Immobili
Veicoli
L’autore misterioso va a caccia di uno scrittore di talento
Tio/20Minuti
Antonella Piccolo (al centro) con due sue collaboratrici, Alessia Rodrigues e Gabriela Stimova.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
CANTONE
3 ore
Giovani ucraini e i compiti in vista dell'autunno
Alcuni deputati della Lega chiedono lumi su come il Decs si sta organizzando il vista del prossimo anno scolastico.
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
5 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
MENDRISIO
11 ore
Dopo lo stop pandemico a Mendrisio ritorna la Festa della Musica
Più di 20 gruppi e 7 palchi per animare le vie del Borgo, venerdì 24 e sabato 25 giugno
CANTONE/SVIZZERA
13 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CAPRIASCA
1 gior
Tesserete-Bidogno-Bogno: strada chiusa per tre ore e mezza
I lavori di pavimentazione stradale avranno luogo giovedì 2 giugno.
LUGANO
1 gior
Lugano Bike Emotions premia Nino Schurter
Il campione del mondo sarà presente sabato 28 maggio in compagnia di altri protagonisti del mountain bike svizzero.
CANTONE
1 gior
Un nuovo Comitato per l’ATTE cantonale
Otto i nuovi volti. Riconfermato quale Presidente l'uscente Giampaolo Cereghetti.
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
CANTONE
1 gior
Alex Farinelli nel Comitato centrale dell'ACS
Il sindaco di Comano (e consigliere nazionale) prende il posto di Simone Gianini, che lascia la carica dopo 4 anni.
LUGANO
1 gior
“Famiglia in bicicletta”: la scultura che promuove le piste ciclabili
L'artista Gabriela Spector rende omaggio agli sforzi del comune di Lugano per sviluppare la mobilità dolce.
BELLINZONA
13.04.2022 - 11:060

L’autore misterioso va a caccia di uno scrittore di talento

Singolare progetto lanciato dalle Edizioni Flamingo. Con lo scopo di pubblicare un libro originale.

La direttrice editoriale Antonella Piccolo: «Noi vi diamo l’incipit e chi lo desidera, può continuare il racconto scrivendo via email il seguito». Ecco come funziona.

BELLINZONA - A caccia dello scrittore talentuoso nascosto nella Svizzera italiana, con un singolare botta e risposta via email. A lanciare l’iniziativa è la casa editrice Flamingo di Bellinzona con un innovativo progetto chiamato “L’autore misterioso”. È la direttrice editoriale Antonella Piccolo a spiegare come funziona. «Uno scrittore, che desidera rimanere nell’anonimato, vuole lanciare un progetto aperto a chiunque desideri cogliere l’occasione di scrivere un romanzo epistolare a quattro mani. Noi vi diamo l’incipit e chi lo desidera, può continuare il racconto scrivendo il seguito all’autore misterioso. Inutile dire che lo scopo è quello di arrivare alla pubblicazione di un libro originale. E di scoprire allo stesso tempo le doti di uno scrittore nostrano».

Un esperimento che porterà alla realizzazione di un testo insolito. Tutto si svolge in forma quasi giocosa. «L’autore misterioso – riprende Piccolo – ha iniziato il suo libro. E ora cerca qualcuno che lo prosegua in maniera brillante, fuori dagli schemi. Chiunque abbia idee originali può proseguire il testo scrivendo all’indirizzo email lautoremisterioso@gmail.com. Ci occuperemo di fare da tramite tra i due scrittori, garantendo l’anonimato richiesto. Si tratta di una sfida con sé stessi ma anche con l’altro. Una sorta di “gioco al rialzo”, che vorrebbe creare un terreno fertile per colpi di scena e innovazione».

Ecco l’incipit del romanzo epistolare:

Miro alla testa, aumento lo zoom del mirino. Il soldato che tra poco si accascerà a terra è girato di spalle. Inspiro e mi affido alla mano ferma concessa dal diazepam assunto poco fa.

Sparo, colpendo proprio il centro della nuca. Il soldato cade, in una pozza di sangue. Dall’alto del palazzo su cui sono appostato passo subito al prossimo bersaglio. Ripeto meccanicamente da capo le operazioni appena concluse.
Le scie di sangue spariscono poco dopo essere state sparse al suolo.

Inizio ad annoiarmi: sto sbadigliando.

Decido di colpire i civili. Stesso procedimento: miro, zoom e sparo.

Miro, zoom e sparo.

Ma non mi basta. Continuo a non divertirmi.

Prendo di mira i miei alleati.

Miro. Zoom. Sparo.

Il sangue macchia il terreno e poco dopo sparisce.

Basta, cambio scenario.

Ora sono alla guida di un’auto sportiva. Sfreccio rapido in una città dell’America centrale.

A bordo strada sosta un capannello di persone che trovo molto invitante.

Premo sull’acceleratore e punto in modo deciso verso di loro.

Li investo come birilli.

La maggior parte cade a terra e quelli che se la sono cavata fuggono urlando.

Arresto la macchina. Scendo e raccolgo i soldi che aleggiano sui loro corpi morti.

Risalgo rapido sull’auto e torno a correre per le strade finché dietro di me appaiono alcune auto della polizia a sirene spiegate.

Mi attraversa una leggera adrenalina e inizio a immaginare la fuga perfetta, o la mia morte.

Salgo a tutta velocità su un ponte e sterzo bruscamente a destra, precipitando nel fiume con l’auto.

Sono morto.

Ricompaio vivo al di fuori di un ospedale. Ancora una volta con la mia vita e la mia noia in mano.

Da tempo trascorro le mie giornate così: davanti al pc, ai videogiochi o facendo scorrere le vite degli altri con un pollice su uno smartphone.

Ma ora eccomi qui a scrivere. Ma a chi?

Forse sto solo scrivendo a me stesso. Dopotutto ormai non interagisco con nessuno al di fuori di me stesso da... quando? Nemmeno lo ricordo.

Sono convinto di non aver bisogno di nessuno e, anzi, che “gli altri” siano solo una seccatura.

La mia comfort zone si è ristretta fino a coincidere con la mia stessa pelle.

Ma ora scrivo a te.

A te, che probabilmente nemmeno mi risponderai. A te, che magari proprio come me ti senti comodo solo fino alla tua pelle e oltre a quella non tolleri nulla, nemmeno la luce del sole.

O magari a te, che invece conosci ancora il piacere delle piccole cose. Quelle piccole cose che io ho dimenticato e che non voglio nemmeno ricordare per il senso di inadeguatezza che mi sbattono in faccia ogni volta che ci penso.

Scrivo a te, a un indirizzo email a caso, perché ora voglio vivere qualcosa di più vero: tutti questi schermi iniziano a non bastarmi.

E tu? Chi sei? Ma, soprattutto, ci sei?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 22:32:08 | 91.208.130.85