, dalla sua "famiglia". È rimasto lì per due giorni. Nessuno, nonostante i solleciti di B.R., inquilino che abita nel palazzo di fronte, è intervenuto. In particolare l'Associazione Protezione Uccelli Selvatici (APUS). «Mi dicevano che andare sul tetto era troppo pericoloso – sostiene B.R –. Sono scandalizzato».

Un’associazione senza stipendi – Il cittadino locarnese avrebbe messo a dura prova i volontari dell'APUS, con continue chiamate. «È vero – ci spiega una volontaria –. Ci ha chiamati varie volte. Ma la nostra è appunto un'associazione basata sul volontariato, siamo solo in quattro persone e non siamo stipendiati da nessuno. Copriamo le spese grazie a donazioni. Facciamo del nostro meglio, in tutto il Ticino».

Situazione di pericolo – La situazione di Locarno, tuttavia, era piuttosto particolare. «Il tetto era bagnato – riprende la volontaria –, dunque scivoloso. Era una situazione di pericolo anche per noi». A un certo punto, dopo oltre 48 ore, il gabbiano è caduto dal tetto. E B.R. l'avrebbe prontamente soccorso. È lui stesso a raccontarlo. «A quel punto, ho richiamato l'APUS per chiedere di venire a prenderlo». 

Invito alla calma – Il gabbiano, che ha un'ala contusa, ora si trova "in cura" presso il centro dell'APUS di Intragna (Calezzo). «Era caduto dal nido – conclude la volontaria –. Ed è già piuttosto grande. Forse anche per questo i genitori l'hanno abbandonato. Questa esperienza ci permette di rinnovare l'invito alla calma nei confronti delle persone che ci chiamano. A volte uno non si rende conto che non possiamo fare miracoli e perde il senso della misura». 

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Claudio Ballinari 2 sett fa su fb
Facevano salire un gatto sul tetto, selezione naturale!!!
Silvana Camozzi 2 sett fa su fb
Intanto in quella Via parecchi reclamano per qualsiasi cosa due p.....batava chiamare hai pompieri
Milu Bourdelande 2 sett fa su fb
Cumplimenti a la persona k aiutato .
Tato50 2 sett fa su tio
@Giovanna Palumbo Certo ho parlato di cancro in risposta a qualcuno che scrive sulle donazioni. Con questo non dico che non amo gli animali, anzi, questa malattia mi ha portato ad apprezzare di più la vita e certe cose che prima erano normalità perché non so fino a quando potrò farlo. Certo è solo un piccolo dettaglio, in confronto ad un uccello su un tetto, che a te non te ne frega nulla !!! Ti auguro tanta salute ; D Senza scomodare Gandhi, preferisco un cane amico che un amico cane ;-((
Irish Boiani 2 sett fa su fb
Io ho chiamato diverse volte l l'associazione, sono sempre stati gentili e professionali e mi hanno sempre aiutato. Sono solo in 4 e ne hanno di lavoro da fare, e tutto questo come volontari. Finitela di fare gli indignati verso un associazione basata sul volontariato... c'è gente che anche con un stipendio non fa nulla comunque.
Giovanna Palumbo 2 sett fa su fb
Se fosse stato un cane o gatto le reazioni sarebbero state le stesse? Ho i miei dubbi! Qualcuno ha detto che B. R. è stato lì a guardare, da quello che si evince dall'articolo invece, non mi sembra proprio anzi, più che sollecitare diverse volte chi ha più competenze non poteva fare altro che pensarci lui...tanto di cappello a qualcuno che ha salvato una vita!!! Ricordiamoci che anche l'uomo è un animale ed è raro, nella società odierna, trovare ancora persone con una certa empatia verso qualunque tipo di "animale" è sempre più difficile...uomo compreso. La cosa triste è che c'è chi parla di cancro, chi parla di intelligenza, chi fa sarcasmo...é l'ennesima dimostrazione che a volte basterebbe un grazie o un bravo semplicemente senza dover puntare il dito ad ogni costo o trovare il pretesto per dire delle cose inappropriate. Grandezza e progresso morale di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. (Mahatma Gandhi)
Nuria Navarro Bolliger 2 sett fa su fb
Se l’uccello era di Rocco Siffredi c’era la coda per salvarlo...
pillola rossa 2 sett fa su tio
Tutto è bene quel che finisce bene. APUS fa quello che può, tanto di cappello!
Aly Magistra-Rodríguez 2 sett fa su fb
Problemi grassi
beta 2 sett fa su tio
A Locarno, poco tempo fà e in " diretta ", ho visto un corvo assalire un piccione. Esito della tensione; piccione morto. Chi dovevo chiamare ? Il becchino, i pompieri, la croce rossa, il Besomi ? Grazie per eventuali delucidazioni . buona notte .
