Lasciare il tranquillo Ticino per cucinare delizie in Asia
FANNY MOGHINI
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
Lugano
11 ore
Due auto coinvolte in un incidente sulla A2 in direzione Chiasso
Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'entrata autostradale Lugano Sud
LOCARNO
12 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
12 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
13 ore
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
CADENAZZO/GIUBIASCO
14 ore
Compleanno da 101 candeline alla Casa Aranda di Giubiasco
La festeggiata è la Signora Erminia Addor di Cadenazzo.
CANTONE
14 ore
Il Governo a Berna per sostenere Cassis presidente
Una delegazione ufficiale del Canton Ticino sarà domani presente a Palazzo Federale
FOTO
CANTONE
15 ore
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
15 ore
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
LOCARNO
16 ore
Seconda chiusura della linea ferroviaria tra Cavigliano e Camedo
I collegamenti internazionali saranno garantiti con un servizio bus sostitutivo
FOTO
CASLANO
17 ore
Un'auto sotto la barriera
A Caslano un veicolo è rimasto bloccato al passaggio a livello
CANTONE
18 ore
L'appello del Cantone: obbligo di mascherina nei luoghi affollati
Il Consiglio di Stato sostiene tale provvedimento, che è «efficace» e «assicura un'elevata sicurezza sanitaria»
ROVEREDO
18 ore
Il carnevale Lingera non si arrende: «Decideremo a gennaio»
La decisione definitiva sarà presa entro metà gennaio, dichiara il Comitato.
CANTONE / MYANMAR
15.06.2020 - 07:220
Aggiornamento : 09:58

Lasciare il tranquillo Ticino per cucinare delizie in Asia

Il coraggio del rischio: Fanny Moghini, originaria di Lamone, cucina ogni giorno pietanze italiane in Myanmar

LAMONE/BAGAN - Fanny Moghini, ticinese di nascita e vallesana d’adozione, da anni si divide tra la Svizzera e l’Asia Sudorientale, dove gestisce insieme al marito Michel tre ristoranti di successo, dopo aver lavorato entrambi come educatori.

Come avete conosciuto il Myanmar?
«Nel 2000 ci siamo stati in viaggio la prima volta, per caso. Abbiamo incontrato una guida che ci ha accompagnato alla scoperta del Paese anche gli anni successivi. Nel 2007 questa persona è mancata, lasciando una giovane vedova e due bambini: abbiamo deciso di aiutarli».

Da dove è nata l’idea di aprire un locale?
«Nel frattempo abbiamo conosciuto anche un amico della loro famiglia che desiderava aprire un ristorante, ma non sapeva da dove cominciare. Ci siamo offerti di sostenerlo prendendo un anno sabbatico e trasferendoci in Myanmar».

Una scelta decisamente azzardata.
«Era il momento giusto per un cambiamento: in Svizzera il lavoro non ci dava più soddisfazioni, e l’amore per questo popolo ci ha spinto a sfidare l’ignoto, ricominciando da zero e imparando una nuova professione a 59 anni. Abbiamo trovato un tetto nella cittadina di Bagan e abbiamo deciso di cucinare cibo italiano, assumendo i nostri amici birmani come collaboratori: cosi è nato “La Terrazza Italian Restaurant”».

Quanti dipendenti avete?
«Oggi sono 49 e io lavoro a diretto contatto con loro, formandoli ogni giorno, sia in cucina, sia in sala. I nostri camerieri sanno preparare un centinaio di piatti diversi, tutti tipici italiani, e li sanno spiegare in buon inglese ai nostri clienti».

Il successo ha favorito l'apertura di due altri ristoranti?
«Abbiamo aperto una prima pizzeria, ”La Pizza”, dotata di un forno a legna artigianale. In seguito, ne abbiamo inaugurata un’altra nella parte nuova della città, per soddisfare i turisti delle strutture alberghiere più moderne. Le pizzerie attirano clienti anche in bassa stagione, permettendoci di coprire meglio le spese su tutto l’anno».

E poi è arrivato il lockdown anche in Myanmar...
«Abbiamo dovuto rinunciare a tutta l'attività il 20 marzo scorso, poco prima che il Paese chiudesse le frontiere con il resto del mondo. I contagi sono stati relativamente pochi, senza decessi, e la popolazione ha reagito trovando la giusta misura: sono abituati a far fronte a crisi e disgrazie di ogni genere».

I dipendenti come vi hanno aiutato?
«Fortunatamente possiamo contare su un personale fedele, rispettoso e volenteroso. Superate alcune difficoltà iniziali, siamo riusciti a gestire la mentalità orientale e abbiamo introdotto il giorno di riposo settimanale, gli assegni familiari, il congedo maternità e una sorta di cassa malati. Nel momento del coronavirus, il capo del personale e il cuoco, in accordo con la tradizione buddista, hanno avuto un comportamento molto generoso, decidendo di rinunciare al loro stipendio di parecchio superiore rispetto alla media dei collaboratori, proponendo per tutti, durante i tre mesi di chiusura, un sacco di riso e due bottiglie d'olio. Noi siamo rientrati in Svizzera, potendo contare su validi responsabili sul posto. L'attività delle pizzerie ha già ripreso e a fine mese torneremo anche noi a Bagan per riaprire il ristorante principale».


FANNY MOGHINI

La mozzarella a “chilometro zero” va a ruba

«Il nostro menu è stato ideato sulla base degli ingredienti disponibili. Qui a Bagan si trovano tutto l’anno molte verdure tipicamente mediterranee», afferma Fanny. «Oggi, visto l’aumento del nostro fabbisogno, contiamo su un contadino che coltiva le nostre verdure in riva al fiume; mentre per carne, pesce e uova facciamo affidamento su produttori locali che conosciamo». Anche pasta e latticini sono ottenuti in loco: «Offriamo ai nostri clienti la pasta fatta a mano direttamente da noi, così come il pane, cotto ogni mattina nei nostri forni a legna. La popolazione qui consuma pochissimi latticini, quindi è stato difficile trovarli: ho appreso alcune nozioni di casara sufficienti per formare un giovane, il quale si reca presso la mandria di mucche lattifere. Oggi il latte fresco arriva al ristorante prestissimo per essere trasformato nelle migliori condizioni e la nostra mozzarella va a ruba!». R.P.

 

 

FANNY MOGHINI
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 07:05:18 | 91.208.130.89