ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Licenziamenti alla Manor: «Siamo preoccupati»
La filiale luganese ha lasciato a casa 12 persone. La situazione è sotto la lente dell'OCST
BELLINZONA
6 ore
C'è il Coronavirus: no a quella torta
L'episodio si è verificato all'interno di una struttura per disabili in occasione di una festicciola
CANTONE
19 ore
Coronavirus in Ticino, il punto
La situazione è da considerarsi stabile. Adottate le misure prese a livello federale
LUGANO
20 ore
Dodici licenziamenti alla Manor
La filiale luganese ha tagliato complessivamente cinque posti di lavoro a tempo pieno
CANTONE
21 ore
Sei distretti sotto l'occhio dei radar
Tra il 2 e l'8 marzo esclusi solo Blenio e Vallemaggia.
CANTONE
22 ore
Il febbraio più caldo di sempre
Dall'inizio delle rilevazioni nel 1864 al sud delle Alpi non si era mai registrata una temperatura media così alta
BELLINZONA
23 ore
Coronavirus: «Siamo rimasti con 160 polli»
Tristezza immensa al carnevale dei Goss. Il presidente: «Mazzata morale ed economica».
CANTONE
23 ore
Lega contro il servizio pubblico
Conferenza stampa da Berna in streaming solo sul sito ma non in tv.
VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Il video: ora Re Rabadan va a timbrare
L’annullamento dei carnevali ambrosiani lascia Renato Dotta “senza lavoro”. Aiuto economico per chi non ha festeggiato
MENDRISIO
1 gior
Una petizione per salvare l'osservatorio
Il gruppo dei Verdi e quello di Insieme a Sinistra chiede alla Ferrovia Monte Generoso di rivedere la sua decisione
LUGANO
1 gior
Coronavirus: dimesso il paziente a Lugano
La decisione è stata presa secondo disposizione del Medico cantonale
FOTO E VIDEO
CHIASSO
1 gior
Così ci proteggiamo, anche sui treni
Regole di igiene e di comportamento per impedire o frenare la diffusione del nuovo coronavirus
BELLINZONA
1 gior
Il Rabadan aiuterà gli ambrosiani
Numeri da urlo per la manifestazione: + 4,5% di affluenza sull'arco dei sei giorni
CANTONE
1 gior
«Il caso in Ticino è solo uno»
Errore in conferenza stampa a Berna da parte del capo della Divisione malattie trasmissibili.
GRANCIA
1 gior
Non si entra in autostrada da Lugano Sud
Dal 1. al 6 marzo la bretella sull'A2 non sarà accessibile in direzione sud
LUGANO
1 gior
Il mistero del capoufficio alle imposte di successione
Interpellanza dell’MPS sul capoufficio delle imposte di successione e donazione.
CANTONE
1 gior
Nomina rappresentanti in case anziani. Scatta l’interpellanza
A chiedere delucidazioni in merito alla doppia rappresentanza è l’MPS
CANTONE
1 gior
Comunali: si affronteranno in oltre 5mila
In campo 1515 candidati per i Municipi e 5413 per i Consigli comunali
BELLINZONA
1 gior
Due Commercio nel cantone, c'è chi dice no
Il PS cittadino non condivide l'idea di trasferire una parte della scuola nel Sottoceneri.
SAN BERNARDINO (GR)
1 gior
Annullata la sfilata del carnevale di San Bernardino
Invariate tutte le iniziative private organizzate nelle strutture ricettive e si ristorazione
CANTONE
1 gior
Scappano dai postriboli per il coronavirus
Il panico per la pandemia non risparmia i locali a luci rosse. Cala la clientela e le ragazze si prendono una “pausa”
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Coronavirus: uno sguardo nelle tendine per il triage
Lo scopo? Evitare i contatti tra eventuali contagiati e altri pazienti
CANTONE
1 gior
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
1 gior
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
1 gior
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
1 gior
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
1 gior
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
1 gior
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
1 gior
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
1 gior
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
1 gior
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
1 gior
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
1 gior
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CAPRIASCA
1 gior
Giù le maschere, tutto torna alla normalità
Senza carnevale Or Penagin, niente orari prolungati per i locali, niente rumore e nessuna autorizzazione speciale
CANTONE
2 gior
Aiuto sociale speciale entro settembre
Un'apposita commissione valuta le motivazioni
CAPRIASCA
2 gior
Una petizione per salvare Or Penagin
Su internet è stata lanciata una raccolta firme.
CANTONE
2 gior
Una preferenza per i direttori scolastici
Un'iniziativa parlamentare chiede che i collegi possano esprimere un gradimento sui candidati
LUGANO
2 gior
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
2 gior
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
CANTONE / SVIZZERA
2 gior
Dumping salariale, il Governo risponde picche a Greta Gysin
Per il Consiglio federale i Cantoni dispongono già oggi delle necessarie facoltà per fissare dei salari minimi
CANTONE
2 gior
Annullati i progetti di IdéeSport per il weekend
Anche la Fondazione si allinea alle direttive delle autorità.
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 gior
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
CANTONE
2 gior
FLP, lavori serali fra Lugano e Agno
Per i viaggiatori sono stati predisposti dei bus navetta
CANTONE
2 gior
Sdoppiare la Commercio: «Se ne può parlare o è tabù?»
Dopo l'apertura mostrata dal Municipio di Mendrisio, l'MPS vuole riaprire la discussione su una seconda sede della SCC
BIASCA
2 gior
Un sostegno finanziario per il carnevale che non si fa
A Biasca si propone lo stanziamento di un contributo finanziario a copertura dei mancati guadagni
NOVAGGIO
2 gior
Inverno deleterio per la sciovia Bedea, ma non si molla
L’impianto non ha aperto nemmeno un giorno. Ma di riconversione, per ora, non se ne parla
CANTONE
2 gior
Con il monopattino elettrico solo sulla strada, anche se è pericoloso
Anche la Polizia teme per la sicurezza stradale. Nel corso dell'anno alcune regole potrebbero cambiare
CAPOLAGO
2 gior
Il segreto dell'uomo che vola: «Restate umili anche in cielo»
Franco Kessel vanta diverse migliaia di voli e pratica ancora oggi il parapendio
VIDEO
BIASCA
2 gior
Un carnevale... più che ridotto
Le disposizioni cantonali hanno rotto le uova nel paniere anche ai cittadini biaschesi
CANTONE
2 gior
Coronavirus: attiva da domani la hotline ticinese  
Per informazioni e indicazioni è importante chiamare solo il numero 0800 144 144
TICINO
16.03.2016 - 09:500
Aggiornamento : 11:21

Cani randagi sulle strade ticinesi: «Arrivano dal Sud Italia così»

Da Capriasca a Morbio Inferiore, diversi casi segnalati alla Spab

LUGANO - Non solo nelle città del Sud Italia. La piaga dei cani randagi, che affligge diversi paesi del Mediterraneo, ha una propagine anche in Ticino: quattro i casi segnalati nel Sopracenesi negli ultimi tre mesi, «il fenomeno desta preoccupazione  pur avendo proporzioni contenute alle nostre latitudini» avverte la Società di protezione animali del Bellinzonese (Spab). Si tratta «quasi sempre» di animali provenienti dall'Italia, dove «in genere hanno maturato un'abitudine incorreggibile al randagismo» spiega il presidente Emanuele Besomi: «Vengono importati più o meno legalmente in Svizzera da proprietari spesso inconsapevoli del rischio che una volta qui gli animali si diano alla macchia». Settimana scorsa un Border Collie adulto è stato catturato a Capriasca dopo una "latitanza" di 1 mese e mezzo; casi analoghi di recente si sono registrati a Capolago (2 mesi), Preonzo (4 mesi), San Pietro di Stabio e Morbio Inferiore (ricerche tuttora in corso).   

Vagaboni in Ticino - La dinamica è sempre la stessa. I randagi vengono dati in affido (ma anche venduti) in Ticino da presunte associazioni benefiche con sede in Campania, Puglia o Sicilia, che raggiungono i potenziali acquirenti tramite Facebook: la consegna avviene oltre confine, «in genere in autogrill o presso canili del Milanese a cui queste associazioni si appoggiano» continua Besomi. Una volta giunti in Ticino, dopo poco tempo i cani scappano e (quando va bene) si ritrovano dopo mesi.

Lo scambio in autostrada - Il caso di Marina* è emblematico. «Ho acquistato un meticcio da un'associazione in Campania, pagandolo 120 euro: lo "scambio" è avvenuto vicino a Milano» racconta. «È stato terribile, era stipato in un furgone assieme ad altri 60 animali in condizioni pietose. Pensare che avevano fatto così un viaggio di centinaia di chilometri...». Appena un giorno dopo aver oltrepassato il confine, il cane è scappato: da quattro mesi non se ne sa più nulla: gli avvistamenti nel Mendrisiotto sono stati diversi.

Ritrovato dopo un mese e mezzo - Una coppia di Capriasca, invece, settimana scorsa ha ritrovato dopo un mese e mezzo di ricerche un Border Collie di sette anni, adottato tramite un'altra associazione (pugliese, questa volta) che si occupa di cani randagi. «Eravamo convinti che fosse addomesticabile, siamo stati informati male da parte italiana» spiega l'ex proprietario: ora l'animale, aggiunge, «è stato consegnato a una pensione per randagi in Italia».

«Casi sporadici» - Il problema, spiegano dalla Spab, sono «i danni che il cane randagio può avere provocato a cose o a terzi nel frattempo: si tratta, ricordiamo, di animali non abituati al contatto umano e che magari non mangiano per giorni». Dal canto suo il veterinario cantonale Tullio Vanzetti sdrammatizza: «Si tratta di episodi sporadici» rassicura. Gli aspiranti proprietari di cani trovatelli (e i loro vicini di casa) ad ogni modo sono avvisati.  

* nome noto alla redazione

Commenti
 
Adalgisa Maria 3 anni fa su fb
"hanno maturato l'abitudine incorregibile del randagismo" ma io..non ho + parolee!!.....x il resto meglio lasciar perdere
Samuel Giordanella 3 anni fa su fb
Sempre a dare colpe all'italia, ma se questo traffico esiste sara perche qualche onestissimo ticinese ha il suo tornaconto no?
