Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
37 min
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
2 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
CANTONE
2 ore
«Senza aiuti Covid, noi cliniche private costrette a licenziare»
«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»
GORDOLA
3 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
3 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
4 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
CANTONE
5 ore
In Ticino due contagi, e un nuovo ricovero
Sale ancora (ma di poco) il numero dei positivi nel nostro cantone. I decessi stabili a 350
CANTONE
6 ore
"Bolidi" rumorosi, scattano i controlli
La Polizia cantonale annuncia una campagna mirata sulle auto truccate. «Numerose segnalazioni»
CANTONE
6 ore
Oltre 14 milioni per sistemare fiumi e laghi
Obiettivo: rivitalizzare i corsi d'acqua, le rive dei laghi ed evitare le piene
BLENIO
7 ore
Cosa si inventano in Val di Blenio
Una camera d'albergo mobile, per dormire sotto le stelle. Il progetto della capanna Gorda e di Svizzera Turismo
LUGANO/SREBRENICA
7 ore
«Quel terrore che mi inseguì fino a Chiasso»
È trascorso un quarto di secolo dal genocidio di Srebrenica, un testimone racconta ciò che accadde quei giorni
LUGANO
9 ore
Ristoratori ticinesi ottimisti
Uno studio di UBS parla di facile ripresa. GastroTicino: «Momento difficile per chi lavora con business e congressi».
AIROLO
9 ore
«Fermate quel mostro: interrate quei tralicci»
A Nante, in Leventina, un bosco rischia di essere distrutto da un progetto elettrico. Scoppia la rivolta.
CANTONE
20 ore
«Mascherine gratis sui mezzi pubblici»
Lo chiede il Partito socialista in una lettera aperta indirizzata al Governo ticinese
VIDEO
LOCARNO
21 ore
I dinosauri sono sbarcati nella Rotonda di Locarno
Ecco Dinosaurs Park, la mostra evento che apre i battenti domani in Piazza Castello
CANTONE
21 ore
Vacanze negate: «C'è chi l'ha presa male»
Italia, Spagna. Ma anche la Serbia, con qualche escamotage. I vacanzieri si preparano a lasciare il Ticino. Come?
GRAVESANO
23 ore
Medio Vedeggio, si vota il 18 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione sul progetto aggregativo tra Bedano e Gravesano.
LUGANO
23 ore
Troppi incivili: il Municipio chiude la Foce
Nel weekend lo sbocco del Cassarate non sarà accessibile dalle 20.00. Colpa dei vandalismi, e dei rifiuti
CANTONE
1 gior
Orari nei licei: consegnata la petizione
Il sindacato degli studenti ha recapitato oggi 730 firme alla cancelleria dello Stato
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
«Poca voglia di far spesa in Italia»
Secondo Migros gli svizzeri sono tornati in massa a far spesa oltre confine dalla riapertura delle frontiere.
BELLINZONA
19.11.2018 - 18:450
Aggiornamento : 20.11.2018 - 08:15

«Io l’arbitro non l’avrei mai picchiato, non sono un violento»

Arrivano le scuse di Paolo Franco, dirigente moesano protagonista dell’episodio che ha spinto la Federazione Ticinese di Calcio a indire una conferenza stampa straordinaria

BELLINZONA – Si chiama Paolo Franco. Chi lo conosce dice che è un uomo sanguigno, che dà l'anima per il club e che vive il calcio in maniera passionale. Ogni tanto, di fronte a presunti torti arbitrali, gli girano i classici "cinque minuti" e perde la testa. Stavolta, però, il presidente del Moesa Calcio, già noto per le sue sfuriate in passato, avrebbe decisamente esagerato. Mettendosi a "inseguire"  l'arbitro in coda alla partita di terza lega tra la sua squadra e i padroni di casa del Ravecchia. È questo l'episodio che ha spinto la Federazione Ticinese di Calcio a indire una conferenza stampa urgente dal titolo "Adesso basta". L'appuntamento è in programma per domani, martedì, a Giubiasco. «Mi è partito l'embolo – ammette Franco –. Ma non avrei mai messo le mani addosso all'arbitro. Mi scuso con tutti».  

