ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
48 min
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
1 ora
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
1 ora
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
2 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
3 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
3 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
4 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
4 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
5 ore
«Altroché allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
6 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
6 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
7 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
7 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
7 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
7 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
SERRAVALLE
04.06.2019 - 16:210

«Neonazisti presenti nella regione almeno dal 2015»

Il PS si esprime sulla vicenda che ha colpito Lea Ferrari: «Atti che non vanno banalizzati e che si stanno diffondendo sull'insieme del territorio cantonale»

SERRAVALLE - Anche il Partito Socialista ha voluto esprimere la «più grande solidarietà» a Lea Ferrari, Granconsigliera del Partito Comunista, per «l'inaccettabile atto intimidatorio di stampo nazifascista» che il PS condanna «con fermezza» e sul quale invita le autorità competenti a fare chiarezza al più presto.

«Atti del genere - sottolineano i Socialisti - non vanno banalizzati, non sono né delle ragazzate né dei casi isolati, come dimostrato da fatti analoghi contro esponenti di Sinistra registrati altrove in Svizzera: vanno combattuti seriamente poiché oltre alla convivenza pacifica, mettono a repentaglio la democrazia».

Secondo il PS la presenza di gruppi neonazisti nella regione di Biasca e della Riviera è comprovata almeno dal 2015. A dimostrarlo sarebbero inoltre gli atti di stampo nazifascista che «si sono moltiplicati negli ultimi tempi in modo diffuso sull’insieme del territorio cantonale, accompagnati da simboli fascisti e nazisti».

Atti, questi, definiti «intimidatori e preoccupanti perché volti a instaurare un clima di paura che nuoce tanto alla convivenza pacifica in seno alla popolazione quanto alla democrazia e alla libertà di esponenti, elette ed eletti di portare avanti la loro azione politica».

3 sett fa Simboli nazisti davanti casa di Lea Ferrari, la condanna dei comunisti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 19:01:20 | 91.208.130.85