Ivan Mazzone 3 anni fa su fb
fate nomi e cognomi delle persone,e delle associazioni ,in questo modo non aiutate ne noi ne gli animali,di volontari e associazioni serie e oneste c'e ne sono molte,e noi vogliamo abbattere questo sistema che sfruttano e fanno soffrire i gia tanti sfortunati.nel modo come e' stato impostato questo articolo mi sembra una montatura,se cosi non fosse allora fate i nomi e denunciate. e c'e sempre da vedere come sono stati tenuti questi cani dagli adottanti,non e' che sia normale che un cane scappi cosi facilmente.
Greta Nava 3 anni fa su fb
Ma che razza di articolo è?!?! Di cosa si sta parlando esattamente? Il palloncino non si disperde da solo a mezz'aria se lo sai tenere per il filo, beoti!! Esattamente oggi mentre andavo al lavoro ne ho visto uno (Melano) che correva dietro al cane che gli era sfuggito in cantonale in pieno traffico mattutino! Al ritorno una gallina (!!!) sempre a ciglio cantonale. E sì che non si prescrive un master per impugnare un guinzaglio o piantare un recinto....ma forse dovrebbero iniziare.
F.Netri 3 anni fa su tio
E' iniziata l'invasione anche dei profughi canini.
Antonella Ferrazzo Rossi 3 anni fa su fb
Non tutte le associazioni sono dei disastri , il mio è arrivato già sterilizzato con passaporto italiano e tutti i vaccini fatti . Appena entrato portato da loro da un veterinario in svizzera e fatto passaporto nuovo .. Il prezzo è solo simbolico x le spese da loro sostenute . Un esperienza che rifarei sicuramente .. E comunque anche nei nostri canili si pagano quando si prendono Fr. 350.-
scassaball 3 anni fa su tio
Perché andate a "comperare " cani in Puglia, quando ci sono i canili anche in Ticino? Far spesa in Fallitalia costa meno? Vergogna!!!!
lm 3 anni fa su tio
@scassaball Interagire con gente come te fa sentire tutti un po' più intelligenti! Gr
lm 3 anni fa su tio
@scassaball Innanzitutto i canili in Ticino non sono per nulla pieni come sostieni tu! Secondariamente le SPA discriminano molto spesso le persone in età pensionabile, maggiormente bisognose di compagnia, semplicemente per una questione d'età, ragione per cui quest'ultime sono costrette a guardarsi altrove. Quello che poi dici a proposito della salute dei cani è del tutto privo di fondamento e, ancorché la cosa non possa essere esclusa (di manigoldi ce n'è ovunque...), è lungi dall'essere generalizzata.
moonie 3 anni fa su tio
@lm ahahaha! ma infatti le adozioni in italia dai rifugi è gratuita. la questione è che le persone stanno su fb a vedere ogni genere di orrore (spesso creato ad arte e spesso delle vere e proprie bufale) e non hanno la benché minima idea di quello che succede sotto casa loro. nelle spa, ma bisognerebbe fare il giro dei veterinari soprattutto perché tanti animali al canile non ci passano nemmeno... non sai quante volte le famiglie di persone decedute finiscono dal veterinario per la punturina perché non vogliono occuparsene, rientra nella nostra cultura dire "meglio morto che in canile" qui è legale, in italia è vietato per legge.... c'è qualcuno a sto mondo che mi può spiegare che senso ha permettere la soppressione dei nostri e farne arrivare dall'estero? ma non avrebbe più senso che ognuno facesse il suo a casa propria?
moonie 3 anni fa su tio
@lm pensa a quanti animali si potrebbero sterilizzare in sud italia in spagna ecc, solo con i soldi che si spendono per pagare lo staffettista, la benzina, l'autostrada, il tempo, le telefonate e via dicendo. mi sembra un discorso di semplice buon senso e anche di rendere la lotta al randagismo efficace e pianificata.
NICKITA 3 anni fa su tio
@moonie brava...concordo
Miriam Castellani 3 anni fa su fb
A parte il fatto che se un adozione è ben seguita queste cose non succedono .... Noi come associazione abbiamo in Ticino tantissimi cani dal sud italia che stanno BENISSIMO, sono seguiti e conducono una vita serena e NON scappano! Non facciamo di tutta un erba un fascio. Comunque un adozione OVVIO che se fatta, ha un costo, questo costo copre unicamente: vaccini,microchip , passaporto, antirabbica, sverminatura, viaggio️ e sdoganamento. Nel nostro caso in genere sono sempre 150 franchi tutto. Non è che i volontari possono farsi carico anche di questo ... E non si mettono certo in tasca nulla! Come detto, se si collabora con persone SERIE e se si collocano i cani in maniera consapevole spiegandone e mostrandone già PRIMA il carattere, e verificando se idoneo alla famiglia .... Queste cose non succedono. Non è MAI scappato uno dei nostri cani adottati e abbiamo sul territorio circa 150 cani. (Fra questi cani Ticinesi ricollocati, che seppur dal Ticino erano più problematici di alcuni italiani ... Se proprio ....) cani bosniaci e cani italiani. Bisogna aiutare TUTTI! Non esistono frontiere come sempre però esiste il buon senso!
Anide Ciric 3 anni fa su fb
Ma se li scaricano cosi come czz vogliono durante le gite domenicali in Svizzera......sempre piu schifo.
mgk 3 anni fa su tio
Il problema del randagismo e molto diffuso nel QUARTO MONdo( es randagi alto adige 0..calabria 11000) Ad esempio paesi come la Romania stanno combattendo questa piaga un amico che abita laggiu mi ha detto che oramai la situazione e quasi normalizzata Comunque preferisco che arrivino cani....
lm 3 anni fa su tio
@mgk Alto Adige QUARTO MONDO? Ma ci sei mai stato in Alto Adige? Allora il Ticino dove si situerebbe in classifica?
mgk 3 anni fa su tio
@lm Leggi bene alto adige randagi =0
lm 3 anni fa su tio
@mgk ah, sorry!
moonie 3 anni fa su tio
@mgk in alto adige hanno funzionato le campagne di sterilizzazione, in qualche anno la situazione si è normalizzata e ora fanno solo mantenimento. nel sud il randagismo è un business, niente di più. ma tra i peggiori perché chi lo fa si nasconde dietro le sigle animalare e si mette una veste da santo protettore degli animali mentre invece sono i peggiori al mondo. non voglio generalizzare, ma anche chi ci lavora onestamente non fa nulla per discostarsi
Greta Di Ninno 3 anni fa su fb
Che cazzate..mo tutti i cani che hanno preso in adozione sono scappati??!! Ma per favore!
Sonia Lidia Schneiter 3 anni fa su fb
i cani non si comprano, si adottano
Veneranda Loffredo 3 anni fa su fb
Certo che chi acquista un cane da associazioni provenienti dal Sud Italia e più in giù dovrebbe essere consapevole che ci può essere la sorpresa nascosta ... spettano proprio certe occasioni x far soldi ... Ma attenzione ! non facciamo tutto un nervo un fascio ... quando la cosa è troppo fattibile c' è l' inganno , in italia gli animali hanno più diritti delle persone ...
Pier F. Ciccarelli 3 anni fa su fb
Mi raccomando cani, portatevi il casellario giudiziale altrimenti niente permesso B!!!
Sandro Xsandro Xandro 3 anni fa su fb
superstrada gallipoli - lecce ss 101 30 km circa piena di carcasse di cani e gatti morti, li abbandonano in strada per farli ammazzare dalle auto in corsa e nessuno fa niente e uno schifo, spero non succeda anche in svizzera.
Antonio De Donatis 3 anni fa su fb
Certo è sempre colpa del sud , ma chi le scrive queste notizie facile puntare il dito !
Daniela Elisa Roverselli 3 anni fa su fb
gli leggono la targa :D
Raphaela Montagnoli Mutti 3 anni fa su fb
Che i cani vengono dal sud Italia o da un nostro canile nostrano sono sempre o quasi cani che hanno problemi chi gravi e chi meno ...spetta al volontario spiegare all'adottante i rischi a cui si va incontro ...comunque con pazienza amore e con qualche sacrificio si riesce ad ottenere cani speciali!! Comunque 120 euro per un cane non sono tanti se lo ricevi già vaccinato e sterilizzato l'offerta la daresti comunque anche qui da noi!
Mary Baumgartner 3 anni fa su fb
esatto Daniela Pellegrinelli, se penso al mio Amal come è arrivato all'età di 2 anni e come è adesso dopo quasi 5 anni e come giorno e notte ! Però... da niente non viene niente. C'è lavoro e lavoro e in più da molto soddisfazione vedere come il cane cambia nel tempo.... Non rispedirei mai un animale al canile, ma neanche per sogno. Comunque il mio primo cane, lo trovai proprio durante le vacanze in Italia tantissimi anni fa. Un cucciolo piccolo abbandonato già da diverso tempo. Ho sempre adottato cani provvenienti dall'Italia, anche già all'età adulta e inizialmente difficili. Tutti sono diventati animali affidabili e favolosi, veri membri di famiglia.
Daniela Pellegrinelli 3 anni fa su fb
Brava Mary .... Servono esempi come il tuo .... Ogni cane può migliorare .... Ho visto amal di persona e posso affermare che è un cane veramente straordinario .... Amore e dedizione fanno il miracolo .,. E tanta costanza
Berini David 3 anni fa su fb
Non credo che tutti i randagi scappano, anzi la maggior parte se trova cure e affetto non credo proprio che pensi a scappare! E comunque così non incentivate l'adozione degli animali più sfortunati. Io ho 2 gatti trovati abbandonati a 1 mese di età (la femmina sente e vede poco), stanno bene sono curati e ricambiano con molto affetto.
comp61 3 anni fa su tio
poi ci sono i furboni che comprano le bestie in italia e rivendono i cuccioli a prezzo svizzero!! ahahah ammore x gli animali.....