Silvano Gatti 2 sett fa su fb
Che problemi che avete e
Micaela Scalabrini 2 sett fa su fb
Speriamo venga curato e non soppresso !!!
Alejandra Mia Arias 2 sett fa su fb
Abbiamo chiamato due volte per un anatroccolo e per un uccellino mai intervenuti lo abbiamo soccorso noi
Ile_82 2 sett fa su tio
Tra l’altro poteva chiamare qualcuno e far fare l’intervento ... un’opera di bene ogni la si potrebbe veramente anche fare no... ?!? Scandalizzato fino a far fare un articolo su tio ed in tanto è stato li a guardare la bestiolina senza far nulla!!! Pora Svizzera!!! E se qui qualcuno commenta sappiate che sono una volontaria e faccio donazioni ??????
Tato50 2 sett fa su tio
@Ile_82 Anch'io, alla Lega Cancro che tra poco mi farà "socio onorario", visto che sono al quarto ! E quello ha problemi con l'uccello ? Chiami un urologo la prossima volta ;D
Alessio Nesurini 2 sett fa su fb
Par cosa i ga fai sü i al a chesto?!
Ile_82 2 sett fa su tio
E da oggi il signor B.R. fa volontariato alla APUS, in caso di bisogno ha promesso di salire sui tetti a soccorrere gli uccellini!!! Inoltre comunica che farà ogni anno 1000.- di donazione ad ogni associazione di volontariato del cantone!
Anthina Agostini 2 sett fa su fb
In ambulanza ti insegnano che è meglio un codardo vivo che un eroe morto, poi tirate voi stessi le conclusioni.. seconda cosa il gabbiano è protetto, xchè non è intervenuta la Protezione Animali che oltretutto dispone di mezzi e soldi? E terzo è facile sparare sentenze se non conoscete, io stessa ho portato più volte uccellini feriti al loro rifugio, tanto di cappello invece che dei giovani ragazzi si prodigano con pochi mezzi x cercare di salvare qualsiasi volatile, questa è una brutta e scorretta pubblicità xchè invece meriterebbero maggiori aiuti.
Lu Lucy 2 sett fa su fb
ahahah che gente..la gran parte fasulla
Karmen Goy 2 sett fa su fb
Già avuto una brutta esperienza
Karmen Goy 2 sett fa su fb
Si volontari sulla carta
sedelin 2 sett fa su tio
SAMUELE SOLCà ha ragione: solo nel regno animale c'è la SELEZIONE NATURALE. qui si é fatto un cancan rovinando i rapporti fra persone a causa di un uccello malato destinato naturalmente a morire.
albertolupo 2 sett fa su tio
@sedelin Quasi peccato che qualche beota non si sia effettivamente avventurato sul tetto bagnato per prendere il simpatico pennuto, scivolando (e qui, siamo tutti buoni, avremmo tutti sperato senza farsi niente); avremmo avuto una doppia dimostrazione: 1) la selezione naturale esiste anche per gli umani, 2) non accettarla potrebbe portarci all'estinzione. SAMUELE SOLCÀ è pertanto da ritenere molto saggio… Il fatto che nessun umano si sia avventurato in questa impresa, tendenzialmente potrebbe anche dimostrare che gli umani sono mediamente più intelligenti dei gabbiani (un animale preso a caso). Ma di questa affermazione non sono sicurissimo. Forse l'esperimento non è durato abbastanza per la prova del contrario.
gigipippa 2 sett fa su tio
Io avrei mandato il micio sul tetto.
Ugo Norsa 2 sett fa su fb
non posso fare miracoli ??? vuol dire che è un miracolo se aiutano????
Nadine Ferrari 2 sett fa su fb
Letto l'articolo? 😏
koalaboss 2 sett fa su tio
Chiamare un altra associazione???
Samuele Solcà 2 sett fa su fb
Tutti gli esseri viventi accettano la selezione naturale tranne l'essere umano, e questo lo porterà all'estinzione
Karina Hangartner 2 sett fa su fb
Samuele Solcà cominci tu??
Samuele Solcà 2 sett fa su fb
Karina Hangartner devo cominciare a fere cosa scusa?
Karina Hangartner 2 sett fa su fb
Samuele Solcà perché aiutare un animale in difficoltà non significa andare contro la selezione naturale. Perché se è in nostro potere farlo, come in questo caso, aiutare altri, umani o animale, è un atto di umanità e rispetto. Oltre al fatto che siamo "animali" anche noi, ma se ti trovo agonizzante o bisognoso al ciglio di una strada, non ti lascio li aspettando la selezione naturale!!
