tipress
Il Palazzo dei Congressi adibito a tribunale
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
23 min
Marijuana nei boschi, sequestrati 120 chili
Tre persone sono state arrestate in due distinte operazioni che hanno portato alla distruzione di oltre 200 piantine.
CANTONE
1 ora
Due tamponi positivi in Ticino da ieri
Nelle strutture ospedaliere ticinesi risultano attualmente ricoverate due persone per il Covid-19
GRAVESANO / BEDANO
1 ora
Medio Vedeggio: «Uniti per crescere ancora»
Diversi gruppi politici credono nella bontà del progetto in votazione il prossimo 18 ottobre.
GORDOLA
2 ore
Quando "fioccano multe" ci pensano Lega-Udc ad avvisarti
Il gruppo "denuncia" l'utilizzo da parte della polizia intercomunale della fotocamera per il rilevamento della targhe
CAMPIONE D'ITALIA
2 ore
Il nuovo sindaco vuole risolvere i problemi con la Svizzera
«Ieri è stato dato mandato di pagare tutti i debiti. Con Bellinzona e Berna dobbiamo arrivare a una soluzione»
VIDEO
LOCARNO
2 ore
Locarno come Mondello? Il Sindaco: «Avviso la polizia»
A decine, ammassati, senza mascherine. Così questo fine settimana in un bar del centro.
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
«Senza prenderne coscienza, non avrei mai potuto uscirne»
Oggi è la Giornata nazionale sui problemi legati all’alcol. Il tema? Sfatare i tabù
CHIASSO
4 ore
Chiasso è ancora un po' in lockdown
Uffici vuoti, ristoranti in difficoltà. Bravofly lascia "a casa" quasi tutti i dipendenti
CANTONE/SVIZZERA
12 ore
«Avere figli è considerato un “problema” delle donne»
Daria Pezzoli-Olgiati è riuscita ad affermarsi come lavoratrice e mamma ma reclama un cambiamento di mentalità.
FOTO
MUZZANO
14 ore
Dopo la caduta, riparte dal cavallo la riabilitazione di Sonia
Momenti emozionanti stamattina quando la nota marciatrice di Gaggio ha ripreso confidenza con sella e briglie.
LUGANO
02.07.2020 - 11:560
Aggiornamento : 16:24

«Ha fatto di tutto per essere fermato»

Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: la difesa ha chiesto una riduzione della pena

Per l'avvocato Luigi Mattei l'imputato 22enne «voleva essere fermato» e «non è un mostro ma un ragazzo in difficoltà». Proposto il collocamento in una struttura psichiatrica, e una formazione professionale

LUGANO - Le foto su Facebook. I messaggi ai compagni di scuola. Una chiamata - senza risposta - al Telefono amico. E infine una mail disperata a una professoressa. 

I campanelli d’allarme sono stati tanti, nella corsa dell’ex studente della Commercio di Bellinzona verso il folle piano di una strage scolastica. Segnali lanciati dal giovane, «come delle richieste di aiuto». 

Ne è convinto l’avvocato difensore Luigi Mattei, che questa mattina ha iniziato la sua arringa nel processo allestito presso il Palazzo dei Congressi di Lugano. Per il 22enne il procuratore pubblico Arturo Garzoni ha chiesto mercoledì una pena sospesa di 7 anni e mezzo, per atti preparatori di strage. 

La difesa in aula ha elencato una serie di attenuanti, e invocato per il giovane la media scemata imputabilità, sulla base delle numerose perizie psichiatriche. A suo favore deporrebbe la totale collaborazione con gli inquirenti, e il fatto di avere «lui stesso fatto di tutto per essere fermato».

Tra aprile e maggio 2018 l’allora 19enne aveva iniziato a manifestare comportamenti «preoccupanti» a scuola. Nel suo diario parla di propositi di suicidio, un pensiero che - ha sottolineato in aula l’avvocato difensore - nella mente del giovane era comunque un’alternativa alla strage. «L’opzione più attrattiva - scriveva ad esempio - è quella di una morte solitaria e quasi accidentale». Poi, altrove, tornava al piano stragista: «Deve succedere, l’ultima vetta del male, la via senza ritorno delle creature maledette da dio». 

E tuttavia - ha sottolineato la difesa - il ragazzo «non era un mostro ma un’anima precipitata in un vortice e impaurita dai suoi stessi propositi». Non a caso, nell’ultimo periodo avrebbe suonato lui stesso i campanelli d’allarme che portarono al suo arresto. 

La prova? Le testimonianze di amiche di scuola, a cui il giovane aveva raccontato il suo disagio; il tentativo di chiamare il Telefono amico, e «la grande delusione» quando un operatore gli aveva risposto di chiamare più tardi. Infine, la mail inviata tre giorni prima dell’arresto a una docente di lingue.    

«Ben tre fonti hanno allertato la polizia nei giorni precedenti all’arresto. E queste fonti erano state allertate dallo stesso imputato, che voleva essere fermato» ha sottolineato l’avvocato Mattei. «Questo senza nulla togliere all’operato della polizia e della scuola, che hanno reagito prontamente». 

La difesa non contesta il reato di atti preparatori di assassinio, ma ha chiesto una «sensibile riduzione della pena» rispetto ai 7 anni e mezzo proposti dalla Procura. E condivide la necessità di una misura di collocamento stazionario in una struttura psichiatrica. «Il mio assistito soffre tuttora per quello che stava per fare, e riconosce di avere bisogno di un aiuto professionale» ha concluso Mattei. Accanto al trattamento psichiatrico, come indicato dalle perizie psichiatriche, la difesa chiede l’allestimento di un percorso di formazione professionale, per altro già iniziata dall’imputato nel settore contabile, negli ultimi due anni. 

Al termine dell’arringa, e prima di congedare la corte - che si riunirà oggi pomeriggio in camera di consiglio - il giudice Mauro Ermani ha dato la parola al 22enne. Quest’ultimo ne ha approfittato per chiedere «scusa a tutti quelli che ho spaventato e messo in pericolo, e che si sono sentiti male a causa mia. Mi dispiace». La sentenza verrà pronunciata domani pomeriggio alle 16.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 10:46:34 | 91.208.130.87