ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
5 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
7 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
7 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
7 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
9 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
9 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
CANTONE
10 ore
L'occhio del radar scruta mezzo cantone
MUZZANO
11 ore
I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»
CANTONE
11 ore
Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo
CANTONE
11 ore
«Bisogna incentivare i giovani ad usare i mezzi pubblici»
AQUILA
11 ore
Incidente nel nucleo di Aquila
BELLINZONA
12 ore
Giovani in piazza per salvare il clima
CANTONE
12 ore
Due importanti nomine per De Rosa
BELLINZONA
13 ore
«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»
LUGANO
13 ore
Appartamenti sussidiati a 400 franchi in più: «Il Municipio lascia fare?»
CANTONE
27.05.2015 - 23:500
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Italian Raid Commando Lombardia, vince Hellvetics

La pattuglia elvetica ha vinto la gara per la terza volta nella sua storia

LUGANO - Domenica pomeriggio, 24 maggio, si è conclusa la competizione militare internazionale a pattuglie "Italian Raid Commando Lombardia 2015 - Trofeo Ministro della Difesa" organizzata dall'UNUCI Lombardia.

La competizione, della durata complessiva di circa 18 ore, prevedeva un'esercitazione operativa, valutativa, continuativa, diurna e notturna, in bianco ed a fuoco, sul terreno, con nemico rappresentato.

Ad avere la meglio tra le 62 pattuglie provenienti da 12 nazioni (Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Svizzera e USA) è stata una pattuglia Svizzera "ASSU Lugano Hellvetics" che si è imposta davanti ad una pattuglia belga (secondo posto) e ad una olandese (terzo posto).

La pattuglia "Hellvetics" è riuscita così a vincere la gara per la terza volta nella storia (2011, 2012, 2015) aggiudicandosi così il "bassorilievo di Alberto da Giussano", l'ambito trofeo che da 29 anni stava aspettando un vincitore.

A rappresentare la Svizzera erano presenti un totale di cinque pattuglie, tre delle quali provenienti dal Ticino:

BELLATOR (Cp Gren Chars 17/3), COOPERHEAD (ASSU Lugano e dintorni), Hellvetics (ASSU Lugano e dintorni), MVM (ASSU Lugano e dintorni) e Section Double Pomme (Swiss Sdp) che hanno ottenuto i seguenti risultati:

•1° posto: Hellvetics
•10° posto: Section Double Pomme
•13° posto: MVM
•15° posto: BELLATOR
•55° posto: COOPERHEAD

Per il Ticino erano presenti:

Pattuglia COOPERHEAD
I ten A. Walser (CP)
I ten J. Leemann
I ten A. Milosevic
Sdt L. Hofer

Pattuglia Hellvetics
Cap. S. Regazzoni (CP)
I Ten S. Rossi
Sgt Capo A. Della Toffola
Sgt K. Cerasuolo

Pattuglia MVM
Sgtm Capo V. Cattani (CP)
Sgt M. Ghirlanda
Sgt M. Sandrini
-
Le pattuglie ticinesi erano accompagnate dalla pattuglia di supporto tecnico/logistico composta dal Aiut Suff F. Lorenzetti e dal Sgt D. Zali

(1)Eleco prove:
Verifica ordini, Controllo materiale, Tiro, Posto Osservazione, Guado tattico, Tiro Operativo (fucile e pistola), Trasporto, Ordini Radio, Marcia, Esplosivi, Calata in corda, Rastrellamento area, Incursione, Superamento ostacoli, Anti Sniper, Primo soccorso, Rapporto pattuglia. 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 04:03:55 | 91.208.130.87