Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 min
Una ticinese al Tribunale penale federale
CONFINE
14 min
Clooney è arrivato, pronto a ricevere Obama
CANTONE
14 min
Arrivano le vacanze, ma i ladri non vanno in ferie
LUGANO
1 ora
Divieto di fumo in stazione, anche sul binario 4
LUGANO
1 ora
Per reggere l’esame, mi “sparo” un energy drink
PARADISO
1 ora
F.C. Paradiso festeggiato dal Municipio
BELLINZONA
2 ore
Truffa agli anziani, condannata una falsa segretaria
CANTONE
3 ore
I taxi sotto la lente del Cantone
LOCARNO
13 ore
Direttore licenziato: «Sant'Eugenio allo sbando?»
LUMINO
13 ore
Via Berté, luce verde a riqualifica e messa in sicurezza
LOCARNO
14 ore
La maggioranza del Consiglio comunale dice no al fumo nei parchi
CANTONE
14 ore
Se n'è andato il "medico degli emigrati"
IRAGNA
16 ore
Cerca di aiutare un giovane in difficoltà, rischia di annegare
AIROLO
17 ore
Veicolo in panne nel Gottardo, galleria riaperta
CANTONE
17 ore
Il nuovo direttore dell'IRB sarà Davide Robbiani
LUGANO
10.05.2019 - 09:420
Aggiornamento : 13:28

Truffa del falso nipote, in manette una 18enne

L'arresto è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione di una cittadina, che ha contattato la polizia dopo aver capito che una conoscente stava per essere truffata

LUGANO - Ancora un falso nipote finito in manette. Questa volta, a finire in manette l'8 maggio, è stata una 18enne residente in Germania che stava tentando di mettere a segno la truffa.

Come comunica oggi il Ministero pubblico e la Polizia cantonale, il dispositivo ha fatto seguito anche a diverse segnalazioni che indicano una recrudescenza di questo tipo di contatti telefonici truffaldini. Il modus operandi ricalca quello evidenziato a più riprese in passato: queste persone si spacciano per un parente chiedendo ingenti somme di denaro e giustificandole con un'urgenza. 

L'arresto della 18enne è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione di una cittadina che, comprendendo che vi era in atto una truffa del falso nipote ai danni di una anziana conoscente del Locarnese, ha immediatamente contattato la Polizia. Fondamentale è stato anche il fatto che l'anziana presa di mira, dopo aver prelevato il denaro, abbia richiesto la presenza di un testimone al momento della consegna degli averi. Richiesta che ha spinto la 18enne a desistere dai suoi intenti e a darsi alla fuga. Ne è nato un importante dispositivo di ricerca, coordinato e messo in atto dalla Polizia cantonale, che di lì a poco è culminato con il fermo della donna, eseguito da agenti della Polizia della città di Lugano nei pressi della stazione ferroviaria cittadina. In base a quanto ricostruito, la 18enne era giunta espressamente in Ticino col compito di recuperare il denaro. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Zaccaria Akbas.
 
La polizia ricorda i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.
  • Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.
  • Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!
  • Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.
  • Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza).
  • Informate i vostri parenti e conoscenti dell'esistenza di questo tipo di truffa.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-19 09:46:34 | 91.208.130.86