tipress
CANTONE
16.12.2020 - 06:000

Frontalieri, l'Italia non ha fretta

Slitta la firma dell'accordo sull'imposizione. Nonostante le promesse del Consiglio federale

COMO/BELLINZONA - L'accordo sull'imposizione dei frontalieri italiani non verrà firmato entro fine anno, come promesso dal Consiglio federale nei mesi scorsi. Lo ha anticipato il viceministro italiano Antonio Misiani al Corriere di Como.

«In questo momento» ha dichiarato Misiani «abbiamo altre priorità». A complicare le cose, oltre alla crisi del Covid e alle difficoltà del governo Conte, ci sarebbero aspetti di costituzionalità. La differenza di trattamento tra "vecchi" e "nuovi" frontalieri potrebbe venire bocciata dalla Corte Costituzionale. 

Le trattative dovrebbero riprendere nel 2021. L'entrata in vigore è prevista per il 2023. «La pandemia ha reso più difficili le cose e sono ancora troppi i punti controversi» ha dichiarato al quotidiano il sindacalista Giuseppe Augurusa della Cgil, che conferma lo stallo. «Se ci fossero stati sviluppi saremmo stati avvisati».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 23:15:58 | 91.208.130.87