Davide Pereira (in tenuta scura) con il cuoco Francesco Mondani.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 ore
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
18 ore
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
22 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
1 gior
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
1 gior
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
1 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
1 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
LUGANO
24.03.2021 - 07:330

«Un lungo calvario per ottenere gli aiuti»

Covid: Davide Pereira, 28 anni, gerente del ristorante Camino, respira. Le ultime modifiche di legge gli sorridono.

Aveva aperto l'attività il 14 febbraio del 2020. Poi è finito in un ginepraio senza fine. Da Berna ora arrivano buone notizie. Una vittoria per il consigliere nazionale Fabio Regazzi.

LUGANO - Chi aveva aperto una ditta dopo il primo marzo del 2020 non avrebbe avuto diritto ad alcun sostegno finanziario legato alle chiusure per la pandemia. Da Berna arrivano buone notizie per i neo imprenditori. La data baluardo ora è stata spostata al primo ottobre 2020. Una vittoria per Fabio Regazzi, consigliere nazionale e presidente dell’Unione svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) che sin dall’inizio si è battuto per una soluzione equa: «Ogni singolo caso è a sé. E sarebbe stato bello poterlo valutare. Sono consapevole che ci sarà ancora qualche scontento. Purtroppo in una situazione del genere si dovevano cercare soluzioni schematiche e rapide nell’applicazione».

«Mi hanno fatto impazzire» – Tra chi, forse, può tirare il fiato c’è un ragazzo di 28 anni incastrato dalla burocrazia, nonostante la buona volontà. Lui è Davide Pereira, responsabile del ristorante Camino di Ruvigliana, a Lugano. «Ho aperto il 14 febbraio 2020. Mi dicevano che il mio sarebbe stato trattato come un caso di rigore agevolato. In realtà mi hanno fatto impazzire».

Le condizioni – Nel piccolo ristorante di Davide lavorano in due. Lui e il cuoco Francesco Mondani, 33 anni. Per quanto riguarda l'indennità di perdita di guadagno e il lavoro ridotto non ci sono stati problemi. È la questione dei casi di rigore ad avere causato grattacapi al giovane imprenditore. «A un certo punto si era detto che venivano trattati come casi di rigore agevolati coloro che avevano aperto prima di inizio marzo del 2020 e che fatturavano almeno 50.000 franchi all'anno. Il primo requisito c'era. Il secondo ovviamente no».

Labirinto burocratico – A Davide inizialmente viene detto che si sarebbe potuto considerare il periodo tra il 14 e il 29 febbraio 2020 e poi fare una proiezione matematica per il resto dell'anno. «A quel punto i 50.000 franchi annui sarebbero stati abbondantemente raggiunti. Io ero contento di questa proposta. Solo che nessuno mi ha mai dato conferma. E così col passare dei mesi la versione è cambiata. Sono andati a vedere quando avevo creato la società, vale a dire fine ottobre 2019. Di conseguenza il periodo considerato non sarebbe più stato quello delle ultime due settimane di febbraio del 2020, bensì quello dei primi due mesi del medesimo anno».

Lo scenario che cambia in continuazione – Un rebus che lascia perplesso il giovane imprenditore. «È normale che prendendo come base questo nuovo criterio, io non raggiungessi il requisito di 50.000 franchi annui come fatturato. Ho chiesto di avere una conferma ufficiale di questa nuova versione e mi hanno detto che non la rilasciavano perché lo scenario, con eventuali nuove decisioni politiche, sarebbe potuto ulteriormente cambiare».

«Di certezze non ne ho ancora» – Alla luce delle nuove decisioni, tuttavia, Davide può sorridere. «Anche se di certezze non ne ho ancora. Tocca a noi imprenditori interpretare le nuove leggi. Spero di avere capito giusto, anche perché da mesi mi trovo in un limbo. L'affitto e le spese ci sono». 

«Il timore di favorire gli approfittatori» – «In Parlamento – riprende Regazzi – c’è stato uno scontro tra chi ha una visione rigida e restrittiva della situazione, con un occhio anche alle finanze pubbliche, e chi invece voleva venire incontro agli imprenditori. Molti temevano di favorire persone che volevano approfittarne. Personalmente avrei tolto qualsiasi limite temporale, aiutando le aziende aperte più recentemente. Ma evidentemente c’è chi non si fidava».

Come una barca nella tempesta – Il caso di Davide Pereira dimostra come una piccola impresa nel contesto pandemico possa sentirsi come una barchetta in mezzo alla tempesta. «Quando si apre un’azienda – conclude Regazzi – ci sono sempre diversi mesi di preparazione. La data di iscrizione è solo una tappa, che tra l’altro arriva verso la fine del processo. Bisogna sempre calcolare che dietro a una nuova apertura ci sono sogni e ci sono sacrifici da parte delle persone coinvolte». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-20 11:26:08 | 91.208.130.87