ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
6 ore
Il Verbano invade il Parco della pace
Immagini suggestive scattate da una lettrice. Ecco le conseguenze delle recenti forti piogge
LUGANO
9 ore
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
SAN BERNARDINO (GR)
9 ore
Ente Turistico Moesano: il cda passa a 7 membri
L'obiettivo è di rappresentare meglio il territorio di Mesolcina e Calanca al suo interno
CANTONE
10 ore
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
11 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
11 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
11 ore
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
11 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
12 ore
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
13 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
13 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
14 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
15 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
16 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
16 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
CONFINE
16.12.2016 - 18:480
Aggiornamento : 23.07.2019 - 13:57

Maxifrode a Varese, confiscati beni per 100 milioni

Nell'ambito dell'operazione la Guardia di Finanza ha arrestato sei persone. Altre sei hanno l'obbligo di firma

VARESE - Una frode fiscale da 334 milioni milioni di euro (circa 360 milioni di franchi), con conseguente sequestro per 100 milioni di euro. Questo il valore dei beni sequestrati dalla Guardia di finanza (Gdf) di Varese nell'ambito di un'operazione che ha portato all'arresto di sei persone e all'obbligo di firma nei confronti di altre sei.

Sono accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata all'emissione di fatture per operazioni inesistenti, indebita compensazione di imposta e altri reati fiscali. Un vero e proprio «sistema» per evadere il fisco da parte di società che operavano in molte zone d'Italia, ma anche in Tunisia e Algeria.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, in collaborazione con l'Agenzia italiana delle entrate, l'organizzazione era dedita a false fatturazioni che generavano crediti. Questi, come spiegato dalla procuratrice capo di Varese Daniela Borgonovo «venivano ceduti ad aziende terze che poi li utilizzavano come compensazione». Le fatturazioni per operazioni inesistenti, secondo l'inchiesta, ammonterebbero a un miliardo e duecento mila euro, con un'evasione dell' Iva per 334 milioni.

Alla base del raggiro c'era la "Leonardo Da Vinci" di Varese, mentre le società «cartiere» individuate sono la "Italiana Cantieri" e la "Red Rose", con sede in provincia di Varese e intestate a prestanome, e la "Giemme Group" e la "Sarl Cos Casa" con sede rispettivamente in Tunisia ed Algeria.

Nelle sue indagini la Gdf si è avvalsa anche di intercettazioni. Da una di esse due degli arrestati dicono al telefono, riferendosi ai soldi accreditati su conti esteri in Algeria e Tunisia: «Quando tornano indietro sono soldi puliti (...), noi siamo un gruppo che dobbiamo insegnargli noi le leggi a loro, ho sistemato la Leonardo in modo che sia praticamente blindata».

L'organizzazione aveva costituito una sorta di mercato parallelo di crediti Iva inesistenti, rimessi in vendita sotto forma di "pacchetti di risparmio di imposta" a prezzi notevolmente inferiori, a favore di aziende interessate ad abbattere il proprio carico fiscale.

Il vertice dell'organizzazione sarebbe il siciliano R. A., residente nel Varesotto, amministratore della Leonardo Da Vinci Spa, società di fatto inattiva. È stato arrestato insieme al padre S. A., mentre il fratello G.A risulta indagato a piede libero. L'uomo si serviva di commercialisti, consulenti finanziari e prestanome per costituire il giro di false fatturazioni e denaro. Trenta le società coinvolte, dislocate in Lombardia, Emilia Romagna, Abruzzo, Veneto e Lazio, su cui le indagini sono ancora in corso, che hanno acquistato dalla Leonardo Da Vinci crediti Iva per 32 milioni di euro. La società acquistava quote di società con importanti appalti con la Pubblica amministrazione. È stato disposto il sequestro di beni per cento milioni. Riguardano quote societarie di 32 imprese.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 05:01:39 | 91.208.130.86