Ti-Press
Anche Gobbi è finito nel mirino dell'Mps.
CANTONE
07.12.2020 - 18:190
Aggiornamento : 08.12.2020 - 09:06

Uno schiaffo al Governo: «Misure ridicole»

L'Mps attacca le «non decisioni» prese oggi dall'Esecutivo: «Sono solo cosmesi. In nessun modo fermeranno i contagi».

Criticata soprattutto la scelta di non agire nei confronti del settore del commercio: «Gli avvertimenti sono inutili se una volta riscontrate delle inadempienze non si prendono provvedimenti».

BELLINZONA - «Le misure prese dal Governo sono da considerare ridicole». Non usa giri di parole il Movimento per il socialismo per commentare le nuove restrizioni emanate oggi dal Consiglio di Stato dopo il richiamo ricevuto sabato da Berna. «Si tratta di piccoli accorgimenti che rappresentano una vera e propria cosmesi. In nessun modo essi permetteranno di limitare l’espansione del contagio», tuona l'Mps «in particolare poiché non affrontano di petto le questioni che sono e potranno essere all’origine di ulteriori progressi della pandemia».

L'ira del Movimento si rivolge in particolar modo verso le mancate restrizioni riguardanti un settore del commercio che è «da giorni è luogo di grande concentrazione di persone». E questo benché il Consiglio di Stato abbia ammesso che i controlli recenti svolti in questo ambito abbiano dato esiti «sconfortanti», mettendo in luce la mancanza del rispetto delle norme minime di protezione. «Di fronte a tutto questo - attacca l'Mps - il Governo non trova di meglio da fare che lanciare l’ennesimo appello affinché le misure vengano rispettate». Appelli inutili, secondo il Movimento, se poi una volta riscontrate delle inadempienze non si prendono provvedimenti.

L'attacco a tutto campo prende poi di mira Norman Gobbi e «il suo elogio della mascherina». Un discorso, quello del Presidente del Consiglio di Stato definito «surreale» dall'Mps in quanto lo stesso Governo da lui presieduto «ci ha messo tre mesi a decidersi a rendere obbligatorio portare la mascherina nei luoghi chiusi».

Il Movimento, infine, ritiene «gravissimo» che non siano state annunciate nuove misure sanitarie in alcuni ambiti problematici. Come ad esempio le case anziani. «In questo settore siamo confrontati con una situazione assai più grave della prima ondata - denuncia l'Mps - eppure non viene annunciata alcuna misura». L'Mps conclude con la stoccata finale: «Il Governo e i partiti che lo sostengono non vogliono assumere misure di lotta alla pandemia per non ostacolare interessi economici particolari».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 06:35:07 | 91.208.130.87