ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
15 min
Via Ludovico il Moro riapre in entrambi i sensi
CANTONE / SVIZZERA
26 min
Cittadinanza svizzera revocata, sarà ricorso
CHIASSO
50 min
Dall’estate all’inverno, riapre la pista del ghiaccio
CANTONE
1 ora
Le vite degli italiani sotto lo sguardo dello Stato
CANTONE
2 ore
Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»
MASSAGNO
2 ore
Sberle e denunce tra mamme al parchetto
MENDRISIO
2 ore
Una serata per aspiranti soccorritori volontari
CANTONE
3 ore
Ferrovia Ticino-Malpensa: un treno su dieci è in ritardo
CANTONE
11 ore
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
12 ore
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
13 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
13 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
15 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
16 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
LUGANO
14.12.2015 - 20:430

Operai sui cantieri a 7 euro all'ora, arrestate tre persone

Ancora un caso di sfruttamento sul lavoro in Ticino. In manette il presidente e il vice-presidente della Emme Suisse di Lugano

LUGANO - La magistratura ticinese ha aperto un'inchiesta nei confronti della Emme Suisse Società Cooperativa, impresa di Lugano specializzata nella posa di serramenti in alluminio.

Come riferisce la Rsi, nella giornata di lunedì sono state arrestate tre persone della ditta luganese, che ha sede in via Sorengo 22, tra cui il presidente e il vice presidente.

Queste persone sono accusate di aver sfruttato i loro operai, quasi tutti frontalieri, che venivano pagati tra i 7 e i 9 euro all'ora. Gli abusi, come ha riferito il Quotidiano, sono avvenuti sia sui cantieri ticinesi della ditta, sia sul quello del PostParc di Berna.

Gli inquirenti si sono recati negli uffici della sede della ditta per effettuare delle perquisizioni.

L'inchiesta è affidata al sostituto procuratore generale Andrea Pagani.

Commenti
 
paolos 3 anni fa su tio
è finalmente si comincia ad usare le maniere forti con questi sfruttatori
grumpy 3 anni fa su tio
Questa è gentaglia. Dopo l'arresto dovrebbero gettare le chiavi
paolino1962 3 anni fa su tio
ma è per i 7 EUR o per mancanza del permesso di lavoro?
Delta 3 anni fa su tio
non si tratta di una ditta locale che assume frontalieri (che per il ramo specifico è soggetta a contratti collettivi con minimi salariali) ma di ditte create appositamente per eludere il limite di 90 gg per distaccati, continuando a pagarli con stipendi italiani senza il minimo rispetto delle leggi.
Iron 883 3 anni fa su tio
e' per colpa di delinquenti simili se il mercato del lavoro in Ticino e' quello che e'. A personaggi simili dovrebbero proibire in futuro di aprire o partecipare ad altre societa'. Peccato che il nostro sistema permette tutte le scappatoie possibili!
davidi81 3 anni fa su tio
ma tanto le ditte locali prendono frontalieri perché non trovano manodopera qualificata in casa....c'è ancora qualche adulto che crede a babbo natale ??qui i babbi siamo noi...
Libero pensatore 3 anni fa su tio
@davidi81 Nel l'edilizia sono ormai decenni che non c'è personale residente a sufficienza, ogni settore è un caso a sè. Qua siamo di fronte al classico scenario dell'italiano che sfrutta i suoi connazionali. Speriamo che questi personaggi non possano più fare impresa in Svizzera, né come amministratori né come azionisti. Rovinano il mercato e fanno concorrenza sleale a chi le regole le rispetta
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 09:27:29 | 91.208.130.85