Tio / D.I.
+ 3
LUGANO
11.04.2019 - 08:300
Aggiornamento : 10:39

Che pasticcio sulla frana di Davesco: chi paga?

Il proprietario del terreno è deceduto. Gli eredi si sono fatti da parte. La Città attende di riavere i soldi anticipati per le verifiche. E la famiglia di una vittima non ha ricevuto alcun risarcimen

LUGANO – Un gran garbuglio. La frana di Davesco, verificatasi nel novembre del 2014, e costata la vita a due donne che vivevano nella palazzina travolta dai detriti, continua a fare discutere. Stavolta per questioni finanziarie. Il proprietario del terreno è deceduto nel 2018. I suoi eredi avrebbero rinunciato all’eredità. Quindi non potranno, e non dovranno, risarcire i creditori dell’uomo. Né la Città di Lugano, che aveva anticipato diverse decine di migliaia di franchi per le verifiche della situazione. Né la famiglia di una delle due vittime (l’altra era figlia del proprietario stesso).

Grosse pendenze finanziarie – Se dal profilo della messa in sicurezza della zona la situazione sembra essere stata ripristinata (mancherebbe solo il collaudo finale), altrettanto non si può dire per le pendenze finanziarie in sospeso. «Ci risulta che siamo di fronte a un’eredità giacente – dice Angelo Jelmini, capo del Dicastero sviluppo territoriale –. In queste circostanze, dunque, la palla passa ad altre istanze».

I tempi si dilatano – Ad esempio, agli uffici di esecuzioni e fallimenti. La faccenda, dal momento che ora si dovrà fare luce sui beni effettivi rimanenti dell’ormai ex proprietario del terreno, rischia di andare decisamente per le lunghe. Gli accertamenti, visto che l’uomo è morto solo pochi mesi fa, sarebbero ancora in corso. «Noi – riprende Jelmini – abbiamo in ogni caso fatto presente nelle dovute sedi che stiamo aspettando di riavere quanto abbiamo anticipato». 

Misteri della burocrazia – Verrebbe da chiedersi come mai dal 2014, anno della tragedia, nulla si sia mosso fino al 2018, anno del decesso del proprietario. Mistero. Una cosa è certa. Anche la famiglia di una delle due vittime è in attesa di risarcimento, per avere perso la propria cara. In  linea teorica dovrebbe rispondere l’assicurazione dell’ex proprietario dello stabile. Ma ora che è deceduto, chi se ne occuperà? «Aspettiamo risposte concrete da troppo tempo – sospira una famigliare della vittima –. È davvero una situazione triste».

Tio/Davide Giordano
Guarda tutte le 7 immagini
1 anno fa «Dopo la frana, ingrassata fino a 130 chili: oggi ne peso 70»
4 anni fa Davesco: uno sguardo alle macerie
4 anni fa Davesco: visita-lampo tra le macerie. Ecco le foto
4 anni fa Davesco-Soragno, ripristinate le attività commerciali
4 anni fa Stupore sulla supervilla di Davesco-Soragno
4 anni fa Davesco, la zona della frana resta off-limits
4 anni fa Il Parlamento onore le vittime di Davesco-Soragno e Bombinasco
4 anni fa Una raccolta di fondi e indumenti per le vittime di Davesco
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-24 09:01:09 | 91.208.130.86