Paolo Scarduelli 3 anni fa su fb
Adesso basta dai, non ha senso essere in questo modo......Dio non ha fatto tutti i buoni da una parte e cattivi dall'altra......pensare di essere migliori è solo megalomania.....capisco tutto quello che volete ma non sempre giustificano un sentimento negativo espresso ad oltranza.....e dai! Non voglio essere offensivo, ma quanti di voi che la pensano così sono firme fresche d'inchiostro, naturalizzati da poco.....e suvvia.....si è vicini di cultura e di tradizione, ci separa una sola una barriera convenzionale...... No, ragionare così è fuori luogo, lasciatemelo dire......proprio fuori luogo.
Angela Paulino 3 anni fa su fb
Mi scusi ma lei a letto l'articolo?
Paolo Scarduelli 3 anni fa su fb
Eh Angela altrimenti perché avrei scritto così, non vedi che nell'articolo è tutto denigratorio per l'oltre confine? segnalazioni uni laterali.....con un non lieto fine......possibile che tutto sia così sempre negativo? Certo che se la parte positiva, qualora ci fosse, viene taciuta......il commento diventa tendenzioso. Non ne faccio una ragione di nazionalità.....perché per tua conoscenza sono più svizzero di molti svizzeri dell'ultima ora.....e una questione di buon senso......Prima dicevo...Dio non ha fatto i buoni e cattivi tutti da una parte....ma per sua volontà li ha mescolati......quindi......!
Angela Paulino 3 anni fa su fb
L'articolo parla di cani adottati di Svizzeri, Questi cani vengono del sud, non ho letto niente di negativo verso gli Italiani.
Paolo Scarduelli 3 anni fa su fb
Va beh Angela, mi spiace.....ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.....buon pomeriggio a te....e Dio ti accompagni.
Davide Leone 3 anni fa su fb
Terun!
Flavia Nicole Cacciapuoti 3 anni fa su fb
Chissà quanti contratti da frontalieri che hanno rubato ai residenti...
Lonely Cat 3 anni fa su tio
È proprio vero che qui da noi arrivano cani e porci!
interceptors 3 anni fa su tio
@Lonely Cat I cani a piedi e i porci in macchina...
gilberto.tarocco 3 anni fa su tio
@interceptors Buongiorno Interceptors. Sono "un porco" e mi piacerebbe poter avere un pacato confronto di idee con lei.
NICKITA 3 anni fa su tio
I cani non arrivano qui da soli ! Ci sono organizzazioni qui in Ticino che si occupano di portar dentro i cani randagi italiani . Provate a rispondere agli annunci su tutti.ch ....son sempre le solite persone che vogliono far adottare cani randagi italiani. Numeri di telefono diversi ma risponde sempre la stessa " associazione" !
moonie 3 anni fa su tio
@NICKITA ma stranamente il rischio di passare la dogana lo lasciano all'adottante... facci caso! era recente anche la storia del cane fatto adottare in ticino e "rubato" in casa dall'associazione che gliel'aveva dato perché era risultato privo di qualsiasi vaccino e per questo pensavano che venisse soppresso...
lm 3 anni fa su tio
@moonie Non è vero! Ci sono associazioni internazionali che il cane te lo recapitano via aerea direttamente a Zurigo e i loro volontari in loco te lo portano direttamente a casa! Smettiamola con questa strategia del fango, il marcio c'è dappertutto...Ticino compreso!
moonie 3 anni fa su tio
@lm il pacco postale via aerea con i famigerati padrini di volo sono fantastici... un bel giro anche quello. per lo più i cani arrivano tramite staffette in ogni caso e per lo più vengono scaricati alle piazzole autostradali. il fango esiste non puoi lavarlo con la spedizione aerea
lm 3 anni fa su tio
@moonie allora non ti resta che andare alla Migros o dal Besomi, allora sì fai l'affare!
moonie 3 anni fa su tio
@lm mamma mia come sei disfattista! due estati fa cercavo il 2° cane.. ho chiesto a veterinari ho spulciato annunci, chiamato spa in ticino e in cantoni vicini e sistematicamente ho rinunciato all'adozione estera. volevo poter vedere il cane, portarlo un po' a casa, fare una passeggiata e metterlo nel mio quotidiano e vedere se il tutto funzionava e che percorso si poteva fare per integrarlo al meglio. ho trovato sia cucciolate che cani da 1 anno fino a 5-6 soprattutto presso privati che per diversi motivi non potevano più occuparsi del proprio animale... alla fine per altri motivi ho rinunciato (non per i cani che c'erano ma perché riflettendo non era il momento giusto per allargare la famiglia), ci ho messo alcune settimane, diverse telefonate, diversi giri nelle spa e via dicendo.... se si vuole si può, basta cercare, avere consapevolezza di quello che cerchi e che è compatibile con la tua realtà e non avere fretta. avrei potuto adottare almeno 50 cani in giorno su fb che me li avrebbero portati anche davanti a casa di corsa... è il principio del metodo che è sbagliato e io non capisco come si faccia a non comprendere questa semplice cosa nonostante ormai lo sfacelo di questo modo di operare è così evidente... sarà perché alla fine paga solo il cane, chissà. (e qui ti provoco!) su ragiona un po' a freddo e poi fatti un giro in ambiti un po' più approfonditi come la sezione segugio 281 del sito bairo.info e su fb cerca M.A.R.E e forse capirai perché NO cani dall'estero a queste condizioni. se uno vuole il cane siciliano bhè che vada a prenderselo!
lm 3 anni fa su tio
@moonie Ti ho risposto più sotto. Ciaooo PS: e comunque io sarò stato fortunato (malgrado abbia comunque una certa esperienza) con la mia cucciola pugliese, ma la competenza e l'onsetà delle persone con cui ho interagito per settimane a Bari io, in Svizzera non le ho trovate da nessuna parte (Zurigo. Lucerna. Ginevra e ovviamente Ticino!).
NICKITA 3 anni fa su tio
@lm si.....portate qui randagi italiani....son quasi tutti malati e con problemi di comportamento .
moonie 3 anni fa su tio
@lm si effettivamente qua se vai in certe strutture sembra che glieli vuoi rubare gli animali, che l'ultima cosa che vogliono fare è proprio darli in adozione... da una parte ha il suo perché, ti mette alla prova e dà la misura di quanto ci tieni e sei consapevole dell'impegno, dall'altra dall'estero le famigerate verifiche pre-adozione sono una farsa che non sta in piedi.... diventa appunto un fatto di fortuna e la vita di un cane non merita questo. per non parlare del post-adozione quando poi i problemi vengono fuori.. .c'è molto da fare ed è evidente che qui c'è un sacco di gente che senza nessuna competenza si mette a fare delle emerite cavolate, apre un'associazione oggi e la chiude domani (spesso portandosi via i soldi e chi se ne frega di chi hai fatto arrivare su)... quello che trovo sconcertante è il vanzetti che sminuisce ancora. bisognerebbe portargli in ufficio un qualche pittbull incazzato magari così si sveglia fuori. ciauu!
lm 3 anni fa su tio
@NICKITA Sei veterinario? Conosci tutti quelli che hanno adottato cani "italiani"? O sei semplicemente un leghista che spara nel mucchio? Sei vuoi discutere seriamente porta argomenti e non delle generalizzazioni frutto dei "sentito dire", altrimenti lascia perdere.
NICKITA 3 anni fa su tio
@lm io non sono leghista o altro . Ho sempre avuto pastori tedeschi femmine e dall'italia purtroppo ho comprato un cucciolo con tanto di pedigrée e a 4 mesi ho dovuto sopprimerla con mio immenso dolore : era affetta da displasia e a 4 mesi non si reggeva piu' sulle zampe ! Non riusciva nemmeno a stare in posizione per fare la pipi' .....quindi parlo x esperienza diretta caro Im .
Daniela Pellegrinelli 3 anni fa su fb
La colpa in questo caso è solo del adottante che in due anni non è riuscito a creare un legame con il cane .... A volte sono cani difficili con un passato triste ma se ben gestiti diventano cani fantastici ... Comunque dopo due anni far via il cane rispedirlo in canile èvergognoso ... Un animale èx la vita ..... Schifata dal loro comportamento .... Comunque x allargare il discorso ci sono associazioni serie che fanno le cose x bene e tanti cani hanno trovato un ottima sistemazione qui .... Poi c'è chi lavora con leggerezza e lo scotto lo pagano i cani .... Ma non facciamo di tutta l erba un fascio
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
Cani randagi provenienti dall'itaglia???... Qua ci vuole una bella interrogazione !... Lorenzo, cheffai dormi?...
Mauz 3 anni fa su tio
Peccato che l'articolo sembri dare la colpa al cane che "si dà alla macchia" e non ai proprietari che in un qualche modo non sono stati abbastanza attenti. Un cane adottato è un cane più difficile per definizione, che ha un passato che non conosciamo, magari traumatico e al quale bisogna fare PARTICOLARMENTE attenzione, perché il legame proprietario-cane (fondamentale soprattutto per richiamarlo) in questi casi è tutto da costruire con mesi di conoscenza reciproca e Maura
Francesco Cosentino 3 anni fa su fb
Ne scrivete di minchiate sempre pronti a giudicare l italia in particolare il sud italia si sa che siete na massa de Razzisti
Luna1970 3 anni fa su tio
Perché andare ad acquistare animali in canili/gattili esteri quando se ne possono trovare anche da noi??
NICKITA 3 anni fa su tio
@Luna1970 da noi nelle protezioni animali non trovi animali da adottare che superino una certa taglia : vengono soppressi appena arrivano !
