LUGANO
14.02.2018 - 09:380

Albertalli contro Noseda: «Non rispetta i giudici. Tanto pagano i contribuenti»

L'ex patron dell'Oceano affida ai social lo sfogo contro la decisione della procura di ricorrere in appello 

LUGANO - La "piccola odissea giudiziaria" di Ulisse Albertalli, con la sentenza dello scorso 9 febbraio ha trovato solo un momento di tregua, non la sua conclusione.

A confermarlo è stato, il giorno stesso della decisione che ha scagionato dalle accuse di usura e promovimento della prostituzione l'ex patron dell’Oceano di Pazzallo, il procuratore John Noseda. 

Una scelta, quella di ricorrere in appello, che non è andata giù ad Albertalli che sognava, finalmente, di godersi la pensione. «Tanto pagano i contribuenti», ha commentato sui social a distanza di qualche giorno l'ex re dei locali a luci rosse. «Noseda tutte le volte è andato avanti e ho sempre avuto ragione - ha aggiunto -. Una persona che lo stato mette a capo di una procura dovrebbe essere più imparziale e rispettare di più i giudici. Alla fine era talmente incazzato che, uscendo, i giudici non li ha nemmeno salutati. Un grande esempio per il popolo sovrano».

8 mesi fa Ulisse Albertalli prosciolto da tutte le accuse: «Ora farò il pensionato»
Tags
noseda
giudici
albertalli
contribuenti
tanto pagano
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-15 13:41:02 | 91.208.130.86