Archivio Keystone
LUGANO
08.03.2018 - 22:280
Aggiornamento : 09.03.2018 - 16:21

La cerva di Cimadera? È morta per avvelenamento

Rispondendo a un'interrogazione di Sara Beretta Piccoli, il Governo ha fatto chiarezza sul decesso dell'animale avvenuto a inizio gennaio. «Ha ingerito una grande quantità di foglie di Prunus»

CIMADERA - La cerva di Cimadera «non presentava alcun sintomo da giustificare l'eutanasia» ed è morta avvelenata dalle foglie di Prunus. Il Governo, rispondendo all'interrogazione "Animali selvatici: quali misure?" della deputata PPD Sara Beretta Piccoli, ha fatto chiarezza sulla morte dell'animale avvenuta a inizio gennaio.

«L'autopsia - si legge nella risposta del Consiglio di Stato - ha stabilito che la cerva è deceduta a seguito dell'ingerimento di una grande quantità di foglie di una pianta ornamentale presente nel giardino: il Prunus». Si specifica inoltre che esse possono «portare alla morte in meno di trenta minuti».

Il Governo precisa pure che la cerva fu segnalata due volte prima di morire. La prima segnalazione risaliva ad agosto 2017 a Piandera. La seconda a dicembre dello stesso anno a Cimadera.

La deputata, infine, chiedeva se il Consiglio di Stato ritenesse che «gli interventi a tutela degli animali selvatici che si avvicinano troppo ai centri abitati, nonché le informazioni date ai residenti siano sufficienti a tutelare la vita degli animali». La risposta alla domanda è stata un semplice e coinciso «sì».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
matteo2006 2 anni fa su tio
Poteva avere qualche altra malattia contagiosa per gli altri animali e negli altri ci metto pure noi.
cacos 2 anni fa su tio
@matteo2006 dai Matteo bastava prelevarla e curarla , poi del resto a ottobre tutti mangiamo selvaggina, ma in questo caso particolare dispiace.
matteo2006 2 anni fa su tio
@cacos In realtà volevo rispondere a tavola ma il post è passato dentro così. Certo certo nulla da eccepire qui qualcuno delle autorità da ignorante in materia credo si sia perso qualche passaggio. Andava controllata subito non solo a posteriori . Selvaggina ottima un paio di volte all' anno di qualità me la godo anche io.
pontsort 2 anni fa su tio
Potevano servirla subito su un piatto e si evitavano sofferenze e spese, ma ho come il dubbio che le polemiche ci sarebbero state comunque
Evry 2 anni fa su tio
Tutto questo per il mancato intervento dovuto ! da parte del veterinario cantonalöe e dell'încompetenza del responsabile dell'Ufficio caccia e pesca nonchè le tittubasnze dei guardia caccia !! UN A VERA VERGOGNA !!!!!! Abbiamo un capo guardia caccia che inoltre alle interviste TV si è contradito ben due volte e NON ha raccontato la verità !!!! La notizia ha debigrato i TICINESI su tutti i media Svizzeri e Nord-italiani. COMPLIMENTI a certi FUNZIONARI ticinesi .......!
DfG 2 anni fa su tio
Eutanasia? Ma P.F, chiamiamo le cose con il loro nome.
Bleniese 2 anni fa su tio
Era un animale indifeso e ammalato perchè non è stato portato al centro di protezione per dargli un supporto e le cure necessarie come si fa ultimamente per cani, gatti, poiane, ecc..? Una brutta fine che poteva essere evitata con poca spesa anzichè fare adesso stupide autopsie... Povera bestia tanti in Ticino avevano provato affetto per lei.
gabola 2 anni fa su tio
Dispiace per la cerva,ma un autopsia? E chi l'ha pagata? Ma per piacere....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 21:38:52 | 91.208.130.89