Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
SVIZZERA
10 ore
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
11 ore
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
CANTONE
12 ore
Il Ticino torna a scuola, «ma le lacune non mancano»
Il SISA prende posizione: per una scuola davvero normale occorre annullare le disparità e introdurre misure di sostegno.
FOTO
CANTONE
13 ore
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
GIUBIASCO
16 ore
Il direttore si dimette
La Cantina sociale di Giubiasco è di nuovo senza guida, se ne va Conceprio
CANTONE
16 ore
La scuola ricomincia in aula, per tutti
Lo ha comunicato oggi il Governo ticinese: «È lo scenario che fa funzionare le scuole in maniera corretta»
BELLINZONA
17 ore
Due presunti islamisti a processo
Il dibattimento inizia oggi al Tribunale penale federale di Bellinzona. Gli imputati sono un 34enne e un 37enne
CANTONE
17 ore
Coronavirus in Ticino: nel weekend quattro casi e zero decessi
Nel nostro cantone il numero complessivo di persone risultate positive al virus sale a 3'453
CANTONE
18 ore
Disoccupati in (lieve) calo
A luglio trend positivo. Ma rispetto all'anno scorso c'è un peggioramento
ASCONA
18 ore
Quante sassate sul lungolago
Si è svolta con grande successo la nona edizione del campionato ticinese del lancio del sasso. Ecco come è andata.
CANTONE
18 ore
Biotecnologia: il miglior CEO dell'Europa centrale è a Comano
Premiato Davide Staedler che gestisce la società TIBIO
SVIZZERA
19 ore
I genitori potranno portare i figli a scuola?
Dipende dalla scuola. Alcune lo vietano espressamente. Oggi il Ticino chiarirà la sua strategia
CANTONE
21.05.2019 - 11:510

«Sapeva dei massaggi intimi, ma ha sminuito i fatti»

L’accusa propone una pena pecuniaria, sospesa, nei confronti del direttore della scuola di Arbedo-Castione a processo per favoreggiamento. La difesa chiede l'assoluzione

LUGANO - «Sapeva perfettamente come comportarsi di fronte alla segnalazione di un possibile abuso sessuale». Così il sostituto procuratore generale Nicola Respini, chiedendo che il direttore dell’istituto scolastico di Arbedo-Castione sia condannato a una pena pecuniaria, sospesa. Per l’accusa l’imputato di 61 anni non avrebbe ascoltato la richiesta d’aiuto proveniente da una madre che gli aveva segnalato il comportamento sospetto del docente: «La donna gli ha spiegato che il maestro faceva dei massaggi sotto le mutande» sottolinea.

E il direttore avrebbe percepito, a mente di Respini, che la madre «era sconvolta». Ma quando ha poi contattato il sindaco per informarlo, si sarebbe limitato a dirgli che il maestro praticava dei messaggi alla schiena dell’allievo. «Ha cercato in tutti i modi di sminuire quanto era successo».

Un comportamento che stupisce, a dire dell’accusa. Da una parte considerando che negli ultimi decenni si fa sempre più prevenzione e sensibilizzazione relativa agli abusi sui minori. «Anche nell’istituto scolastico di Arbedo-Castione». Dall’altra perché in passato il direttore si era già dovuto confrontare con presunti abusi, che gli erano stati segnalati da una docente della scuola dell’infanzia: «Allora aveva subito interpellato la polizia».

La richiesta è dunque di confermare il decreto d’accusa, che propone una pena pecuniaria sospesa di complessivi 20’400 franchi.

La difesa punta all’assoluzione - Non ci sta la difesa, rappresentata dall’avvocato Niccolò Giovanettina, che punta all’assoluzione. «Dobbiamo riportare le lancette dell’orologio a quel giugno del 2015, lasciando da parte quello che sappiamo oggi dopo la condanna del maestro: era un maestro difficile, ma nessuno pensava che potesse essere associato a quel tipo di reati» afferma il legale.

Il difensore chiede quindi una ricostruzione dei fatti che sia «corretta». Il direttore all’epoca aveva ricevuto la segnalazione e ne avrebbe immediatamente parlato con il sindaco: «È stato lo stesso sindaco a dirgli di convocare il docente». E l’imputato così aveva fatto, «non per aiutarlo o favorirlo, ma per capire la situazione». Se avesse voluto ostacolare la ricerca della verità, «non avrebbe dapprima chiamato il sindaco».

La madre non avrebbe inoltre informato il direttore di essersi già rivolta al pediatra e all’assistenza alle vittime, tantomeno dell’intenzione di fare denuncia: «Alla donna interessava la messa in sicurezza degli allievi, che il docente non tornasse in classe, non si aspettava che chiamasse la polizia». La gravità della situazione, sottolinea il legale, non era chiara «nemmeno alla famiglia».

Il giudice Marco Villa comunicherà la decisione alle 12.30.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
Se il direttore fosse stato un vescovo e il docente un prete, come avrebbe reagito la procura? In tutta questa storia non oso immaginare come possano sentirsi i genitori di questi ragazzini.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Grottesco. Un pensiero ai bimbi e ai loro genitori.
Frittella72 1 anno fa su tio
È già inammissibile che con tutti i tam tam, anche negli anni precedenti al fatto, nessuno abbia preso provvedimenti seri. Ora ci tocca anche accettare una pena ridicola per il docente e magari per il direttore. Inoltre a mio avviso anche il municipio ( del quale i 2 fanno/facevano parte ) ha la coscienza bella sporca! Da Licenziare tutte 2, altro che tenerli fino alla pensione così non gli salta la “giusta” retribuzione. E sempre il municipio totalmente assente con le famiglie della classe coinvolta.... ci si sarebbe aspettati almeno un cenno, giusto per far sapere di essergli vicino e di comprendere tutte sofferenze che hanno subito. Ma naturalmente niente di tutto questo..... Arbedo come Sciacca!!
britio 1 anno fa su tio
—> Frankeat ... Ma ti rendi conto di quello che scrivi? Vergognati dei tuoi di impulsi!
Frankeat 1 anno fa su tio
@britio No, dai spiegati.
Frankeat 1 anno fa su tio
Non è che magari anche il direttore ha questi impulsi?
pillola rossa 1 anno fa su tio
@Frankeat Oppure sono dello stesso partito?
Frankeat 1 anno fa su tio
@pillola rossa Non ha rubato un computer ma ha fatto qualcosa di ignobile. Non penso che nessun essere umano con un cervello coprirebbe una persona dopo un fatto del genere, solo perché è dello stesso partito. Sarebbe da impalare in piazza.
pillola rossa 1 anno fa su tio
@Frankeat L'hai detto
Tato50 1 anno fa su tio
Se c'era "Scuola Sicura" pagava e basta ;-(((
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:54:26 | 91.208.130.87