ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
51 min
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
1 ora
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
3 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
3 ore
Biscotti e abbonamenti "Binario 5" per gli studenti ticinesi
BELLINZONA
4 ore
Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»
TENERO
5 ore
Sport e divertimento per giovani in carrozzella
MAGGIA
5 ore
A Maggia il Tetris è vintage
CANTONE
5 ore
Europa League in tv: gratis la prima partita del Lugano, poi si vedrà
LUGANO
6 ore
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
6 ore
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
7 ore
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
8 ore
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
8 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
9 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
SERRAVALLE
04.06.2019 - 16:210

«Neonazisti presenti nella regione almeno dal 2015»

Il PS si esprime sulla vicenda che ha colpito Lea Ferrari: «Atti che non vanno banalizzati e che si stanno diffondendo sull'insieme del territorio cantonale»

SERRAVALLE - Anche il Partito Socialista ha voluto esprimere la «più grande solidarietà» a Lea Ferrari, Granconsigliera del Partito Comunista, per «l'inaccettabile atto intimidatorio di stampo nazifascista» che il PS condanna «con fermezza» e sul quale invita le autorità competenti a fare chiarezza al più presto.

«Atti del genere - sottolineano i Socialisti - non vanno banalizzati, non sono né delle ragazzate né dei casi isolati, come dimostrato da fatti analoghi contro esponenti di Sinistra registrati altrove in Svizzera: vanno combattuti seriamente poiché oltre alla convivenza pacifica, mettono a repentaglio la democrazia».

Secondo il PS la presenza di gruppi neonazisti nella regione di Biasca e della Riviera è comprovata almeno dal 2015. A dimostrarlo sarebbero inoltre gli atti di stampo nazifascista che «si sono moltiplicati negli ultimi tempi in modo diffuso sull’insieme del territorio cantonale, accompagnati da simboli fascisti e nazisti».

Atti, questi, definiti «intimidatori e preoccupanti perché volti a instaurare un clima di paura che nuoce tanto alla convivenza pacifica in seno alla popolazione quanto alla democrazia e alla libertà di esponenti, elette ed eletti di portare avanti la loro azione politica».

3 mesi fa Simboli nazisti davanti casa di Lea Ferrari, la condanna dei comunisti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:31:53 | 91.208.130.87