Eliakim Cuni Berzi 3 anni fa su fb
Denunciateli a striscia... se sapete chi sono.... 60 cani per 120 euri, questi sono i soliti che fanno buissnes sulla pelle degl'animali...
gnomone 3 anni fa su tio
Il problema dei cani randagi è un problema mondiale, di cui la politica se ne frega(non attuando leggi forti e corrette pene) ma rimpolpando categorie specifiche di multinazionali e associazione. Signori non esiste solo la Mafia, ma anche i favolosi padroni di cani/gatti/...che fanno riprodurre i propri animali per la bellezza di aver fatto fare i cuccioli. Da qui nasce il problema! Mercato dei cuccioli incontrollato (dalle organizzazioni criminali dell'est al semplice privato cittadino!!!), quando diventano grandi che fine fanno??Se non si riescono ad vendere/adottare i costi di mantenimento e cura di un animale sono elevati e quindi finiscono in strada....riproducendosi....(lo stato non sterilizza) Poi qui si giudica velocemente con il nostro tipico "patos" Ticinese, dove gli approfittatori Italiani, tramite associazioni trovano un altro scopo di lucro oppure perché fa figo dire ho salvato il cane dal lager!! Perché non parliamo di quei "fighi" che vanno ha comprare il cane in negozi?Mercati?Privati? E non da seri allevatori riconosciuti? Forse loro non si rendono conto che con i loro profumati soldi stanno direttamente finanziando magari attività illecite e quindi l'indiretto randagismo..... I centri d'adozione seri e poco seri ci sono sia qui in Ticino sia in Italia, sta alla persona ragionare, verificare e forse rendersi conto che prendere un cane è una scelta di vita, un impegno duraturo, con pregi/difetti, soddisfazioni/insoddisfazioni e una scelta di cuore (soprattutto rispetto al randagismo) e poi da fare in maniera consapevole studiando anche la razza, l'età etc esempio una persona pigra non può prendere una razza come il border collie che necessità di movimento e stimoli continui!!Dopo un viaggio estenuante anche per un uomo non sareste i primi a scappare se foste ribaltati in un ambiente nuovo, persone nuove, stimoli nuovi e passato solitario magari da anni? Un cane dai 2 anni ha sviluppato il suo carattere e solo con il tempo (anni di lavoro e addestramento) si riescono ad ottenere dei risultati nel suo addestramento....
lm 3 anni fa su tio
Calma, calma...prima di sparare sentenze! Io ho adottato una cagnetta dalla Puglia di 4 mesi da un'associazione serissima e degna della più assoluta fiducia. Per poterla ricevere ho dovuto compilare una domanda d'adozione chiara e minuziosa. Nessuna somma mi è stata richiesta in anticipo se non le spese per il trattamento di sverminazione e di vaccinazione da versare al corriere della ASL dopo consegna del passaporto e del certificato delle vaccinazioni. Prima della decisione di concessione dell'adozione, una collaboratrice ticinese della Onlus italiana con sede a Bari ha richiesto un sopralluogo e un'intervista di un'ora per verificare che la nostra famiglia disponesse dei requisiti e per confermare le indicazioni fornite sul formulario d'adozione! La cagnetta è arrivata con un furgone climatizzato (!) e attrezzatissimo della ASL di Bari come NON ne ho visti in Ticino (solo a Zurigo ho verificato l'esistenza di qualcosa di simile). Le sue condizioni di salute erano perfette (confermate dal nostro veterinario ticinese!). La cagnetta non ha mai vissuto, nei suoi 4 mesi, in un canile, ma dopo essere stata trovata il giorno di Pasqua del 2015 sulle scale di un casale abbandonato è stata presa in affidamento da una volontaria della Onlus Legalo al cuore che una volta contattata ci ha fornito il suo n. di telefono e ci ha aggiornato quotidianamente e puntualmente con fotografie e video sullo stato della piccolina. Il giorno precedente la partenza per la Svizzera, la cagnetta è stata portata in toelettatura per tutti i preparativi (con foto e video che lo documentavano e senza alcun costo aggiuntivo). Quanto all'abitudine al randagismo, posso assicurare coloro che di cani non si intendono ( e da quello che ho letto mi pare che ciò valga anche per alcuni collaboratori della SPAB) che il cane è e resta un animale sociale e il fatto di non aver avuto una famiglia o un padrone non significa affatto che non sia abituato alla presenza delle persone. Si tratta di tenere in debita considerazione il fatto che il cane è abituato a sopravvivere da solo e quindi a procacciarsi ciò di cui necessita da solo, ma in nessun modo significa che egli non ami la compagnia dell'uomo (chi lo sostiene non ha alcuna conoscenza del mondo animale e parla solo per dar fiato ai denti). Chiunque adotti un cane rimasto per anni vagabondo, deve assolutamente avere dimestichezza e pratica del comportamento canino e, di certo, necessiterà di parecchio tempo per conquistarsi la sua fiducia. Se quindi adotto un cane di 8 anni non posso pretendere che dopo 2 giorni risponda ai miei comandi, scodinzoli a un mio fischio e dorma su una copertina accanto al mio letto. Personalmente, mi disgusta sapere che la famiglia di quel Border Collie l'abbia velocemente rifilato a un canile e, se mi è concesso, spero di cuore che non le venga affidato o venduto alcun cane se non uno di peluche!
moonie 3 anni fa su tio
@lm condivido!!!! resta il fatto che ti sei presa un rischio.. non basta compilare un modulo, un cane per portartelo a casa dovresti vederlo più volte e capire se funziona e se sta a oltre 1000km di distanza non lo puoi fare. sei stata/o fortunato, per lo più quassù arrivano cani profondamente debilitati, anche solo per il viaggio da incubo che hanno dovuto fare.
Angel 3 anni fa su tio
@lm Sono la persona che tanto ti disgusta, se vuoi ci troviamo face to face a bere un caffè e ti racconto tutto, poi vediamo. Col senno di poi sono bravi tutti, soprattutto a parlare di cose di cui non sanno un benemerito nulla e basandosi su 3 righe di articolo estrapolate tra l'altro da un'intervista ben più lunga e dettagliata. Innanzitutto il cane: è un fobico, soffre di deprivazione sensoriale e sicuramente sai cos'è visto che te ne intendi tanto. Cresciuto nel canile di Crispiano. Prima di essere consegnato a noi ha passato due anni da un'educatrice a Milano che doveva rieducarlo e abituarlo a quello che lui non era abituato e di cui anzi aveva paura, la vita con l'uomo (inteso come specie). La responsabile dell'associazione ha messo il cane in adozione perchè convita che dopo due anni fosse adottabile. Purtroppo l'educatrice in questione non si è rivelata all'altezza ed ha pure sottovalutato la situazione. Quindi il cane è arrivato da noi, ben diverso da come ci si aspettava fosse. Tutto però ovviamente è emerso dopo. Il controllo preaffido è stato fatto anche a noi, da una persona estremamente competente e che ci ha aiutato tantissimo quando lui è scappato. Una persona che ci avrebbe aiutato anche nella gestione del cane qualora l'avessimo tenuto. Purtroppo la decisione di non tenerlo è scaturita anche dal fatto che nel frattempo la persona che ci ha fatto il preaffido ha iniziato ad avere dei problemi di salute e quindi la sua possibilità di supportarci è venuta a cadere. Il cane non è scappato perchè l'abbiamo lasciato libero al parco il giorno dopo averlo preso o perchè ho dato il guinzaglio da tenere a mia nipotina di 10 anni. Il cane è scappato strappandosi la pettorina in un centesimo di secondo, senza che noi nemmeno realizzassimo cosa stava succedendo. Non lo abbiamo assolutamente rifilato in canile: se leggi bene l'intervista il cane è andato in una pensione il che è ben diverso. In un mese e mezzo di fuga, oltre noi che abbiamo passato le giornate e le nottate nei boschi a cercarlo, altri ci hanno aiutato cercando una struttura dove potesse essere ospitato in modo adatto e soprattutto in un modo rispettoso della sua natura. E' stato dichiarato (non da me!) NON adottabile e quindi rimarrà in questa struttura (di cui quando ci vedremo a bere il famoso caffè ti darò volentieri tutti i riferimenti) che è un ex agriturismo oggi riconvertito a ricovero per cani con queste problematiche, dove ha la possibilità di vivere libero in una tenuta cintata antifuga e di vivere in compagnia di una 30ina di cani come lui. Quindi come vedi nessuno si è affrettato a rifilare nessuno in canile! Sono contenta per te che te lo sei preso cucciolo, anch'io ho sempre avuto cuccioli prima di questo, certo.. ti semplifica molto la vita. A buon intenditor.. Io l'ho preso adulto, è stato un errore? Si/No/forse, come già detto, col senno di poi son bravi tutti. Io non dico di non aver commesso una serie di errori, li ho fatti e li ammetto tutti. Quando ci vedremo per il famoso caffè ti porterò anche "la prima pietra da scagliare"..
lm 3 anni fa su tio
@Angel Confesso rileggendo di essere stato eccessivamente sgarbato e mi scuso davvero con te, ma in questi anni sono tali e tanti gli episodi di famiglie (ticinesi e non) che dopo poche settimane dall'adozione si sono adoperate velocemente per liberarsi del cucciolo o del cane adulto perché non rispondeva alle loro utopistiche aspettative (forma e/o sostanza), che la rabbia mi monta ogni volta che leggo di storie simili. Quanto al tuo caso, credo comunque che qualche errore tu l'abbia commesso, a cominciare dalla rapidità con cui hai creduto di poter lasciare libero dal guinzaglio in un luogo pubblico un cane che solo pochi giorni prima viveva in una realtà completamente differente e, a maggior ragione, con una storia di rieducazione come la sua. Tuttavia, concordo con te che di sbagli ne commettiamo tutti e il tuo è stato fatto in totale buona fede. Dall'articolo, poi, come hai giustamente sottolineato tu, ho erroneamente ricavato che il tuo ex cucciolone fosse stato confinato in uno dei soliti box d'acciaio di un anonimo canile. Un paio di domande: qui in Ticino o in Svizzera ti sei rivolta a qualche etologo o comportamentalista? Avevi già avuto a che fare con cani problematici prima, o sei stata indotta ad adottarlo per un sentimento di legittima compassione? Un saluto al peluche...e senza rancore!
