tipress
CANTONE / SVIZZERA
30.03.2016 - 12:410

Debitori inadempienti, Lugano "virtuosa"

I peggiori pagatori, in calo, non sono in Ticino, ma nella Svizzera francofona

LUGANO - Il tasso di debitori inadempienti è leggermente diminuito in Svizzera quest'anno, passando dal 5,5% al 5,3% dell'intera popolazione di persone fisiche della Confederazione. Lo indica uno studio pubblicato oggi dal servizio di informazioni economiche CRIF (ex Orell Füssli), il primo in questo ambito. Anche in Ticino vi è stato uno sviluppo positivo, anche se la quota (6,4%) risulta superiore alla media nazionale.

Il leggero calo del tasso a livello svizzero è però dovuto alla crescita della popolazione, spiega il CRIF. Il numero assoluto dei debitori è infatti aumentato, da 438'233 nel 2015 a 441'706 nel 2016.

In dettaglio, i diversi cantoni presentano differenze significative: i peggiori pagatori risiedono nei cantoni di Neuchâtel e Ginevra, dove il tasso sale all'8,7%, seguiti da Basilea città (7,3%) e Vaud (6,9%).

Il cantone di Appenzello Interno, invece, ospita i migliori pagatori della Svizzera con un'incidenza di inadempienti che scende all'1,3%, il miglior risultato di tutta la Confederazione, sottolinea il CRIF.

Se si analizza ancor più nel dettaglio, si nota che in generale l'incidenza di debitori inadempienti è maggiore nelle città rispetto alle aree rurali. La peggiore percentuale si registra a la Chaux-de-Fonds con l'11,3%, seguita da Bienne (10,1%) e Neuchâtel (9,6%). Nella Svizzera tedesca è la città di Basilea ad assumere il ruolo di capolista con una percentuale del 7,5%, seguita da San Gallo (6,7%) e Lucerna (5,4%).

Per contro Uster, città dell'Oberland zurighese, risulta la migliore in questo ambito fra tutte le città analizzate con una percentuale di debitori del 3,5%.

Confrontando infine il tasso di debitori inadempienti delle grandi città con quello del relativo cantone, colpiscono i valori generalmente superiori dei centri urbani, come ad esempio il 10,1% di Bienne rispetto al 4,7% del cantone di Berna. Un'eccezione è rappresentata dalla città di Lugano, con una quota pari al 4,6% contro il 6,4% registrato nel canton Ticino.

Per la determinazione della quota di debitori inadempienti, il CRIF ha considerato tutte le persone fisiche con una procedura di esecuzione in corso o titolari di un fallimento così come di un attestato carenza beni. CRIF riceve queste informazioni da 500 aziende su tutto il territorio svizzero. L'indagine è stata effettuata il 31 gennaio 2016.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 4 anni fa su tio
Insomma tutti virtuosamente pesati a culatello d'oro!
siska 4 anni fa su tio
Insomma quasi tutti virtuosi pesati al culatello d'oro e soprattutto candidi immacolati fino all'ultimo centesimo ah ah ah!...Mamma mia questo articolo ha del patetico con i tanti problemi maggiori di questo mondo.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 14:30:13 | 91.208.130.86