Samuele Solcà 2 sett fa su fb
Karina Hangartner prima di tutto in questo caso si trattava di rischiare la vita per salire su un tetto ad "aiutare" un volatile abbandonato dai suoi genitori ( e spesso gli animali abbandonano i figli non sani, e se a noi può sembrare inumano a loro permette di mantenere una discendenza più sana e robusta). Dovremmo imparare che non sempre si può salvare tutti e tutto. Anzi qui la pretesa non era solo di salvare il volatile ma di pretendere che altri lo facessero a loro rischio
albertolupo 2 sett fa su tio
notiziona
miba 2 sett fa su tio
@albertolupo Si si, nel frattempo è stata riportata anche dal New York Times, da Le Monde e da El Mundo...:):):)
bibis 2 sett fa su tio
Alla fine l'importante è che il pennuto stia bene.. Bravissimo B.R!
Valerio Castellani 2 sett fa su fb
Che dire mi sembra che i commenti dicano già abbastanza poco meglio non commentare 🐺
Gus 2 sett fa su tio
in questa società sembra che ci si voglia occupare più degli animali che delle persone
Thor61 2 sett fa su tio
@Gus L'hai notato anche tu? Pensavo di essere il solo a vedere che sono più i commenti per gli animali! Poi se gli portano via metà del secondo polastro nessuno dice nulla!!! Potenza della mente "Umana" Saluti ;o)))) I "Volontari" che non hanno nemmeno chiamato i pompieri, cambino MESTIERE!
Emilio Motta 2 sett fa su fb
«Mi dicevano che andare sul tetto era troppo pericoloso – sostiene B.R –. Sono scandalizzato». Si aspettava davvero che un privato volontario rischiasse di immolarsi giù da un tetto? Non sarebbe vietato oltre che da incoscienti?
Luana Rondelli Poretti 2 sett fa su fb
E per un pullo di gabbiano?
Stefano Carrer 2 sett fa su fb
Vergognatevi
Manuela Decarli 2 sett fa su fb
meglio arrangiarci da soli , poi però non chiedano contributi
Nadine Ferrari 2 sett fa su fb
In certi casi servono i pompieri. A malincuore, certo, ma nemmeno io salirei mai su un tetto simile, oltretutto bagnato... tantomeno per un gabbiano.
Manuela Decarli 2 sett fa su fb
Nadine Ferrari - l'associazione dovrebbe dire chiaro d cosa si occupa, giè per un altro gabbiano a Locarno e questa volta era per terra, non si sono mossi , poi una persona di buon cuore la portato al sicuro, per questo ho scritto meglio fare da soli ma la gente oggi deve sempre far intervenire altri, il buon senso non esiste più
Nadine Ferrari 2 sett fa su fb
Di cosa si occupi è scritto chiaramente sul loro sito e, sebbene trattino anche il "soccorso e l’intervento sul terreno in diverse situazioni di minaccia e difficoltà per gli uccelli selvatici", ciò che ho scritto sopra non cambia: vabbè l'amore per gli uccelli, ma mettere a rischio la propria vita proprio no... Sugli altri casi non mi pronuncio ma prima di giudicare sarebbe il caso di considerare che magari anche in quei casi c'erano dei motivi validi, non credi? Sono in pochi e, a quanto pare, alla ricerca urgente di volontari. https://www.apusapus.ch/abbiamo-bisogno-di-te-ricerca-urgente-di-volontari
Nadine Ferrari 2 sett fa su fb
Di cosa si occupi è scritto chiaramente sul loro sito e, sebbene trattino anche il "soccorso e l’intervento sul terreno in diverse situazioni di minaccia e difficoltà per gli uccelli selvatici", ciò che ho scritto sopra non cambia: vabbè l'amore per gli uccelli, ma mettere a rischio la propria vita proprio no... Sugli altri casi non mi pronuncio ma prima di giudicare ci sarebbe da considerare che magari anche in quelle occasioni c'erano dei motivi validi, non credi? Sono in pochi e, a quanto pare, alla ricerca urgente di volontari. https://www.apusapus.ch/abbiamo-bisogno-di-te-ricerca-urgente-di-volontari
Fatima Mombelli Pegoraro 2 sett fa su fb
Che tristezza 🤦🏽‍♀️🥺
Sylvan Rusca 2 sett fa su fb
Onestamente non capisco cosa c'entra il fatto che non siano stipendiati ma volontari? Spesso capita anche nello sport giovanile dove monitori svogliati e incapaci si giustificano con il fatto d'essere volontari e non stipendiati.
Nadine Ferrari 2 sett fa su fb
Spesso capita anche che chi sale sui tetti senza competenze, preparazione e/o attrezzature specifiche cade di sotto e finisce spiaccicato sull'asfalto. Sono volontari in quanto amanti degli animali, non in quanto pompieri o acrobati. Facile fare i fenomeni sulla pelle degli altri.
Sylvan Rusca 2 sett fa su fb
Nadine Ferrari se non sei competente chiami chi lo è. Ma qualcosa fai (anche senza dover fare il fenomeno).
Sonny Carta 2 sett fa su fb
...In a nutshell
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 13:00:19 | 91.208.130.87