Rescue Media
+ 12
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
8'070 firme per salvare l'aeroporto
CONFINE / CANTONE
3 ore
Ticinese si ribalta a Ponte Chiasso, ferita una 67enne
SAN VITTORE (GR)
5 ore
Un (altro) brunch con Martullo-Blocher e Chiesa
CANTONE
5 ore
Nuovi tagli in vista alla Rsi
COLLINA D'ORO
5 ore
Collina d'Oro riceverà il marchio per la Città dell'energia
CAPRIASCA
5 ore
Tre nuove installazioni arricchiscono Artinbosco
CONFINE / CANTONE
5 ore
Agente di sicurezza in Ticino trovato morto dopo la gara di bodybuilding
ROVEREDO (GR)
6 ore
Galleria di San Fedele chiusa oltre un'ora per un incidente
PARADISO
6 ore
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
7 ore
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
7 ore
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
8 ore
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
8 ore
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
STABIO
11.05.2019 - 18:410
Aggiornamento : 12.05.2019 - 09:20

«L’edificio della Raiffeisen era completamente avvolto dal fumo»

Rapinato un bancomat. Il racconto di una delle prime persone giunte sul posto

STABIO - «Sono stato svegliato da un grande botto, mi sono affacciato dalla finestra e ho visto l’edificio che ospita la Banca Raiffeisen completamente avvolto dal fumo, sembrava un fungo atomico». Con queste parole un abitante di Stabio che vive a 80 metri da dove questa notte è stato fatto esplodere un bancomat racconta la disavventura del quartiere.

«Pensavo a un incidente o a una fuga di gas, sentivo delle voci in lontananza e sono corso in strada». Una volta davanti al civico 4 di Via Ligornetto è altro quello che si è trovato davanti e di persone nemmeno l'ombra. «La parete era completamente sfondata, pezzi di lamiera erano anche a 50 metri di distanza, un cavo usciva per diversi metri... Un disastro».

I malviventi erano già fuggiti, e a poco a poco sono sopraggiunti i vicini. «Ho visto il soffitto in cattive condizioni, così ci siamo assicurati che non ci fosse nessuno in pericolo. Un signore si è presentato con una spada in mano, mi ha spiegato che ha sentito parlare in una lingua straniera, il figlio è corso dietro ai ladri con la macchina, ma nulla».

I fuggitivi, bottino alla mano, hanno fatto perdere le loro tracce. La polizia ha organizzato un vasto dispositivo di ricerca in collaborazione con le Polizie comunali, le Guardie di confine e la autorità italiane. «Ho vissuto anche altrove e ho subito diversi furti, speravo che qui andasse meglio... ma questi eventi sono sempre più sistematici e organizzati, capisco che è difficile per le forze dell'ordine».

Si tratta infatti del quarto colpo con metodologie simili dopo Arzo, Coldrerio e Novaggio. Gli specialisti, giunti anche da Zurigo, hanno analizzato l'area per trovare il maggior numero di informazioni utili.

Rescue Media
Guarda tutte le 16 immagini
4 mesi fa Esplosione nella notte al bancomat. Autori in fuga
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 22:58:41 | 91.208.130.86