Foto lettore Tio.ch/20 minuti - Salvatore
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
57 min
Tamponamento a Gandria, un ferito
Una donna è stata trasportata in ospedale per controlli.
CANTONE
3 ore
Settimana di sole, nonostante qualche temporale
Previsto bel tempo, senza eccessiva calura. Mercoedì attesa una giornata "bagnata".
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Auto divorata dalle fiamme in un parcheggio
L'incendio è divampato questa notte in una proprietà privata di Via al Maglio a Bellinzona.
LUGANO
17 ore
I docenti "silenziosi" finiscono in Procura
«Sapevano delle violenze, ma non hanno denunciato». La Pp Marisa Alfier vuole vederci chiaro
CANTONE
18 ore
«Le mascherine vanno indossate anche in ufficio»
Emergenza Covid, i rischi nascosti della trasmissione aerea. Christian Garzoni mette in guardia
CANTONE
23 ore
«Sospendiamo chi sapeva ma ha taciuto»
M. Robbiani chiede d'intervenire nei confronti dei docenti che non hanno segnalato le violenze subite da due allievi.
GORDOLA
1 gior
Trovato in gravi condizioni il 34enne scomparso
L'uomo di cui si erano perse le tracce il 3 luglio era rimasto vittima di una caduta sui Monti di Metri.
CANTONE
1 gior
Scossa sismica nel Sopraceneri
L'epicentro è stato localizzato dal Servizio sismico svizzero presso la Cima dell'Uomo.
CANTONE
1 gior
Fuori dalla quarantena: nessun sintomo per i giocatori
È terminato ufficialmente venerdì l'isolamento per i venti componenti di una squadra sottocenerina del calcio regionale.
CANTONE / URI
1 gior
Quaranta minuti di attesa al San Gottardo
Al portale nord della galleria si registravano quattro chilometri di coda questa mattina.
CANTONE
1 gior
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
1 gior
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
CANTONE / ITALIA
26.12.2018 - 18:320
Aggiornamento : 20:26

Da Bellinzona in Sicilia per Natale: «Ballava tutto, siamo usciti al freddo»

Salvatore ci racconta la brutta esperienza vissuta questa notte con la scossa di magnitudo 4.8. La parete di casa è crollata. «Ora andiamo a Catania»

VIAGRANDE - «È stato tremendo, ballava tutto e abbiamo temuto che arrivasse una scossa ancora più forte e crollasse il mondo». È con queste parole che Salvatore racconta la brutta esperienza vissuta questa notte, quando alle 3.19 una scossa di magnitudo 4.8 ha colpito il Catanese.

Salvatore abita a Bellinzona e si è recato in Sicilia, sua patria, per le feste di Natale. «Noi per fortuna stiamo bene, ma non posso dire lo stesso per altre persone».

L’epicentro della scossa si trova proprio tra Trecastagni e Viagrande, dove si trova Salvatore. Le persone sono uscite dalle loro case e si sono riversate in strada. «Avevamo paura che venisse giù tutto e siamo usciti, siamo andati in piazza. Faceva davvero molto freddo, ma i soccorsi sono fortunatamente arrivati quasi subito».

A Viagrande, paesino collinare, Salvatore ora non si sente al sicuro. Una parete della sua casa è crollata. Dall’inizio dell’attività dell’Etna complessivamente nella zona sono avvenute quasi 60 scosse con magnitudo superiore a 2.5. Sette tra le 3.19 di stanotte e le 17.22 (l'ultima di magnitudo 2.8). «Stiamo scendendo verso Catania. Staremo qui in Sicilia fino al 6 gennaio, ma ora abbiamo paura». I danni alla casa, anche se fortunatamente tutti stanno bene, creano profondo dispiacere: «È il risultato di tanti sacrifici».


Foto lettore Tio.ch/20 minuti
La casa di Salvatore dall'esterno, con la parete crollata

«Non si può stare tranquilli» - Proprio come 16 anni fa - alle 3.21 del 6 settembre 2002 Palermo fu svegliata da una scossa di magnitudo 5.6, due persone morirono d’infarto per lo spavento -, il versante Est dell'Etna si muove a seguito delle intrusioni magmatiche legate all'eruzione cominciata la mattina del 24 dicembre, spiegano dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) . 


Foto lettore Tio.ch/20 minuti - Salvatore

La scossa di stanotte, preceduta da uno sciame sismico iniziato verso mezzanotte, «non lascia tranquilli»: «Ricorda quella dell'ottobre del 1984 che provocò un morto a Zafferana Etnea - precisa il direttore dell'Ingv di Catania, Eugenio Privitera -. È sempre la faglia di Fiandaca, che quando si muove è pericolosa».

600 sfollati - Sono seicento gli sfollati per il terremoto. È il dato emerso dalle richieste presentate alla Regione Sicilia che, per poter accogliere gli sfollati, ha redatto una convenzione con Federalberghi, l'associazione di categoria italiana del settore alberghiero.

Altre persone che, pur non vivendo in case dichiarate inagibili, hanno paura a rientrare a casa saranno ospitate in palazzetti dello sport dove potranno trascorrere la notte.

 

Foto lettore Tio.ch/20 minuti
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 16:27:51 | 91.208.130.89