tipress
CANTONE
25.04.2020 - 09:380

Grosse disparità sulla benzina. Il Mendrisiotto? Il più caro

La differenza sarà sottoposta alla Commissione della Concorrenza

I momò, dal benzinaio, tirano fuori più soldi. Mentre in questi giorni si assiste al crollo dei prezzi del petrolio dovuto al drastico calo della domanda, e di conseguenza al calo dei costi della benzina, fare rifornimento sulla fascia di confine non sembra costare molto meno del solito.

Come riferisce la Regione, ieri A Mendrisio fare benzina (Senza Piombo) costava tra 1,44 e 1,47 franchi al litro. Il Diesel tra 1,52 e 1,55.

Ma basta spostarsi di qualche chilometro per vedere una sensibile fluttuazione dei prezzi. Nel Malcantone, ad esempio, il litro di benzina costava anche 1 franco e 27 centesimi, mentre il diesel 1,39. Per un pieno da 50 litri, insomma, una differenza fino a 8 franchi e 50 centesimi.

Anche Giubiasco riportava prezzi nettamente differenti (1,28 franchi la benzina, 1,39 il diesel), mentre nel Locarnese sono stati rilevati prezzi attorno al franco e 32 per la benzina, e 1,42 per il gasolio. A Savosa, il carburante era in vendita a 1 franco e 40, rispettivamente 1,48. A Dongio, in Valle di Blenio, la benzina era in vendita a 1,33; il diesel a 1,43.

Già lo scorso anno il Consigliere nazionale Marco Romano (Ppd) aveva chiamato in causa Mister Prezzi e denunciato l'anomalia. E prossimamente presenterà un dossier alla Commissione della Concorrenza (ComCo) affinché venga aperta un'indagine.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 06:18:30 | 91.208.130.86