tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
RIVERA
2 ore
Ciclopiche demolizioni: giù le cisterne da 175 milioni di litri
L'approvvigionamento di carburante oggi è "just in time", così City Carburoil smantella i suoi due depositi
TENERO
8 ore
Tensione al centro Tertianum Al Vigneto
Dipendenti scontenti per quanto starebbe accadendo nelle ultime settimane. Nel mirino la nuova direttrice. 
GAMBAROGNO
11 ore
Quanto è complicato avere un cane da protezione
Greggi e lupo: la recente giornata informativa del Cantone mette a nudo tutte le difficoltà dei contadini.
LUGANO
13 ore
Polo sportivo, si voterà il 28 novembre
Il referendum lanciato dall'MPS è formalmente riuscito
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
La danza che unisce, premiati due progetti ticinesi
MOPS_DanceSyndrome e Mix-Dance New Ability si sono spariti il premio principale dell'associazione ilmioequilibrio.
CANTONE
14 ore
Inchiesta sul funzionario del DSS: «Vogliamo risposte»
Tamara Merlo e Maura Mossi Nembrini chiedono lumi sulle conclusioni dell'inchiesta amministrativa.
LUGANO
14 ore
L'OSI torna a esibirsi (dal vivo) al LAC
Dopo mesi di concerti in streaming, l'Orchestra potrà tornare in sala per offrire la propria musica.
CANTONE
16 ore
Gli alberghi di lusso guardano al futuro con cauto ottimismo
Ha avuto luogo oggi a Lugano l'assemblea generale dell'associazione Swiss Deluxe Hotels
LUGANO
16 ore
Premiati i migliori allievi di quarta media dell'Istituto Sant'Anna
Le medie più alte sono di Tristan Luisoni, Elias Wullschleger, Brayan Ferrarini e Federico Fabio.
BELLINZONA
17 ore
Ristrutturazione del Liceo: «Un progetto che nasce vecchio»
L'MPS prende posizione rispetto al piano pensato dal Governo e non risparmia critiche.
CANTONE / GRIGIONI
19 ore
Dopo la frana, riapre la strada del Lucomagno
Per motivi di sicurezza, in prossimità del passo il collegamento è percorribile su una sola corsia
BELLINZONA
20 ore
Il Tavolino Magico compie 15 anni e trasloca
Il centro di distribuzione di Bellinzona si trova ora al centro Spazio Aperto.
TICINO
18.01.2021 - 11:240
Aggiornamento : 12:09

«Sono orgoglioso del mio Ticino»

Ignazio Cassis parla da ex medico cantonale e da ticinese. «Bene la gestione della pandemia, ma la morte non sia tabù»

LUGANO - I negoziati con l'Ue, i problemi della politica. Il "suo" Ticino e - soprattutto - la morte. Oggi il consigliere federale Ignazio Cassis ha concesso una lunga intervista alla Neue Zürcher Zeitung, in cui ha parlato da ministro degli esteri, ma anche da ex medico cantonale e da ticinese. 

Il fronte europeo - Per quanto riguarda l'accordo quadro con l'Ue, nel contesto della pandemia Cassis lo ha definito «importante, ma non assolutamente necessario». Le tempistiche si sono dilatate - ha sottolineato il ministro - a causa del Covid e della Brexit. «L'Ue è stata pesantemente assorbita dalla Brexit e dalla questione del bilancio alla fine dello scorso anno. Tuttavia, sono ora fiducioso che presto potremo tenere discussioni».

La polarizzazione della politica - Il medico con studi all'università di Zurigo parla anche della polarizzazione politica in Svizzera, a suo avviso cominciata parecchio tempo fa. Cita a questo proposito anche la Lega in Ticino, per poi parlare della piramide dei bisogni di Maslow: «La realizzazione di sé è possibile solo nella prosperità, il benessere porta all'individualismo e questo alla polarizzazione» argomenta Cassis. «I problemi sono sempre più piccoli, anche quelli su cui si litiga. All'estero, mi capita spesso di sentire: vorrei avere i vostri problemi».

Il Covid - La pandemia rappresenta per contro una sfida seria e il vicepresidente del Consiglio federale sostiene le nuove misure entrate in vigore oggi. «Se sottovalutiamo il pericolo rappresentato dai virus mutati in Svizzera accadrà la stessa cosa che in Inghilterra: il numero di casi esploderà e andrà fuori controllo. Ora abbiamo l'opportunità unica di frenare questo sviluppo, perché possiamo imparare dall'esperienza di altri paesi. Sì, le misure sono dure, ma purtroppo sono necessarie. Dobbiamo rallentare l'epidemia e allo stesso tempo vaccinare, vaccinare, vaccinare».

«Orgoglioso del Ticino» - Cassis parla anche della situazione a sud delle Alpi. «Come ex medico cantonale in Ticino sono orgoglioso del mio cantone. Lì praticamente tutti i residenti dei centri per anziani sono già stati vaccinati. Mia madre ha ricevuto una lettera personale del medico cantonale che spiega dove e quando può farsi vaccinare. Ma purtroppo non tutti i cantoni sono ancora sulla stessa strada», si rammarica l'ex presidente del gruppo parlamentare federale PLR. «Ogni giorno senza vaccinazione è un giorno perso».

Pensare in modo diverso - E ancora: «Osservo che molte persone hanno la sensazione di non poter più dire quello che pensano. C'è molta pressione per dire solo ciò che è accettabile. Tutti parlano di diversità di opinioni, ma sento una crescente inibizione ad avere il coraggio di pensare in modo diverso». Per il successore di Didier Burkhalter alla testa del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) nell'era dei media sociali si opera sempre di più con slogan ed emozioni: «Questo influenza anche la politica, ci sono sempre più tabù».

Il tabù della morte - Il tabù numero uno è comunque quello della morte. «Quale medico, so che la morte fa parte della vita. Un'epidemia fa vittime, purtroppo. Sono stato presidente dell'associazione delle case anziani Curaviva per sei anni. Ci siamo occupati quotidianamente di questioni relative alla morte, alla dignità umana e ai diritti umani. Già allora abbiamo visto quanto sia difficile per la società accettare la morte come una fase della vita. O anche solo di parlare della morte».

Ricordi d'infanzia - Probabilmente anche qui si conferma il modello di Maslow, prosegue Cassis. «Nella fase di auto-realizzazione, una società benestante non vuole affrontare eventi così difficili da sopportare come l'inevitabilità della morte. Da bambino, la morte era qualcosa di naturale per me», riferisce il politico nato nel 1961 a Sessa, nel Malcantone. «Quando qualcuno moriva nel villaggio, veniva steso a casa sua: tutti prendevano commiato, toccavano il defunto un'ultima volta. Anche i bambini sapevano cosa significava la morte. Oggi abbiamo rimosso la morte. In qualità di medico mi dispiace che, come consigliere federale, devo tenere conto di questo fenomeno sociale nelle mie decisioni», conclude il probabile presidente della Confederazione per il 2022.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 08:00:15 | 91.208.130.87