Angel 3 anni fa su tio
@lm Grazie :-) Solo una piccola puntualizzazione perchè forse c'è stato un malinteso: noi non lo abbiamo assolutamente lasciato libero. Dopo un mese che stava con noi (in casa e nel suo box -in cui per andarci lo dovevo portare in braccio perchè lui dalla paura si "congelava" letteralemnte e non camminava) in giardino, al guinzaglio mentre facevamo gli esercizi che chi erano stati consigliata da un comporatmentalista che ci seguiva per rieducare il cane, lui si è strappato la pettorina ed è scappato saltando la recinzione. Quindi già qui sopra rispondo alla tua prima domanda. Alla seconda dico, non avevo avuto cani problematici. Mi sono avvicinata a questo cane perchè mi è stato detto che stava da due anni con un'educatrice che lo aveva portato fuori dalla sua condizione di cane deprivato sensoriale e che quindi era un cane pronto ad andare in famiglia. In realtà non era così. Assolutamente non mi sono mai sottratta alle mie responsabilità e riconosco i miei errori. Quello che mi spiace è che l'articolo ha tagliato -ma per ovvi motivi di spazi- la nostra intervista totale. Da li ne esce un quadro più completo con tutte le informazioni. Fermo restando che solo chi con me ha vissuto questo nightmare, può sapere davvero come sono andate le cose e di rimando trarre dei giudizi. Nessun rancore, ci mancherebbe! A presto
lm 3 anni fa su tio
@Angel Beh, in questo caso credo proprio che una tiratina d'orecchie alla redazione andrebbe fatta, perché così facendo ha davvero contribuito a dare un'immagine distorta di tutta la tua triste storia. Un saluto e buona fortuna!
lm 3 anni fa su tio
@moonie Non nego che i cuccioli arrivino a volte debilitati, ma converrai con me che diffondendo queste paure, riferite a casi sporadici, si spinge la gente ad acquistare cuccioli da allevatori nostrani spesso del tutto inaffidabili che hanno spinto i loro cani alla riproduzione forzata partorendo generazioni sempre più fragili e caratterialmente instabili (chiedi ai veterinari, se saranno onesti te lo confermeranno). Andare in un canile dei nostri non ti mette per nulla al riparo dalle brutte sorprese, te lo garantisco. Inoltre, se conosci i cani, conosci i processi educativi, il linguaggio adatto a trattare con loro e soprattutto tantissima pazienza, allora non importa assolutamente da dove il tuo cane provenga, importa solamente che tu sia pronto a dargli amore perché lui attende solo di fare lo stesso con te!
Angel 3 anni fa su tio
@lm Grazie per la lezione di etica. Ho 44 anni e sono nata e cresciuta coi cani, anche tanti tutti insieme, qualcosa ne capisco. Ma non mi ha messo al riparo da finire in una situazione difficile nonostante proprio perchè non sono una sprovveduta, mi sono informata e documentata. Nella mia specifica situazione ci sono state più concomitanze di cose che hanno fatto si che si arrivasse a questo, ma è tutta un'altra storia. Per quanto riguarda gli allevatori, concordo con te ma mi sembra si esca dal seminato. Sentendo la SPAB, questi casi non sono poi così tanto sporadici e secondo me non è questo che spinge la gente a rivolgersi agli allevatori (soprattutto il fatto che i cani che arrivano da allevamento costano parecchio) Concordo che ci sono allevatori seri e meno seri, purtroppo anche per questo bisogna informarsi e a volte nemmeno questo è sufficiente. Il sito della SKG è già un buon supporto. Adesso ti saluto, vado a pranzo e già che ci sono mi compro un peluche.
moonie 3 anni fa su tio
@lm non sono propriamente d'accordo! l'amore l'amore...che spesso si trasforma in pietismo che porta all'antropoformismo, il peggiore maltrattamento che esista.... non basta l'amore (certo ci vuole) per recuperare un cane soprattutto se parliamo di cani che hanno superato l'età evolutiva (2 anni) e che quindi ormai hanno scritto quello che sono.... su gravi problemi di deprivazione non puoi fare altro che cercare di mitigare i sintomi ma gli adottanti sono pronti a questo? a tenersi per la vita un cane che non sarà mai "normale"? e di fatto figure con competenze per recuperare questo genere di cani sono scarse anche a livello di professionisti. Le "fregature" le si trovano ovunque per questo bisogna iniziare ad abbassare il rischio che alla fine si ripercuote solo sul cane perché se la cosa non funziona il cane nelle migliori delle ipotesi finisce in pensione! la 1. cosa sarebbe quella di evitare di farsi spedire il cane su promesse impossibili da mantenere! il canile per un cane è il peggio, è quanto più contrario alla propria natura etologica, eppure stranamente questi cani sono tutti bravissimi, buonissimi, dolcissimi, sanissimi, socialissimi... il ruolo delle associazioni laggiù e quassù sono quanto più pericoloso esista per i cani stessi, anche fidarsi dell'educatore che l'ha visto 2 anni, bisogna vedere come!!! già mi fa strano che dopo 2 anni che l'ha seguito l'educatore non abbia sentito il bisogno di accompagnare il cane nell'adozione di quella famiglia, in quanto famiglia io l'avrei richiesto non fosse altro per capire come continuare il percorso intrapreso e capire dove si sarebbe andati a finire, se potevano gestire o meno. un cane adulto fobico non guarisce... diverso per un cane giovane che ha ancora delle risorse da poter sviluppare
lm 3 anni fa su tio
@Angel Di regola preferisco adottare un cucciolo, o un cane comunque giovane, perché mi dà modo di iniziare un percorso educativo armonico. Certo, un cane adulto o addirittura vecchierello tocca spesso le corde dei nostri sentimenti tanto quanto, e a volte pure di più, di un cucciolo, ma in questi casi cerco di anteporre la ragione al sentimento perché di fronte a esperienze come quella che hai vissuto tu, potrei non disporre, malgrado anch'io vanti una notevole esperienza con i cani, delle capacità necessarie a riprogrammare un cane problematico (fobico, aggressivo, ecc.). Quanto al mio riferimento agli allevatori, intendevo dire che è discutibile pubblicare articoli come quello apparso sul tio (ma d'altra parte il tio è piuttosto conosciuto per la sua approssimazione) che di fatto mettono paura e ansia alla gente, spingendola a rivolgersi ai canili nostrani, aagli allevamenti o peggio ai negozi, anziché alle onlus europee che si occupano di adozioni a distanza, convincendoli che lì i cani saranno più sani, più belli, più equilibrati, salvo poi accorgersi che così non è e cercare poi di liberarsene!
moonie 3 anni fa su tio
@lm perdonami, giuro non cerco polemica. sono contenta che si sia aperta questa discussione su un problema riguardo alle adozioni internazionali che si protrae da decine di anni! ora è diventato evidentissimo purtroppo perché il numero di cani importati è esploso con tutti i suoi problemi. in ogni caso ti prego di non fare un errore fondamentale quando parli di ri-programmare un cane (a parte il termine bruttissimo, il cane non è una macchina).. un cane adulto (oltre i 2 anni) con problemi di comportamento non guarisce e chi ti dice questa cosa è un buffone. il problema comportamentale si può mitigare, diluire... ci sono molte variabili ma se un cane ha vissuto problemi ad esempio di deprivazione materna, ambientale, che ha vissuto in canile tutta la vita con tutto quel che ne consegue, se catapultato in una realtà urbana come la nostra, ha veramente scarse risorse per recuperare e per farlo bisogna affidarsi a dei professionisti seri. può migliorare, trovare un suo equilibrio, essere anche felice se la famiglia che lo accoglie può andare oltre agli impedimenti che immancabilmente un cane così ti porta... non c'è santo che possa recuperare un cucciolo strappato alla madre prima dei 2 mesi o un cane che ha conosciuto solo le sbarre del canile o anche che ha vissuto per strada e non ha mai avuto un punto di riferimento umano. dobbiamo essere chiari su questo. è pieno il mondo di samaritani che con l'ammmore pensano di salvare il povero disperato, ma ben presto davanti alla realtà delle cose questo ammmore finisce... per disfarsi di un cane si fa presto specie qui in svizzera. non diamo un messaggio sbagliato a chi pensa che adottare un cane da un canile a migliaia di km sia semplice e per forza una buona idea. chi li spedisce i cani non si pone il minimo problema... se andiamo dietro a questo modo di gestire le cose superficiale (per non dire criminale) non aiutiamo gli animali. I cani andrebbero aiutati in loco perché ormai i canili del sud sono degli allevamenti. dove sono le campagne di sensibilizzazione, di sterilizzazione.. perché si portano via cani dai canili lager senza fare alcuna denuncia? il canile "lager" fa presa tantissimo... è pieno il mondo di gente che vuole fare l'eroe e il figo con il cane dal canile lager senza rendersi conto di quello che sta facendo... è amore questo? anche no.