Scene da circo – Chi ha assistito alla scena, svoltasi al campo delle Semine di Bellinzona nel pomeriggio di domenica, parla di sketch da circo. La squadra locale sotto di due reti, riesce a pareggiare negli ultimi minuti. In modo ambiguo, secondo il dirigente moesano. A tal punto che l'uomo entra in campo sbraitando e "spaventando" l'arbitro.

Animi caldi – Il giovane fischietto, che già si trova a dovere tenere testa ai giocatori furiosi, inizia a correre. Ne deriva una specie di inseguimento, tragicomico. «Vedevo che alcuni dei nostri giocatori si stavano scaldando – precisa Franco –. Sono entrato in campo per calmare le acque. Era questa la mia intenzione. Poi, può anche darsi che abbia detto qualcosa all'arbitro. Lui di certo ha frainteso. Mi dispiace. D’altra parte ci sono stati alcuni episodi discutibili durante la partita. Gli animi erano caldi».

Quelle frasi di troppo – Il dirigente del Moesa è piuttosto infastidito dalla situazione venutasi a creare. La partita, pur essendo agli sgoccioli, è stata interrotta. «E ora noi rischiamo di passare per persone anti sportive. Questo mi dispiace molto». Non è la prima volta che Franco si fa notare per i suoi atteggiamenti focosi. «È vero. Qualche volta mi scappa qualche frase di troppo. Ma non ho mai picchiato nessuno. Ho 50 anni e sono una persona responsabile. Non sono un uomo violento».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Carla Ghisletta 1 anno fa su fb
Squalifica a vita...
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ohhhh, l'energumeno dice di essere stato frainteso... poverino... mi ricordo anni fa che un energumeno del genere in un bar mi si avvicinò insultandomi e minacciandomi... l'ho steso con un bel gancio... un colpo solo alla punta della mascella (il mio allenatore se avesse visto sarebbe stato felice della precisione)... dopo i suoi amici vennero a scusarsi dicendomi che l'energumeno era stato frainteso... :-))))))
Igor Petralli 1 anno fa su fb
Ok
Federica Feliciello 1 anno fa su fb
Paolo
crapadagat 1 anno fa su tio
I patrizi - lo sono anch’io - e i non patrizi, c’entrano poco. Il calcio si sta facendo male da solo a partire dai grandi campioni straviziati di cui tutti corrono a competere la maglietta e la scarpa. Insegniamo ai nostri figli a ragionare.
matteo2006 1 anno fa su tio
@crapadagat È la federazione che da troppo tempo lascia correre, anche in altri sport sono successi avvenimenti di entità molto simili con arbitri malmenati da genitori e spettatori, in quel caso sono volate pesanti squalifiche e si parlava di diversi anni, la federazione ha picchiato duro come detto con le squalifiche e nonostante gli animi siano sempre focosi ma è normale nessuno esce la domenica di casa per partecipare dopo che si è fatto un mazzo tanto durante gli allenamenti, ma con un pò di contegno e certi avvenimenti si sono ridotti e ridimensionati.
Gus 1 anno fa su tio
Ormai questa gente (sicuramente non patrizi) ha portato in Ticino gli atteggiamenti del calcio italiano
castigamatti 1 anno fa su tio
domenica scorsa anche il Comano è venuto alle mani... scena davvero ridicola... esaltati!
KilBill65 1 anno fa su tio
Dove e' finito il vero animo sportivo....Oggi purtroppo c'e' troppa maleducazione e arroganza!!....Peccato....
Hardy 1 anno fa su tio
Al di là di cosa sia successo per davvero in quella partita, sarebbe forse ora che ci si dia una calmata in generale.
Manuela Quattropani 1 anno fa su fb
Se non siete in grado di gestire la vostra rabbia rimanete a casa!!! Vergognoso!!!!!
Asia1234 1 anno fa su tio
