Tipress
GIORNICO
24.12.2017 - 08:510

Pericolo di fuga e collusione, almeno due mesi di carcere per il 67enne

Confermato l'arresto del croato che venerdì ha aperto il fuoco contro un richiedente l'asilo pachistano: «Ho sparato per paura»

GIORNICO - C'è pericolo di fuga e di collusione. Sono questi i motivi addotti dal giudice dei provvedimenti coercitivi Claudia Solcà per confermare l'arresto del 67enne croato che venerdì ha sparato a un richiedente l'asilo pachistano, ferendolo al collo, nei boschi di Giornico.

Come riferisce la Rsi, l'uomo dovrà rimanere dietro le sbarre almeno per i prossimi due mesi. Dalle indagini, poi, emergono altri dettagli sulla vicenda. L'imputato avrebbe ammesso di aver sparato, ma solo perché aveva paura. Nega quindi di aver premeditato il gesto. 

E mentre la pistola con cui ha esploso i colpi ancora non si trova, sembra confermarsi il movente della vicenda. Il 67enne croato avrebbe infatti ricevuto dalla vittima alcune migliaia di franchi negli scorsi mesi, affinché esso si attivasse per farlo rimanere in Europa visto che il pachistano si era visto respingere la propria domanda d'asilo. La mancata restituzione di questa somma da parte del croato ha provocato una diatriba, sfociata infine nel sangue.

L'inchiesta, ricordiamo, è coordinata dal Procuratore generale John Noseda. L'ipotesi di reato nei confronti del 67enne è di tentato assassinio.

1 mese fa Soldi non restituiti dietro alle pallottole di Giornico. Arrestato un croato
1 mese fa 29enne ferito al collo con un'arma da fuoco
Potrebbe interessarti anche
Tags
67enne
croato
due mesi
collusione
pachistano
asilo
pericolo
fuga
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 18:37:10 | 91.208.130.87