guardia di finanza
CONFINE / CANTONE
16.01.2018 - 10:280

Una montagna di droga a Ponte Chiasso

Era destinata al mercato svizzero e comasco. Previsto l'uso di bitcoin quale strumento di pagamento

PONTE CHIASSO - Nei giorni scorsi, i finanzieri di Ponte Chiasso sono riusciti a mettere le mani su un grosso traffico internazionale di sostanze stupefacenti provenienti dall’estero e dirette in Svizzera e nel comasco.

L’ingresso sul territorio italiano di un autoarticolato proveniente dalla Spagna ha fatto scattare l’operazione che ha consentito ai finanzieri di Como di sequestrare complessivamente quasi 400 chili di marijuana e hashish. Nel corso dell'operazione soprannominata "Nobilitas" è stato arrestato l’autista dell’autoarticolato, uno spagnolo trovato in possesso di circa 100.000 euro nascosti in una scatola di scarpe (confezionata con carta natalizia e riposta nella cabina del camion), nonché tre italiani appartenenti all’organizzazione criminale. Questi ultimi sono O.A. di Malnate (VA), M.M. di Castelletto Ticino (NO), e T.A., proprietario di uno stabile sito in Castronno (VA), messo a disposizione del gruppo per lo stoccaggio della droga.

Gli arrestati hanno fatto ricorso a diversi escamotage per eludere le attività d’indagine, ricorrendo a sistemi di comunicazione ritenuti sicuri e a telefoni cellulari dedicati e sostituiti ripetutamente. A tal riguardo, sono stati complessivamente sequestrati 21 telefoni cellulari. Gli stessi malviventi stavano mettendo a punto un sistema, già attuato in altri contesti, destinato a regolare le operazioni di pagamento della droga attraverso la moneta virtuale bitcoin allo scopo di sfruttarne le caratteristiche in termini di anonimato e non tracciabilità ed aumentare i volumi di acquisto.

La droga venduta al dettaglio avrebbe fruttato all’organizzazione circa 4 milioni di euro.

I precedenti arresti, anche in Ticino - Le investigazioni avevano recentemente già permesso di trarre in arresto sette persone, tre cittadini svizzeri, un italiano, due albanesi ed un kosovaro, nonché di sequestrare altra droga.

In particolare, nel mese di novembre 2017, la Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in stretta collaborazione con la Polizia cantonale, aveva effettuato un’operazione che aveva portato all’arresto di 4 persone e al sequestro di 8 chili di stupefacente.

L’attività, iniziata durante i controlli sulla linea di confine, a Ronago (CO), aveva permesso ai finanzieri di notare un’Alfa Romeo ed una Bmw, entrambe con targa svizzera, procedere a distanza ravvicinata ed alla stessa velocità verso il confine come se la prima fungesse da “staffetta” dell’altra.

In questa circostanza erano stati sequestrati 5 chili di marijuana. Il cittadino italiano era stato arrestato in Italia, mentre la Polizia Cantonale riusciva, poco dopo, a fermare l'altra auto in fuga e a sequestrare circa 3 chili di marijuana e ad arrestare 3 cittadini svizzeri.

All’inizio di dicembre, un’ulteriore operazione condotta dal Nucleo Mobile di Ponte Chiasso, aveva portato all’arresto di 2 cittadini albanesi ed al sequestro di 1,8 chili di marijuana.

Commenti
 
John Smith 3 mesi fa su fb
ma legalizzatela
Pachi Torcia 4 mesi fa su fb
Appunto...solo qua in Ticino la chiamano droga.... si potrebbe fare concorrenza alle case farmaceutiche....invece. Si potrebbe legalizzare e avere profitti con le tasse....e invece.
Larry Montana 4 mesi fa su fb
Jeffrey Sarti
Larry Montana 4 mesi fa su fb
😢
Giuseppe Cipressi 4 mesi fa su fb
il bitcoin è in rialzo. e la commissione sul bonifico è fissa
Massimo Frassi 4 mesi fa su fb
A me sembra un po' montata la vicenda...secondo voi in un mercato dove le lavatrici sono aperte al pubblico vendo tutti quei chilogrammi con il rischio di perderne i prpfitti??? Ma dai...
Giuseppe Ferraro 4 mesi fa su fb
Sempre a buttare fango sul bitcoin, non perdono una occasione.
Nuska Lis 4 mesi fa su fb
Non solo su quello
cerea 4 mesi fa su tio
Già, i bitcoin, combinazione gli hacker che ci avevano scassato i file aziendali volevano essere pagati in bitcoin. I bitcoin sono diventati la moneta dei criminali di tutto il mondo.
centauro 4 mesi fa su tio
@cerea Ah, sono utilizzati anche nelle banche?
robyk 4 mesi fa su tio
Ecchi se ne frega.Una goccia nel mare.
Gabbo Greek 4 mesi fa su fb
Luka Kesten Mesfin Kenklies
Dimitri Zhyganov 4 mesi fa su fb
Ma lol, sta per partire la raccolta firme! Loro la chiamano droga 😂😂😂
Gabriella del Giudice 4 mesi fa su fb
Bravi
Silvano Cuatro Cruces 4 mesi fa su fb
Droga ?
Lopes Goretti 4 mesi fa su fb
Non coment 😎😎😎
Giuseppe Napoli 4 mesi fa su fb
Secondo me erano 401
Luca Nava 4 mesi fa su fb
Continuate a fare i lvostro lavoro e non rompete la minchia sui bit coin
Riccardo Bertolini 4 mesi fa su fb
Non riuscendo a guadagnarci ora li incolpano!!!
Garage Bellinzona 4 mesi fa su fb
Bello il passaggio dell'articolo dove dice, bitcoin sfruttato per le sue caratteristiche di non tracciabilità. Cosa assolutamente non vera. Se caso le valute contanti non sono tracciabili 😁
Luciano Danti 4 mesi fa su fb
Grazie GF!
Beat Talaj 4 mesi fa su fb
Tazio Fation Eduu 🤦🏻‍♀️
Tags
ponte
chiasso
ponte chiasso
droga
chili
operazione
chili marijuana
marijuana
finanzieri
cittadini
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-05-20 23:31:36 | 91.208.130.86