lm 3 anni fa su tio
@moonie Tutto giusto, e comunque per quanto riprogrammare sia un termine orribile, ne convengo, questa è la sostanza (e non sto certo pensando a quell'idiota di Cesar Millan quando lo utilizzo, sia chiaro!). Per fortuna nell'addestramento e nel recupero di cani problematici (molto genericamente) esistono anche le zone grigie, mentre nella tua visone del mondo canino, intuisco che non ne esistano: o il cane è equilibrato o è perso per sempre e quindi è meglio se ne resti confinato in un canile lager o, nella migliore delle ipotesi, venga consegnato nelle mani esperte di autentici comportamentalisti alla Graeme Sims! Ciò detto, mi piacerebbe sapere quali consigli daresti dunque a una famiglia che, per scelta o necessità, non intende spendere 3'000 franchi per un cucciolo svezzato magistralmente da una mamma pluripremiata cresciuta, accudita e addestrata in un allevamento con marchio di qualità SCS o ENCI... A proposito, ne ho visitati di allevamenti certificati; ti accolgono con i trofei, i diplomi, i certificati in bella mostra poi cercano di spacciarti cuccioli con gravi disturbi neurologici (io stesso ho bloccato una signora che aveva già il portafogli in mano!) giustificandoli con problemi passeggeri dovuti agli effetti della vaccinazione, o ancora cuccioli scontati col morso rovesciato! Scusa, ma da tempo ho iniziato a diffidare del business degli allevamenti, specie se multimarca! Adottare un cane a migliaia di km di distanza può certamente apparire un azzardo, ma conosco più di una persona di mezza età, in cerca di compagnia che questo azzardo è stato costretto a compierlo perché nei canili svizzeri ( e per svizzeri intendo di TUTTA la Svizzera!) si è sentita rispondere per mesi e mesi che non c'era nulla della taglia richiesta o che, peggio, non c'era nulla per chi aveva già compiuto 65-70 anni! Certo, come in tutte le cose, anche e soprattutto nell'adozione di un cane è necessario rimanere vigili, accorti, diffidare degli intermediari e informarsi, informarsi e informarsi; ma affermare, per partito preso, che chiunque adotti un cucciolo a 1000 km di distanza andrà incontro a un inferno è del tutto inappropriato e, da un certo punto di vista, persino irresponsabile. Frequento padroni di cani di razza, provenienti da allevamenti di prestigio che si sono ritrovati, come accade in ogni famiglia normale con alcuni figli, un cucciolo iperattivo o fobico, del tutto fuori squadra, ma a fatica lo ammettono perché è così che accade con i propri figli, non si è obiettivi, specie dopo aver speso una fortuna per averlo e se discendente di nobile lignaggio. Conosco, invece, molti altri padroni di cuccioli più o meno grandi, che il loro botolino l'hanno adottato in Romania, Campania, Puglia, Spagna, Ucraina, Slovacchia e persino Germania e che non hanno mai manifestato alcun rincrescimento per la scelta operata e che non hanno mai avuto problemi (se non quelli ordinari cui vanno incontro tutti i proprietari di cani nobili, snob o cortigiani). Concludo con un appunto all'impossibilità per i cani di recuperare dalle cattive esperienze. Ebbene, dato che mi sembri piuttosto competente, non potrai non conoscere il coping mechanism, quella strategia del tutto funzionale e incondizionata che permetterebbe ai cani di gestire tutto quello che avvertono come un problema e in questo senso, per quanto la cosa possa apparire molto strana, si tratta di una strategia utilizzata in gran parte dai lungodegenti nei canili. Alcuni cani, infatti, si chiudono solo in condizioni di stress, ma, nei casi più gravi, questa reazione iniziale può diventare uno stato mentale permanente. I cani che hanno adottato questa strategia di gestione di un problema vengono spesso descritti come disobbedienti o menefreghisti rispetto alle richieste del loro proprietario: ma non stanno ignorando i loro proprietari, sono soltanto inconsapevoli del mondo che li circonda. E per tutti loro, indipendentemente dall'età, è possibile insegnare a superare il loro disadattamento sociale.
moonie 3 anni fa su tio
@lm no per carità non intendo assolutamente negare quelle che chiami "zone grigie" e il recupero di animali anche con gravi problemi. sto rimarcando il problema sotto un altro punto di vista e cioè sulle reali volontà e possibilità delle persone comuni di farsi carico di questi animali, di continuare per lungo tempo (per sempre) il percorso di recupero che può essere davvero impegnativo e che già ad esempio nelle prime battute dell'adozione diventano un problema (ad esempio con le decine e decine di cani in fuga di cui sentiamo) soprattutto nella nostra società ticinese canefobico e molto restrittiva. non facciamo che lamentarci, con questi cani problematici la cosa diventa esplosiva. il discorso è molto ampio e articolato. è relativamente facile per i cani in età evolutiva, molto più difficile oltre quest'età e bisogna fare i conti anche con la carenza di figure professionali competenti che possano aiutarli, che hanno un prezzo non solo in termini di soldi, il problema è che quando poi un'adozione non funziona qua si fa presto.. .difficile che i canili si prendano animali tanto problematici, facilissimo che poi vengano soppressi capisci?? chi ha salvato cosa?? Per gli allevamenti sfondi una porta aperta, io l'abolirei proprio per tutti i motivi che hai detto. L'adozione di cani a 1000 km di distanza è sbagliata nel principio anche se qualche adozione funziona è sbagliato soprattutto per tutti quegli animali che rimangono nel canile lager. nel sud hanno totalmente rinunciato ad un avanzamento culturale, alla sensibilizzazione, a far rispettare le leggi, entrano nei canili lager e li mantengono tali perché "vende", fa fighissimo raccontare di aver salvato "se non c'ero io chissà che fine faceva".. è pieno di "nordici" che vogliono fare gli eroi, sul posto nel sud non si fanno adozioni (so di cani che avrebbero avuto ottime possibilità di adozione locale ma gli animalari hanno preferito spedirli al nord dove tra spese veterinarie (spesso con documenti falsi, ne ho viste decine) e donazioni possono guadagnare di più. per legge l'adozione dai canili in italia è gratuita e sapevi che per legge sarebbe vietata l'adozione fuori regione? la normativa Garavaglia lo vieta!! le spese vet dovrebbero sostenerle le asl e questo per legge ma tutti si guardano dal farle rispettare perché tutti possono mangiarci sopra. lo fanno per tutto, vuoi che non lo facciano con i cani di nessuno??.. conosco una ragazza di milano che ha organizzato una raccolta fondi pro-sterilizzazione, ha raccolto soldi per sterilizzare una 50ina di cani in un canile della puglia, ebbene le hanno vietato di mettere piede in canile, l'hanno anche minacciata fisicamente perché loro hanno bisogno "carne fresca" da vendere al nord! alla fine ha pagato un veterinario privato e andavano in giro a sterilizzare i cani di strada. ma ti sembra una cosa normale?? canili lager-illegali in mano alla mafia con giri di milioni di euro l'anno, migliaia di randagi che partono e non si sa che fine fanno, alcune adozioni coprono una deportazione in atto da decenni!.... l'adottante ticinese è solo l'ultimo anello di una catena degli orrori. spostare un problema non lo risolve, ma anzi lo alimenta! possibile che di questo non freghi niente a nessuno???!
lm 3 anni fa su tio
@moonie Le tue argomentazioni sono puntualissime, e per molti versi inoppugnabili. C'è sicuramente uno scandaloso commercio di anime disperate e, probabilmente, il Governo italiano, le Regioni o le Province dovrebbero promuovere, addirittura imporre, una campagna di sterilizzazione di massa (non voglio parlare di soppressione di massa come è avvenuto in Ucraina o in Romania, dove il problema è stato affrontato in modo decisamente, seppur comprensibilmente, draconiano). Purtroppo, le connivenze e le collusioni tra criminalità e politica impediscono che ciò avvenga e il fenomeno perciò continua a dilagare. Posso però assicurarti che, in mezzo a tanto marciume, operano però pure associazioni serissime senza alcuno scopo di lucro. Io, come ti ho già detto, avrò avuto fortuna, ma la onlus con cui ho interagito (dopo essermi comunque documentato a lungo e dopo aver raccolto informazioni da più fonti) non mi ha chiesto un soldo, né per le spese di vaccinazione (documenti autentici con tanto di bollo ministeriale) né quelle di trasporto della cagnetta. Il servizio veterinario ASL 5 di Bari mi ha chiamato durante la fase di stallo della cagnetta per mettermi al corrente di una struvite e per informarmi sul decorso e sulle cure che sarebbero state disposte. La dottoressa dell'ASL ha preso contatto personalmente con il mio veterinario di fiducia che con assoluta oggettività ne ha elogiato la professionalità, sottoscrivendo interamente il percorso di cure stabilito. All'arrivo a Lugano, la cucciola è stata immediatamente visitata dal mio medico che l'ha trovata fisicamente esattamente nello stato di salute che gli era stato descritto ed abbiamo perciò proseguito la cura, soprattutto un regime alimentare particolare, sino a completa guarigione (pensa che da Bari mi hanno pure fatto dono di 12 scatole di Hill's Prescription Diet Canine s/u che a loro non devono essere costate poco). Comunque, in tutto questo, rimane certo quello che hai osservato tu, e cioè che per uno che agisce seriamente ce ne sono tanti che invece, facendo leva sul pietismo nordico, lucrano su questo commercio. Ma se spostiamo la prospettiva, riorientandola sui tanti cani vagabondi o rinchiusi nei canili, forse, e dico forse, il pietismo nordico, quando si manifesta in buona fede, contribuisce comunque a salvarne qualcuno...e dopo tanti cani di razza, io sono felice di aver dato un futuro diverso alla mia meticcia. Ti auguro un'ottima giornata
moonie 3 anni fa su tio
@lm perfetto. non dimentichiamoci che se non ci sono orde di cani per strada in ticino e svizzera solo perché esiste la soppressione ed è usata sistematicamente, anche privatamente e per cultura (per cultura in svizzera è possibile anche mangiarli i cani, tanto per dire). a me fanno pena questi, oltre che quelli del sud e forse bisognerebbe che ci si impegnasse di più a renderli visibili, perché se i "nordici" sono disponibili ad adottare cani problematici, anziani e con problemi di salute, vorrei tanto che gli invisibili cani ticinesi avessero le stesse opportunità. Grazie per questo scambio, buona continuazione!
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
Finché il veterinario cantonale non PROIBISCE queste importazioni, come gli annunci su mercatini online!!! sarà sempre peggio!!!!!
Sara Tagliati 3 anni fa su fb
La tratta dei randagi dal sud Italia verso il nord è un business molto grande. Se la gente la smettesse di foraggiare questo traffico forse ci si potrebbe concentrate sul trovare soluzioni. Mi spiace soprattutto per i cani, che pagano il conto più salato
gabola 3 anni fa su tio
ma tutte le leggi per importazione e per tenere un cane,permessi municipali(con controllo delle recinzioni da parte dei tecnici municipali)corsi vari obbligatori e l obbligo dei guinzagli uno si chiede se magari non sia una scusa per aver acquistato un cane con problemi di ambientazione e caratteriali diversi da un tamagogi!! come detto da Tiger ci sono molti centri anche in ticino per adottare dei randagi e con aiuti maggiori in caso di problemi
Sonia Matilde Perticaroli 3 anni fa su fb
Ma siete ridicoli! Adesso pure i cani randagi colpa dell'Italia
Cristian Pasotti 3 anni fa su fb
Aprire l'articolo e leggerlo?
Sonia Matilde Perticaroli 3 anni fa su fb
Non scrivere stupidaggini?
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ma chi le sta scrivendo le stupidaggini? Solo lei signora ;)
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
Perché da dove arrivano secondo lei??
