Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
6 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
7 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
8 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
9 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
9 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
10 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
10 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
11 ore
«Altro che allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
12 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
12 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
13 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
13 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
13 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
14 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
CONFINE
21.05.2019 - 21:020

Con l'auto svizzera dichiara il falso. E viene denunciato

L'italiano pizzicato a Crevoladossola ha cercato di eludere i controlli affermando di essere residente all'estero. Peggiorando la situazione

CREVOLADOSSOLA - È stato pizzicato a bordo di un'auto con targa svizzera in Italia. A guidarla, però era un 24enne automobilista italiano. Che per evitare sanzioni ha provato a fare il furbo, dichiarando di essere un cittadino iscritto all’A.I.R.E. (L’Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero).

Tutto ciò per eludere il controllo stradale ed evitare le sanzioni previste dal Codice della Strada italiano per chi utilizza autoveicoli con targa estera. A tradirlo è stato però il comportamento estremamente nervoso ed un atteggiamento quasi indispettito.

Per queste ragioni, riferisce il portale Ossola24, i militari hanno voluto procedere con i dovuti accertamenti. Si è così appreso che il giovane era residente in Italia, nel comune di Domodossola. Insomma, aveva mentito.

I Carabinieri a quel punto non hanno potuto far altro che procedere con la denuncia a suo carico, consistente nella violazione al Codice della Strada e relativa sanzione amministrativa di circa 500 Euro, nonché della denuncia penale per “falsa attestazione ad un pubblico ufficiale”, come previsto dal Codice Penale".

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 01:10:50 | 91.208.130.85