Ma tutti quelli che hanno commentato con “patetico”, “aggressivo” e “manesco” erano presenti alla partita e possono confermare? Io sono contro queste cose ma sinceramente cosa ne sapete voi? Eravate presenti o siete i primi che leggendo un articolo mandano insulti a gratis verso gente che non conoscono non sapendo come stanno veramente le cose? E magari se eravate voi al posto suo reagivate allo stesso modo...e in più non risulta che abbia alzato le mani. La federazione dovrebbe intervenire si, ma formando degli arbitri competenti e che non “abusino” della loro posizione. Poi ce ne sono anche di bravi, ma il livello si sta abbassando sempre di più. Se magari usassero di più i cartellini quando servono veramente queste cose, a parer mio, succederebbero con meno frequenza.
matteo2006 1 anno fa su tio
@Asia1234 Non bisognva essere li per conoscere la situazione purtroppo, ti chiedo piuttosto se sei mai stata in campo per una partita di qual si voglia sport e ti è mai capitato una cosa simile? Bah in ogni caso si tratta di una partita di calcio nient'altro, di un dirigente e una persona che conosce lo sport da diverso tempo, ha 50 anni e detto questo comunque entri in campo a insultare un ragazzo molto giovane che sta arbitrando che si è messo paura e scappava da te e dai tuoi giocatori che stavi calmando? Cme si dice dalle sue parti "Ta ghet la lengua che tai al fér tòs" perchè per accampare scuse simili pubblicamente non si può dire altro; meritava delle semplici scuse non "ball da fralüca".
roma 1 anno fa su tio
...basta con questi personaggi nel calcio. Che la federazione ticinese intervenga in maniera decisa.
Frankeat 1 anno fa su tio
Sentendo una sola campana (la sua), direi che ha la coscienza sporchissima e che è il classico vigliacco e bugiardo che si nasconde dietro frasi tipo "ho 50 anni, sono una persona responsabile". Per favore, un personaggio così meglio allontanarlo immediatamente da qualsiasi campo sportivo, anche quelli della Playstation.
Giancarlo Schraner 1 anno fa su fb
L'unica cosa discutibile è lei signor Franco. Un comportamento come quello che ha dato è totalmente inaccettabile, può scusarsi quanto vuole, che non fa una piega. L'arbitro è un essere umano e può anche sbagliare, ma è l'autorità in campo e le sue decisioni sono insindacabili. Forse certa gente dovrebbe guardare ed imparare come I giocatori di rugby si comportano in campo
Idayet Rramanaj 1 anno fa su fb
Vergognati! Manesco!!
Michele Bekka Cattaneo 1 anno fa su fb
AhhaahHHH
Findus 1 anno fa su tio
Che persona patetica Datti alle parole crociate e lascia stare il calcio
Aki Gozzi 1 anno fa su fb
Bisognerebbe sempre usare la testa,siete l'esempio per i piccoli,scusarsi dopo,é sempre troppo tardi,ora non entro in merito della storia in questione ,visto che non c'ero.Resta il fatto che un arbitro si rispetta sempre,altrimenti finisce il gioco.
polonord 1 anno fa su tio
A queste persone dev’essere impedito di far parte delle dirigenze sportive e, se del caso, allontanate a vita da qualsiasi attività sportiva.
MrBlack 1 anno fa su tio
Vuole calmare gli animi ma gli scappa qualche parola all’arbitro? Agressivo, bugiardo, antisportivo e pure vigliacco a rincorrere un ragazzino già impaurito dai giocatori. Ma che ci fai in una partita di calcio? Vai a giocare a bocce da solo che fai meno danni e non ti arrabbi con nessuno.
Christian Tavasci 1 anno fa su fb
Ciao Samuele, cosa ne pensi?
Samuele Spataro 1 anno fa su fb
Christian Tavasci non seguo più il calcio regionale, non saprei che dirti.
Luca Cristofaro 1 anno fa su fb
Samuele Spataro non essere timido di cosa pensi della vicenda
Meck1970 1 anno fa su tio
Questi atteggiamenti con gli arbitri partono già dagli allievi piccoli. Gli arbitri hanno circa 14 anni, e stanno imparando. Genitori, allenatori, si scatenano contro di loro. Quella gente dovrebbe essere allontanata ....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 15:56:49 | 91.208.130.89