Valentina Conte 3 anni fa su fb
Brava Sonia Matilde Perticaroli
Sonia Matilde Perticaroli 3 anni fa su fb
Adesso l'Italia è l'unica che ha i cani che vanno in giro ..... veramente penoso come pensiero
moonie 3 anni fa su tio
una vera tragedia. ci sono pseudo associazioni che importano allegramente ogni sorta di cane, senza che questo sia minimamente preparato al contesto urbano, a vivere in una casa e a stretto contatto con le persone e altri animali. ne fuggono tantissimi di questi. chi gliel'ha dato dal momento che è partito (in condizioni allucinanti per lo più perfettamente illegali anche sotto il profilo sanitario!!) su fb compare la scritta "adottatoooooooo" ma di quello che sarà il dopo se ne strafregano. in pratica si compra (compra!!! non salva! si compra!) a scatola chiusa... ce ne sono una marea che se non scappano vivono un vero incubo perché gli adottanti non sono minimamente preparati. Vince la pancia, il motto è "l'ho salvato" perché fa figo dire che il cane arriva dal canile lager di Mesoraca, ma in realtà spesso non si salva proprio niente ma si diventa ingranaggi molto remunerativi di un vero traffico. Chiedetevi perché in italia invece di sterilizzare i randagi si spediscono come pacchi. di fatto i canili (spesso chiamati lager, quindi illegali e in mano alla MAFIA) sono allevamenti di randagi che fanno girare parecchi milioni di euro l'anno perché tanto ci sono i fessi del nord (non solo svizzeri) che pagano per farsi spedire il pacchetto postale, per poi accorgersi di aver fatto una gran cacata sulla pelle di questi animali. nel mezzo gente senza alcuna competenza che organizza viaggi allucinanti, chiamati "staffettisti" con tanto di tariffario. mi fa enorme paura il vanzetti che ancora sminuisce.. sono centinaia i randagi dall'estero che entrano in svizzera, eppure molti non si sa che fine facciano... pellicce? scatolette? vivisezione? se volete vedere il baratro visitate il sito bairo.info sezione segugio 281.. ci sono tante prove di questo traffico mafioso di cui il ticino pare essere un caposaldo! se volete un cane basta cercare e lo troverete anche qua da salvare, per altro spessissimo dalla soppressione legalizzata. perché andare a prenderli da fuori senza nessuna garanzia e lasciare che i nostri vengano soppressi? vedremo quando arriverà qualche cane contagioso e pericoloso se poi sminuirà ancora una realtà ormai fuori controllo.
Francesco Sergio 3 anni fa su fb
Chiudiamo le frontiere non ne possiamo più di cani frontalieri che vengono a rubare lavoro ai nostri cani
Lella Losa 3 anni fa su fb
Falcione Keila 3 anni fa su fb
Lori Manoni 3 anni fa su fb
Ve li portano da soli non arrivano
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
E chi sarebbero sti deficienti che esportano cani randagi?A che pro?
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Sveglia! Su fb ci sono decine e decine di pagine aperte da """"volontari""" dove mettono gli annunci di queste povere bestiole. Basta solo che li contatti e loro poi ti portano il cane nel nord italia. Senza controlli, senza indicazioni, senza niente!
Daniela Pellegrinelli 3 anni fa su fb
Giada Dotti non facciamo di tutta l erba un fascio ... Ci sono anche associazioni molto serie e scrupolose
Lella Losa 3 anni fa su fb
Signora Giada Dotti...non dica cavolate e pf non faccia di un.erba marcia un fascio...prima si informi
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Certamente non parlo di ogni singola associazione, ma ce ne sono fin troppe!
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Giada Dotti allora signora , di chi sarebbe la colpa, del "cane italiano" o del signora/e Svizzera/o che il cane se lo fa portare? Pure a Lugano si fa la spesa al Migros o migrolino, ma vuoi mettere andare a sfondare le balestre dell'auto caricandosi una spesona fatta al Bennet di Como. Sai come gli girano le palle agli Zucchini che i ticinesi abbiano buste paghe simili alle loro ma approfittino dei "bonus" che nella tanto vituperata , dai ticinesi di origine italiana, Italia. Chissà cosa sarà sto bruciore di stomaco che vi prende, forse perché dalle 17 in poi dovete andare ai distributori di benzina a fare la spesa o forse perché immobili ed economia stanno andando a fondo ? Arriveranno tempi grami pure nel cantone a lingua italiana e vi accorgerete che i cani saranno l'ultimo dei problemi che vi salteranno sulle spalle . Auguri.
Sabrina Cadeddu 3 anni fa su fb
Alessandro, quando vedrò uno stipendio in Ticino equiparato ad uno oltre Gottardo, potremo riparlarne. Fino ad allora il suo commento non ha nessun senso.
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Sabrina Cadeddu ok,esempio , stipendio del portalettere a Lugano e Zurigo
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Dal sud Italia?!? Ma chi scrive questi articoli??!!
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Me lo chiedo pure io, forse avranno la carta d'identità .
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Informatevi prima di screditare una verità ;)
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Da entrambe le parti! Questi si vanno a comprare delle bestie su internet che arrivano dal sud Italia? Ci sono tanti negozi qui in Svizzera, o forse costano troppo?! Esattamente come il resto e quindi fa comodo attraversare il confine per fare la spesa, spesa di qualunque genere..
Aydemir Natalya 3 anni fa su fb
Elena Fortunato si parla del adozione e cani arrivano dai canili.quel poco che chiedono non copre nemmeno spese come microchip,vaccini,passaporto e ecc.
Armando Zaccaria 3 anni fa su fb
Elena Fortunato i cani si comprano in negozio? Li fabbricano sul retro?
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Aydemir Natalya ma di cosa stiamo parlando?!?! Ma uno sano di mente va a prendersi un cane in un autogrill?!?! Ma fanno tanto i puritani gli svizzeri e poi si abbassano a certi livelli?!? Non hanno i canili qui? Che vadano ad adottare un cane nel canile più vicino a casa, che essendo svizzero sarà sicuramente più bello, pulito, controllato, microchippato, sterilizzato e forse pure multilingue
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Armando Zaccaria sicuramente un negozio svizzero sarà sicuramente più attento ai controlli giusto? Altrimenti non costerebbero il doppio
Raphaela Vassalli 3 anni fa su fb
Aydemir Natalya spesso e volentieri i documenti sono falsificati cioè manomesso. Chi fa i soldi con il traffico dei cani c'è e non tutti sono seri.
Angela Paulino 3 anni fa su fb
Elena almeno qui nel Mendrisiotto non ci sono negozi che vendono cani, non prendertela così tanto. Si sta parlando di traffico dei cani non dei Italiani
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Angela Paulino me la prendo se apro fb e trovo un articolo del genere, dove per l'ennesima volta si scarica la colpa sugli italiani, ma che cavolo! La colpa è di chi ha accettato di prendersi un cane a quelle condizioni!
Angela Paulino 3 anni fa su fb
Hai letto l'articolo?non si sta parlando male di nessuno
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Ah no?! Allora le insinuazioni le ho avvertite solo io?! Non bisogna scriverle esplicitamente certe cose, sarebbe sufficiente il titolo! L'articolo l'ho letto eccome!
Angela Paulino 3 anni fa su fb
Sinceramente vedo che sei molto accanita, non capisco l'odio che avete verso gli Svizzeri... C'è molta rabbia nei tuoi commenti, io rileggerei l'articolo con la mentalità un po' più aperta.
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ma calmati! Sempre a vedere razzismo ovunque eh? Quando poi fai tristi affermazioni ironiche (spero) "negozi piu controllati, piu puliti, piu e piu". Secondo; i cani si comprano nei negozi???? Quei bellissimi cuccioli che arrivano dall est magari? Che dopo 3 giorni muoiono? O che si passano una vita di sofferenze x malattie varie? Gli animali o si adottano (seriamente!!) O si acquistano da un allevamento serio. Altro che negozi! Ignoranza portami via
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Io odio gli svizzeri? Ma come fai a fare un'affermazione del genere? Tra i miei migliori amici ci sono degli svizzeri!! Parlare ad un'italiana che vive all'estero di mentalità aperta direi che è davvero superfluo.
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Giada Dotti appunto! Si adottano seriamente!!!!!!!!!! Ti sei risposta da sola!!!! Ignorante sarai tu, perdonami ma non mi conosci neanche,le offese tienitele per te
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Giada Dotti cioè ?
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ignorante..... sai cosa vuol dire? :) non è un offesa. Cerca sul dizionario. Ho detto che odi gli svizzeri?? Ma sai leggere e capire? Si adottare seriamente, e mi parli di negozi? Ma ti rendi conto delle castronerie che scrivi?
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Non era una risposta al tuo commento quella dell'odio verso gli svizzeri! Io sono ignorante ma tu non sai leggere e non è un'offesa nemmeno la parola puttana nella lingua italiana, lo sai?? Ma non mi sognerei nemmeno per scherzo di dirlo a qualcuno.
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Giada Dotti negozi o canili, chi sceglie di avere un cane può farlo come crede, a differenza tua non mi permetto di giudicare, conosco tante persone che hanno comprato un cane in un negozio e lo trattano come un figlio!
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ignoranza: 1: mancanza di istruzione e di cultura 2: mancato possesso di nozioni o d'informazioni su una data materia o su avvenimenti 3: mancanza di educazione Direi che io mi riferivo al pt. 2. Informati un po che cuccioli sono quelli venduti dai negozi, dai dai! E cosa centra "lo trattano come un figlio"?!! Mica si sta discutendo di questo. Ma parlo per caso arabo? Boh
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Arabo no ma nemmeno italiano
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Di cosa stai discutendo scusa? Le adozioni di animali serie sono quelle dove ti vai a prendere una povera bestia in autogrill?!? Per poi dare la colpa al sud Italia? Ma dio cristo, di cosa parli? La colpa è di quei coglioni che sono andati a prendere le povere bestie in giro per il mondo come i clandestini
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ma di cosa stai discutendo tu..... ho perso le speranze. Buona giornata!
Elena Fortunato 3 anni fa su fb
Hai perso le speranze?!
Aydemir Natalya 3 anni fa su fb
la mia stima alle persone volontari quali mettono a disposizione loro tempo,investono loro denaro per aiutare e salvare cani abbandonati.e un grazie infinito alle persone che hanno adottato un cane senza importanza se quel cane dal italia o dalla svizzera. Denise Ariotti sei d'accordo?
