ULTIME NOTIZIE Ticino
GRAVESANO / BEDANO
7 min
Medio Vedeggio: «Un’aggregazione che non s’ha (ancora) da fare»
La Lega dei Ticinesi di Gravesano è perplessa, sia per ragioni finanziarie, sia per l'assetto organizzativo.
CANTONE
21 min
26 assunzioni all’Ufficio della migrazione, scatta l’interpellanza
Il gruppo MPS-POP-Indipendenti si rivolge al Consiglio di Stato per avere spiegazioni
BELLINZONA
24 min
«Facciamo pagare chi ci ha danneggiato»
I Verdi chiedono di far passare alla cassa chi ha inquinato il sito della Petrolchimica SA di Preonzo.
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
«Si è trasferito con mio figlio in Italia, sono disperata»
L’ex modella russa Marianna Zhukova ha “lottato” prima con l’ARP, ora non sa se potrà rivedere il suo Gabriel
CANTONE
3 ore
Fine della pausa estiva per il Gran Consiglio
I lavori riprenderanno questo pomeriggio. Sul tavolo il Consuntivo e la CPI per il caso dell'ex funzionario del DSS
CANTONE
3 ore
Strade troppo rumorose: 216 chilometri da rifare
Carlo Celpi, della Divisione delle costruzioni: «Puntiamo su asfalto fonoassorbente e riduzione della velocità».
CANTONE
9 ore
«L'epilessia è stata la causa principale di licenziamento»
Per Fabia, 29 anni, la sua malattia non è un impedimento a una vita normale.
LOCARNO
11 ore
Si "fanno" con il farmaco del cane
Il Caniphedrin procura effetti simili alla cocaina. Ma trovarlo in farmacia è piuttosto facile. Un caso nel Locarnese.
CANTONE
13 ore
I funghi meglio dell'ospedale: «Solo due infortuni in un mese»
La Rega chiamata in causa solo due volte da fungiatt in difficoltà: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza».
FOTO
FAIDO
15 ore
Osco, le immagini dell'auto distrutta
La Polizia cantonale è alla ricerca di testimoni. Il conducente deceduto non è ancora stato identificato
ROVEREDO (GR)
17 ore
Fungiatt ferito in Val del Magin
Il 51enne è scivolato sul ripido terreno, precipitando per diversi metri e finendo nel greto di un torrente
FAIDO
17 ore
Incidente mortale in Leventina. Qualcuno ha visto qualcosa?
L'auto ha fatto un volo di 400 metri, a Osco. Il conducente non è ancora stato identificato
GAMBAROGNO
21.05.2019 - 10:230
Aggiornamento : 10:49

Vandalismi e minacce di morte: due arresti

Due 35enni, un uomo e una donna, sono sospettati di essere gli autori dei danneggiamenti di diverse auto nel Gambarogno

GAMBAROGNO - Sono sospettati di essere gli autori di una serie di danneggiamenti ai danni di almeno sei veicoli nel Gambarogno (come da noi già riferito in due precedenti articoli), i due soggetti arrestati il 17 di maggio scorso.

Stando a Ministero pubblico e Polizia cantonale trattasi di un 35enne cittadino svizzero e una 35enne cittadina italiana entrambi residenti nel Bellinzonese.

La loro identificazione e il successivo fermo sono stati resi possibili dagli accertamenti scaturiti dall'apposita inchiesta della Polizia cantonale. Nei loro confronti si ipotizzano gli addebiti di danneggiamento, coazione, minaccia, ingiuria, calunnia e diffamazione. Non è chiaro al momento il motivo del loro agire. 

La misura restrittiva della libertà è già stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC). L'inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Nicola Respini.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 1 anno fa su tio
Sempre più spesso succede che persone minacciano o mettono le mani addosso ad altri e spesso si tratta di gente che va sul sicuro nascondendosi dietro a un cartello anonimo, oppure fisicamente preparata a picchiare, codardi senza attributi che se la prendono con chi non può difendersi alla pari. Non lasciamo attecchire questo modo di vivere anche da noi, ne va del benessere e della sicurezza in casa nostra. Bisogna condannare duramente la gentaglia che si comporta così e questo è un compito delle nostre istituzioni.
mats70 1 anno fa su tio
@francox Hai pienamente ragione ma purtroppo se si comportano così è perché sanno perfettamente che non succederà mai nulla. Da noi questa gente è tutelata.
Zarco 1 anno fa su tio
Tanto clamore per nulla ! Poi ci sarà la solita condanna innocua (uso termini leciti...) ma l’aggettivo sarebbe ben altro!!!!
roma 1 anno fa su tio
...e bon, il nostro "eroe in galera, l'altra in galera e poi espulsione.
TI.CH 1 anno fa su tio
@roma Io propenderei per certa gentaglia una volta accertato che sono stati loro, una bella pena esemplare di quelle che ti suonano le orecchie per un bel pezzo:"4 anni di lavori forzati nel deserto, di giorno con il mantello di notte in costume da bagno ", vedrete che non avranno più voglia di minacciare nessuno.
Tato50 1 anno fa su tio
..............i due uomini arrestati il 17 di maggio scorso. Stando a Ministero pubblico e Polizia cantonale i due sono un 35enne cittadino svizzero e una 35enne cittadina italiana entrambi residenti nel Bellinzonese. Mah; una è diventata femmina dopo l'arresto ? ;-))
beta 1 anno fa su tio
@Tato50 Ha, ha, ha, hai visto che basta arrestare un ... maschio, dalla paura perde il salame con annessi e connessi e diventa ... femmina . Non c'é più bisogno di andare in Germania . Va meglio ? Che é più importante . Buona notte .
jena 1 anno fa su tio
bene, uno in prigione e una in prigione piu' espulsione !!!
Arciere 1 anno fa su tio
@jena "(...) un 35enne cittadino svizzero e una 35enne cittadina italiana", cosa vuoi espellere?
Tato50 1 anno fa su tio
@Arciere Chi ha scritto l'articolo ;-)))))))))
jena 1 anno fa su tio
@Arciere cittadina italiana residente ?!?!?!
Arciere 1 anno fa su tio
@jena E che ne so? Ma c'è feccia peggiore che meriterebbe in priorità l'espulsione.
jena 1 anno fa su tio
@Arciere danneggiamento, coazione, minaccia, ingiuria, calunnia e diffamazione.... non ti basta???? da qualche parte si deve pur cominciare... qui ci sono minacce di morte!!!!!!!!!!!!
Arciere 1 anno fa su tio
@jena C'è chi minaccia di morte e c'è chi ammazza, priorità a chi fa. Chi taglia gomme è gente che non ha le palle per tagliare gole. Danneggiamento, ingiuria, calunnia, diffamazione sono barzellette oggigiorno, robetta da aliquote con la condizionale. Non c'è posto nelle prigioni, cara jena...
jena 1 anno fa su tio
@Arciere vero... ma non vedo nessuna valida ragione per tenerla qua !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 09:20:02 | 91.208.130.89