Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Edifici industriali dismessi: «I sussidi non bastano»
LUGANO
1 ora
La manifestazione dei molinari si è svolta «in maniera prevalentemente pacifica»
LUGANO
4 ore
Porte aperte all'aeroporto, tutti col naso all'insù
MASSAGNO
17 ore
È partito "Percorsi consigliati casa-scuola"
VEZIA
18 ore
I Giochi tradizionali svizzeri alla Tenuta Bally
LUGANO
19 ore
Fumogeni e insulti sotto lo stabile della Lega e contro la Polizia
CHIASSO
20 ore
Incidente di caccia: parte un colpo, muore un 50enne
LUGANO
21 ore
Oltre 500 «contro l'oppressione e il nulla che avanza»
BRISSAGO
22 ore
Incendio di un'abitazione, due persone intossicate
LUGANO
22 ore
Puigdemont a Lugano: «Siamo delusi dalla vigliaccheria dell’Unione europea»
LUGANO
23 ore
Principio d'incendio in un appartamento di Viganello
GORDOLA
1 gior
Scontro tra una vettura e un'auto d'epoca, due feriti in Valle Verzasca
LUGANO
1 gior
Nuova banchina, Unia denuncia un subappalto illecito
LUGANO
1 gior
Al Clean up day CVC raccolti più di 300 chili di rifiuti
STABIO
1 gior
Tom Ford: «Le tasse non c'entrano: ecco perché ce ne andiamo»
CONFINE
02.11.2018 - 08:450
Aggiornamento : 05.11.2018 - 08:08

In dogana con tre chili di cocaina nell'auto

La sostanza stupefacente era nascosta in un doppiofondo. L'uomo è stato arrestato e portato in carcere

PONTE CHIASSO - La Guardia di finanza di Ponte Chiasso ha arrestato mercoledì pomeriggio presso il valico autostradale di Brogeda un cittadino macedone, sorpreso a cercare di entrare in Italia con circa tre chili di cocaina. Lo riferisce oggi "La Provincia di Como".

Gli accertamenti effettuati dai finanzieri avevano appurato che l'uomo fosse incensurato. Tuttavia, i controlli al veicolo fatti anche con l’ausilio del cane antidroga ha segnalato la sospetta presenza di sostanza stupefacente.

E in effetti nascosto in un doppiofondo ricavato all’interno dell’auto, le Fiamme gialle hanno trovato tre panetti di cocaina del peso di poco superiore ai tre chili. Se immessa sul mercato la droga avrebbe potenzialmente potuto fruttare oltre 200mila euro (se pura anche il doppio).

Oltre alla droga, la Guardia di finanza ha anche sequestrato mille euro in contanti. Soldi, droga e auto sono quindi stati requisiti e l'uomo, con ogni probabilità scelto come corriere delle droga proprio perché incensurato - e senza lavoro - è stato portato nel carcere del Bassone.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 12:33:42 | 91.208.130.85