Denise Ariotti 3 anni fa su fb
Il bello di questi meravigliosi animali, è che ... Svizzeri, Italiani, Slavi, Spagnoli, Romeni, di qualunque parte del mondo... Sono degli esseri milioni di volte superiori a noi. Hanno un cuore enorme e si fidano di noi esseri umani ... Che siamo quel che in questo ed altri casi stiamo dimostrando di essere. Avessimo solo un briciolo del loro cuore, queste discussioni non servirebbero. Buona giornata a tutti
Aydemir Natalya 3 anni fa su fb
Denise Ariotti
Rachele Porcelli 3 anni fa su fb
Complimenti a chi spedito in cane in rifugio dopo averlo ritrovato. BRAVI!!
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Ma veramente! Schifosamente vergognoso
Gabriella Tettamanti 3 anni fa su fb
La civiltà di un popolo emerge da come trattano gli animali
Sheila Peverada 3 anni fa su fb
Poverini
Erika Ursino 3 anni fa su fb
Ma i cani hanno scritto davanti io vengo dal Italia??forse vengono dal nord
Gabriella Tettamanti 3 anni fa su fb
I cani no, ma se segue le varie storie arrivano tutti dal Sud
Erika Ursino 3 anni fa su fb
Ma i clandestini non vengano solo dal sud forse Germania Basilea Austria Francia per me e solo un idea fissa che tutto arriva dal Italia
Raffaella Canova 3 anni fa su fb
il problema non è da dove arrivano ma a chi vanno , se non sapete tenere un cane evitate..
Sara Violetti 3 anni fa su fb
Non tutti i cani ex randagi scappano.. la colpa é di chi li prende.. non si rende conto che non vanno mollati in giardino da soli, non vanno slegati durante la passeggiata per un lungo periodo.. anche un anno..
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
Ci sono anche quelli, che out di sbolognarlo, ne tessono le lodi, e chi li prende ci casca come un allocco
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
Tanto, alla fine, ci va sempre di mezzo il cane... Intanto loro incassano
Sara Violetti 3 anni fa su fb
Purtroppo si..
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Saranno frontalieri. Cazzo però , partire dalla Sicilia o dalla Calabria, bravi a camminare e alimentarsi senza farsi investire. A quando i cani provenienti dalle zone di guerra che chiederanno asilo politico?
Lella Losa 3 anni fa su fb
Ecco allora sti cagnoloni son stati si adottati ma evidentemente mal.gestiti dai loro adottanti...quindi non diamo la colpa hai cani ma bensi a chi.li adotta ...
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
E di chi li porta su!
Lella Losa 3 anni fa su fb
Non concordo...io ne hi adottati 3 e vengono tutti dalla strada ...con associazioni serie che si interessano dove i cani vanno e son pure costantemente controllati...
Tiger 3 anni fa su tio
Vedo comunque tanta, tanta ignoranza e dabbenaggine. Se uno vuole adottare un cane, ha tutte le possibilità che vuole per farlo, in Ticino, presso strutture serie.
bibis 3 anni fa su tio
@Tiger se una persona vuole adottare un povero cane non è certo ignorante.. ma di cuore, è ignorante chi li abbandona! certooo il ticino come la puglia o la sicilia pullula di cani abbandonati in attesa di essere adottati tramite strutture seri..
lm 3 anni fa su tio
@Tiger Se me lo concedi, di strutture serie ce ne sono in tutto il mondo così come ve ne sono di poco serie anche in Svizzera! Fidati.
Angel 3 anni fa su tio
@bibis Io sono quella che ha adottato il cane scappato in Capriasca. Ti ringrazio quindi per avermi tolgo di dosso la parola ignorante a favore del buon cuore :-) Il motivo per cui ho preso un cane dall'Italia è molto semplice, il mio pensiero è stato che quelli che ci sono nei canili qui da noi, non stanno certo felici e contenti ma di base stanno bene. Quelli che arrivano dai canili in Italia e nel mio caso da CRISPIANO (andate a vedere in internet...) stanno davvero molto, molto male. Crispiano ha un tasso di mortalità di 5 cani al mese, tanto per dire. Nei nostri canili queste situazioni non ci sono e quindi ho pensato -sbagliando- di fare una buona cosa, ritrovandomi in una situazione difficile da cui ringrazio il cielo, sono uscita!
moonie 3 anni fa su tio
@Angel talmente bene che se hanno più di tot anni in canile manco li fanno entrare. provate a cercare presso i veterinari e scoprirete quanti vanno a morire con la punturina. se non ci sono queste situazioni in ticino (e svizzera) è perché vengono legalmente soppressi! l'errore più madornale è credere che basti il buon cuore per aiutare davvero questi cani. l'errore madornale è qui e si declina in un delirio che fa fare un pacco di soldi a chi ve li vende... un tasso di mortalità di 5 cani al mese e non ti poni nessuna domanda sulla gestione? te ne sei portato a casa uno che ha liberato posto per un altro finché non parte anche quello.. un business, nessuna sterilizzazione, nessuna denuncia, niente. allegri staffettari che spediscono pacchetti postali.
Angel 3 anni fa su tio
@moonie Complimenti per la salita in cattedra. Col senno di poi son bravi tutti. buona giornata!
NICKITA 3 anni fa su tio
@moonie Vero i nostri canili sono lindi e puliti solo perché sopprimono gli animali onde evitare costi di mantenimento . Mi sono rivolta piu' volte alla Protezione animali di Bellinzona ( Gnosca ) ma avevano solamente cani portati in pensione !
moonie 3 anni fa su tio
@Angel col senno di adesso, visto che con i cani ci lavoro e ho a casa uno di questi "ruderi" bellamente mollati dall'adottante e soprattutto dall'associazione che qua l'hanno spedito... se ne sono strafregati che poteva fare una brutta fine.
Wanda Fumagalli 3 anni fa su fb
Povera Svizzera!!!
Lella Losa 3 anni fa su fb
E magari hanno fatto pure l auto stop x arrivare da noi...
Alessandro Kom 3 anni fa su fb
Lella Losa 3 anni fa su fb
Mai visto.uno ne tanto meno.x sentito dire...pf non sparate cazzate...
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
questi poveri cani vengono da situazioni drammatiche e li consegnano a gente inesperta che alla prima occasione se li fa scappare . leggere le dichiarazioni del veterinario cantonale che si preoccupa dei danni che possono causare la dice lunga su quale sensibilità abbiamo verso gli animali . penoso
Antonella Mauro 3 anni fa su fb
Effettivamente possono causare danni seri sia per se stesso che per gli altri come per esempio incidenti stradali oppure sono così spaventati che possono attaccare
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
Antonella Mauro non discuto ma personalmente l'unica cosa a cui riesco a pensare è che stanno la fuori soli e spaventati
Lorella Castellini 3 anni fa su fb
Sensibilità a zone. I nostri canili sono pieni, i cani hanno sempre e comunque 4 zampe ed abbaiano esattamente come quelli del sud, ma ora c'é il boom dell'importazione, e con esso malattie varie che qui non ci sono da tanto tempo, ma stanno tornando. Ma ora c'é la moda dei cani del sud e quelli della Spagna. Chi se ne frega dei nostri cani in gabbia, ci si preoccupa solo di quelli.
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
è un discorso ampio e molto triste molti dei cani stranieri finiscono anche sui tavoli da laboratorio svizzeri , uno salva chi può' e chi si sente . non la considero una moda
Monica Sabau 3 anni fa su fb
Sono cani sui quali si specula, in quanto spesso non viene detto ai futuri padroni che si tratta di cani vagabondi (magari catturati apposta per qualche soldo facile).. é inutile fare i buonisti, molto spesso i cani randagi sono portatori di malattie/parassiti o spinti dalla fame possono attaccare altri animali selvatici o domestici, per non parlare di casi in cui attaccano bambini o persone adulte. Oppure causano incidenti della circolazione quando attraversano le strade, come fa qualsiasi altro animale allo stato brado. Non penso che i "nostri" cani alla protezione animali siano principalmente randagi, quanto piuttosto esemplari e cuccioli non voluti e ceduti prima di aver sperimentato la vita libera per conto loro
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
io ho espresso il mio pensiero e non pretendo che sia anche il tuo. se provare empatia verso un animale che si trova in un territorio che non conosce , al freddo da solo , affamato e terrorizzato vuol dire essere buonista, lo sono ! E trovo che non sia inutile esserlo ,anzi ,fossero tutti buonisti il mondo sarebbe migliore .
Raphaela Vassalli 3 anni fa su fb
O ci sarebbe semplicemente più gente che fa i soldi sulla pelle di questi questi poveri cani.
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
le persone di merda speculerebbero anche sulla propria madre ma il mio discorso era un altro
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
riuscire a fare del razzismo anche sotto un articolo di animali è davvero imbarazzante ma non vi vergognate da soli ?
Sara Tagliati 3 anni fa su fb
fuori soli e spaventati??? SONO CANI RANDAGI sono spaventati (TERRORIZZATI) solo quando vengono tenuti in casa/giardino/guinzaglio... non è che hanno la tendenza a scappare perchè sono mitomani e si divertono a spaventarsi da soli. Cani NON socializzati con l'uomo nel periodo sensibile NON si abitueranno MAI a viverci insieme; non è un'opinione. BASTA con questi "buonismi" da quattro soldi, fate danni inimmaginabili. Basta. L'empatia che provi è ben chiara dai "ricatti morali" che sottoscrivi (io provo empatia=cosa buona; tu no= sei cattivo). Il mondo è quello che è grazie a tutti noi, anche a te, fattene una ragione Michela.
Michaela Scalabrini-Sette 3 anni fa su fb
guarda solo per il fatto che scrivi che non si abitueranno mai a viverci insieme ( complimenti per l'italiano ) mi fa capire che non sai nemmeno di cosa stai parlando .....non perdo altro tempo con te
Giada Dotti 3 anni fa su fb
Quando c'è ignoranza sia da una parte che dall'altra, possono succedere solo queste cose.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-29 15:08:17 | 91.208.130.87