Archivio Tipress
CHIASSO
12.02.2020 - 23:000

Treni a lunga percorrenza: 180 viaggiatori al giorno da Chiasso

Il Municipio sottolinea che la stazione di confine resterà importante per l'interscambio regionale

CHIASSO - Nel dicembre 2020 l'apertura della galleria di base del Ceneri rivoluzionerà il trasporto ferroviario ticinese. Ma Chiasso perderà molti collegamenti a lunga percorrenza: alcuni treni InterCity (IC) fermeranno ancora nella cittadina di confine, ma a partire dalla fine del 2021 tutti i treni EuroCity (EC) tireranno dritto.

È una scelta commerciale, come sottolinea il Municipio di Chiasso rispondendo a una recente interrogazione presentata dai consiglieri comunali Carlo Coen, Luca Bacciarini e Davide Capoferri. Secondo cifre FFS fornite dall'Esecutivo cittadino, in media alla stazione di Chiasso i treni a lunga percorrenza vedono salire o scendere 180 passeggeri (40 per i treni IC e 140 per quelli EC).

«Confrontato con i parametri delle FFS, questo numero di passeggeri è di scarsa consistenza e non giustifica le richieste pervenute da più parti di mantenere una fermata commerciale a Chiasso sui treni di lunga percorrenza» scrive quindi il Municipio, ricordando: «Anche perché le FFS perseguono lo scopo di fissare i tempi di percorrenza tra Milano e Zurigo in tre ore». Sarà per contro mantenuta la fermata di Como San Giovanni.

Il viaggio durerà meno - La messa in esercizio della galleria di base del Ceneri porterà comunque una riduzione dei tempi di percorrenza anche ai passeggeri in partenza da Chiasso, nonostante il necessario cambio a Lugano. Si parla infatti di un miglioramento dei collegamenti e della coincidenza alla stazione di Lugano, «molto più breve dell'attuale, pur con un aspetto critico caratterizzato dai quattro minuti d'interscambio per scendere dal TILO S10 e salire sull'IC e viceversa».

Se oggi da da Chiasso si raggiunge Zurigo in 2 ore e 47 minuti prendendo l'IC, dal 2021 il viaggio durerà comunque di meno, secondo le previsioni delle FFS: si parla di 2 ore e 31 minuti, con l'S10 fino a Lugano e poi l'IC fino a Zurigo.

La stazione di Chiasso resterà importante - assicura l'Esecutivo cittadino - per l'interscambio sia tra i treni a carattere regionale TILO e Trenord, sia tra treno e bus. C'è invece preoccupazione per la stabilità d'orario soprattutto per i treni provenienti dall'Italia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Stefania Domina 4 mesi fa su fb
...a che pro, allora, fare tutti quei lavori di ristrutturazione (non mi pare proprio che la stazione cadesse a pezzi) se poi, di fatto, pian piano sarà sempre meno utilizzata? In ogni caso, posto che si deve arrivare fino a Como -quindi spendere altro denaro per arrivarci, non importa come- per prendere quei treni, dovreste provare a raggiungere la stazione di Como San Giovanni, in certi giorni...ché poi, comunque fa davvero pietà per come é tenuta. 😾🤔😿🐾
Francesco Sganga 4 mesi fa su fb
Davvero spiacevole che il Municipio di Chiasso accetti per buona e ragionevole la spiegazione delle FFS che vogliono privilegiare una stazione italiana a discapito di una stazione svizzera. Per avere in cambio cosa? Una tratta ferroviaria Chiasso Milano che è una strozzatura che vanifica qualsiasi tentativo di abbassamento dei tempi di percorrenza. Una strategia davvero miope.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 20:27:23 | 91.208.130.87