Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
40 min
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
1 ora
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
2 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
3 ore
Biscotti e abbonamenti "Binario 5" per gli studenti ticinesi
BELLINZONA
4 ore
Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»
TENERO
5 ore
Sport e divertimento per giovani in carrozzella
MAGGIA
5 ore
A Maggia il Tetris è vintage
CANTONE
5 ore
Europa League in tv: gratis la prima partita del Lugano, poi si vedrà
LUGANO
6 ore
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
6 ore
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
7 ore
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
7 ore
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
8 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
9 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
CADENAZZO
06.06.2019 - 18:270

Accoltellamento in un parcheggio, si andrà in aula

Davanti al giudice finiranno il figlio, tuttora in carcere, e il padre. Il 26enne è accusato di tentato omicidio

CADENAZZO - Padre e figlio presunti responsabili dell’accoltellamento avvenuto a Cadenazzo lo scorso 21 agosto dovranno comparire in aula. Lo riporta la Rsi, ricordando che i due arrivarono da Zurigo in Ticino, dove la madre stava frequentando un uomo. Il figlio, oggi 26enne, aveva incontrato l’amante della donna in un parcheggio, e aveva tentato di accoltellarlo. Fortunatamente i due colpi non andarono a segno. Più tardi i due si incrociarono sulla strada, e l’amante inciampò. Fu lì che ricevette una terza coltellata, al fianco.

Per la procuratrice pubblica Lanzillo si trattò di tentato omicidio, per dolo diretto. Negli scorsi giorni è stato dunque firmato il rinvio a giudizio. Verrà richiesta una pena superiore ai 5 anni di carcere.

Ma non è tutto. Stando a Lanzillo, il figlio avrebbe cercato di assoldare qualcuno per picchiare il 50enne. Pertanto dovrà rispondere anche di tentata istigazione al reato di aggressione.

Il 26enne si trova ancora dietro le sbarre, e nega di avere inferto la terza coltellata (ha ammesso invece le prime due). La perizia psichiatrica non ha rilevato alcuna scemata imputabilità.

Il padre, che comparirà anch’egli davanti al giudice, è tornato in libertà. Sostiene di non essere stato a conoscenza della presenza del coltello. Ma fu lui, sempre stando alla Rsi, a sbarazzersene in un’area di sosta ritornando a Zurigo. È accusato di complicità in tentato omicidio.

1 anno fa Dietro l'accoltellamento una relazione non tollerata
1 anno fa Accoltellamento in via San Gottardo, arrestato un 25enne
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:20:42 | 91.208.130.86