tipress
CAMPIONE D'ITALIA
28.11.2017 - 17:480

Blitz dei finanzieri al casinò e in Comune

La Procura italiana indaga per peculato

CAMPIONE D'ITALIA - Decine di finanzieri del nucleo di polizia tributaria, questa mattina, hanno effettuato un vero e proprio blitz in quel di Campione d'Italia, facendo visita sia alla casa da gioco che al Comune. I militari italiani - stando a quanto riferisce la Provincia di Como - hanno effettuato perquisizioni e acquisizioni di documenti negli uffici del Casinò e del Municipio.

I controlli sono stati possibili grazie a un mandato firmato dalla Procura di Como nell’ambito di un fascicolo d’inchiesta nel quale si ipotizza il reato di peculato. Oggetto dell’inchiesta è il mancato versamento, ormai da due anni a questa parte, dei contributi che il Casinò deve versare al Comune, proprietario del 100% della casa da gioco.

Che la situazione finanziaria in quel di Campione non fosse delle più rosee era noto già da tempo. Il sindaco Roberto Salmoiraghi, già in luglio, l'aveva definita persino «drammatica». «Negli ultimi dieci anni siamo passati da un avanzo di 34 milioni di franchi a un debito di oltre trenta milioni di franchi ai quali vanno aggiunti altri 2 milioni di euro. Abbiamo debiti con i nostri fornitori e a giugno non è stato possibile pagare gli stipendi dei dipendenti», aveva dichiarato. «La casa da gioco ha sulle sue spalle un debito da 106 milioni e 800mila franchi».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 06:33:25 | 91.208.130.86