tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 ore
«Mascherine gratis sui mezzi pubblici»
Lo chiede il Partito socialista in una lettera aperta indirizzata al Governo ticinese
VIDEO
LOCARNO
10 ore
I dinosauri sono sbarcati nella Rotonda di Locarno
Ecco Dinosaurs Park, la mostra evento che apre i battenti domani in Piazza Castello
CANTONE
10 ore
Vacanze negate: «C'è chi l'ha presa male»
Italia, Spagna. Ma anche la Serbia, con qualche escamotage. I vacanzieri si preparano a lasciare il Ticino. Come?
GRAVESANO
13 ore
Medio Vedeggio, si vota il 18 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione sul progetto aggregativo tra Bedano e Gravesano.
LUGANO
13 ore
Troppi incivili: il Municipio chiude la Foce
Nel weekend lo sbocco del Cassarate non sarà accessibile dalle 20.00. Colpa dei vandalismi, e dei rifiuti
CANTONE
13 ore
Orari nei licei: consegnata la petizione
Il sindacato degli studenti ha recapitato oggi 730 firme alla cancelleria dello Stato
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
«Poca voglia di far spesa in Italia»
Secondo Migros gli svizzeri sono tornati in massa a far spesa oltre confine dalla riapertura delle frontiere.
CANTONE
14 ore
Il Ticino rialza il livello d'allerta
L'aumento dei contagi ha fatto passare dal blu all'arancione la campagna cantonale di sensibilizzazione.
CANTONE
15 ore
Diplomi per giovani talenti dello sport e dell'arte
Si è svolta il 26 giugno la cerimonia di consegna degli attestati federali presso la Scuola professionale per sportivi.
FOTO
CANTONE
15 ore
Luce verde (e milioni) alla mobilità della Capitale
Il Consiglio di Stato ha dato via libera ai crediti per la progettazione e la realizzazione del PAB3.
CANTONE
05.02.2016 - 17:180

Isis: quattro iracheni a Bellinzona dal 29 febbraio

Compariranno di fronte al Tribunale penal federale in quanto sospettati di aver cercato di costituire una cellula dello Stato islamico in Svizzera

BELLINZONA - Comincerà il 29 febbraio davanti al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona il processo contro quattro iracheni accusati di essere membri o sostenitori dell'Isis. Secondo il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) avrebbero tentato di costituire una cellula dello Stato islamico in Svizzera.

I quattro uomini tra i 29 e i 34 anni sono accusati di partecipazione, o in via subordinata di sostegno, a un'organizzazione criminale. Uno di loro è accusato di avere copiato e reso accessibili a una cerchia indeterminata di persone, tramite una pagina Facebook, diverse immagini che "mostrano con insistenza atti di cruda violenza verso esseri umani". Lo stesso imputato e un altro connazionale avrebbero inoltre svolto l'attività di passatori a favore dell'Isis, si legge sul sito web del TPF.

La Corte penale con un collegio di tre giudici prevede cinque giornate almeno di dibattimenti e si è riservata altri due giorni, fino all'8 marzo. Il processo si terrà in tedesco e la lettura della sentenza è prevista per il 18 marzo.

L'inchiesta della Procura federale era scattata nel marzo del 2014, in seguito a informazioni trasmesse dal Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) alla Polizia giudiziaria federale (PGF). Il SIC era stato allertato dai servizi segreti americani del fatto che un gruppo dell'Isis stava pianificando un attentato.

I primi tre arresti erano stati effettuati il 21 marzo e l'8 aprile 2014 nella Svizzera nordorientale. Il 17 luglio 2015 il procedimento penale è stato esteso a un quarto imputato, che si sarebbe recato in Siria per portare ricetrasmettitori allo Stato islamico.

Nel corso delle indagini l'MPC ha indicato di aver collaborato con diversi paesi tra cui gli Stati Uniti. Un accordo concluso nel 2006 con Washington prevede l'istituzione di un team inquirente comune nella lotta contro il terrorismo e questo dispositivo è stato posto in opera per la prima volta in questo procedimento penale, secondo la Procura federale.

L'unità in questione è composta da elementi della PGF elvetica e dell'FBI americano. La Procura federale ha trasmesso diverse richieste di assistenza giudiziaria a più paesi europei.

Il TPF ha rifiutato a più riprese la scarcerazione degli imputati. Uno di loro è accusato di aver aderito già nel 2004 in patria a una organizzazione terroristica islamica da cui era poi nata l'ISI (Stato islamico dell'Iraq). Nel 2011 avrebbe poi allacciato contatti in Siria con la locale propaggine di quello che è oggi l'Isis - o IS, o Daesh secondo la sigla araba - nella quale militavano suoi ex "compagni di viaggio" iracheni, tra cui un altro degli imputati di Bellinzona.

Dopo il suo arrivo in Svizzera nel 2012 l'uomo avrebbe mantenuto contatti con l'organizzazione e pianificato attentati insieme a un coimputato e a una terza persone che doveva arrivare dall'estero. I tre iracheni arrestati nel 2014 sono accusati anche di aver fornito aiuto per giungere in Europa ad altri membri dell'Isis, di aver svolto compiti di coordinamento, fatto propaganda per l'organizzazione terroristica, dato istruzioni e fornito anche consigli operativi.

In una sentenza del TPF pubblicata il 18 maggio 2015 e relativa al prolungamento della detenzione preventiva per il principale imputato, erano riportate affermazioni scioccanti fatte dall'uomo, che abitava nel canton Sciaffusa. Riferendosi agli svizzeri cristiani l'iracheno, che si sposta su una sedia a rotelle e in passato aveva depositato una richiesta di asilo in Svizzera, si sarebbe espresso con le parole: "Sì, per Dio, sono da decapitare non da convertire".

Altri processi in rapporto con il sostegno allo Stato islamico potrebbero seguire. L'MPC ha aperto almeno una ventina di procedimenti contro presunti jihadisti.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 05:30:24 | 91.208.130.86