tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
LUGANO
28 sec
Il turismo strizza l'occhio agli over 60: «Lugano Region. Il vero sud»
L'iniziativa vuole anche convincere gli operatori ad estendere le aperture stagionali
CANTONE
27 min
Maturità professionale: «Non penalizziamo gli allievi»
Il Partito comunista interroga il Governo sul posticipo degli esami e sui tempi con cui è stato comunicato agli studenti
CANTONE
32 min
Quattro nuovi contagi in Ticino
Il numero complessivo di casi raggiunge quota 3'608. Le nuove cifre aggiornate questa mattina dal Cantone
MENDRISIO
42 min
Super Puma dell’Esercito vittima di un attacco laser
L’autore del gesto è stato intercettato e denunciato al Ministero pubblico
CANTONE
3 ore
I medici: no alla distribuzione dei bonus
Meglio usare quei soldi raccolti durante la pandemia per scopi utili all'ospedale
RIVA SAN VITALE
3 ore
Quando lo scultore è donna: «Tramuto i sogni in bronzo»
Trent'anni fa la scultrice e pittrice Gabriela Spector ha lasciato l'Argentina per mettere radici in Ticino.
CANTONE
4 ore
«I nostri figli a casa per un mini raffreddore»
Misure anti Covid-19. C'è malumore tra i genitori degli allievi di scuola elementare e dell'infanzia.
VIDEO
CONFINE
4 ore
«A Chiasso in monopattino... ma che prezzi»
Il viaggio di uno Youtuber 26enne dalla Bergamasca al Ticino. Non senza problemi alle ginocchia
LOCARNO
12 ore
Fabrizio Sirica non correrà per il Municipio
L'ha annunciato ufficialmente questa sera all'Assemblea annuale della Sezione.
VIDEO
MERCATO LUGANO
13 ore
«A Lugano ho trovato un luogo dove non sentirmi straniera»
Tara è una storica ospite del mercato del sabato. I gioielli etnici e le pietre sono la sua passione
CONFINE
15 ore
Prete ucciso a Como: «Io non c'entro»
Il 53enne tunisino finito in manette per l'omicidio di don Roberto ha ritrattato la sua confessione
CANTONE
15 ore
Covid nelle scuole: «Perché non tutti i casi vengono comunicati?»
Edo Pellegrini chiede al Governo quali criteri vengono adottati per la comunicazione dei casi di positività.
BELLINZONA
16 ore
No all'Unità di Sinistra, Verdi e ForumAlternativo si smarcano
Proseguiranno il loro percorso comune ma senza un'alleanza con PS e PC.
QUINTO
17 ore
Schiacciato dalla porta dell'hangar, gravi ferite per un 54enne
L'infortunio sul lavoro è avvenuto questo pomeriggio all'aeroporto di Ambrì.
CONFINE
18 ore
Domani le esequie di Don Roberto nella sua Valtellina
La salma del prete ucciso a Como è arrivata questa mattina a Sondrio.
CANTONE
18 ore
In Ticino ci sono diciannove nuovi carrozzieri
Gli apprendisti hanno superato le prove di fine tirocinio in tre diverse professioni del settore.
CANTONE
19 ore
«Costretti ad andare a scuola il sabato»
Il SISA denuncia il carico di lavoro eccessivo che alcuni studenti stanno affrontando
CANTONE
19 ore
Lavori notturni sulla strada principale tra Cadenazzo e Quartino
Tra il 21 settembre e il 19 ottobre sono previsti interventi di manutenzione. Il traffico sarà a senso alternato
LUGANO
19 ore
I rifiuti (anche quelli differenziati) te li portano via in bicicletta
Il prossimo 1. ottobre a Lugano scatta un progetto pilota destinato ai cittadini più in difficoltà
LUGANO
19 ore
In manette per spaccio di cocaina
Una 45enne è sospettata di aver preso parte a un importante traffico di droga avviato negli ultimi anni nel Luganese.
LUGANO
19 ore
Rückert fa carriera
La deputata leghista lascerà il Gran Consiglio a fine anno. Per dedicarsi a un nuovo incarico
CANTONE
04.02.2020 - 13:250
Aggiornamento : 16:01

L'accusa: «Il DT sta sabotando la causa ambientale»

Tassa base nei comuni: Okkio contro il Dipartimento del territorio. «Nel mondo le plastiche si riciclano, noi le bruciamo inquinando»

LUGANO - «I criteri per il calcolo della tassa base per il servizio di raccolta dei rifiuti nei Comuni ticinesi sono in generale discriminanti». A sostenerlo è l'Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti, OKKIO. Secondo l'Osservatorio, «in linea con i dispositivi di Legge anche la tassa base deve essere causale e deve essere diversificata per le diverse economie domestiche e per le diverse attività commerciali e artigianali. Non deve però essere discriminante».

«Diverse discriminazioni» - Sfogliando i vari regolamenti comunali, OKKIO avrebbe invece rilevato diverse discriminazioni. Anche a Lugano che, secondo l'Osservatorio, presenterebbe grosse lacune. «Non sorprende che quanto distrattamente approvato dal Consiglio Comunale, nonostante gli avvertimenti ricevuti da OKKIO, stia ora provocando ricorsi, contestazioni e polemiche a non finire».

«Una fetta importante di cittadini e/o attività commerciali e artigianali si vedono confrontati con bollette ingiuste - prosegue la nota odierna dell'Osservatorio -. Stranamente ora anche il Dipartimento del Territorio (DT) in un suo recente comunicato stampa bacchetta i Comuni per non aver fatto bene i loro compiti. Ma non era forse suo il compito di fornire regole chiare, sorvegliare meglio e dare maggior sostegno ai Comuni?».

L'attacco al DT - Secondo OKKIO sarebbe proprio il Dipartimento del Territorio a mettere «incomprensibilmente i bastoni fra le ruote ai vari progetti che si stanno sviluppando nel Cantone per la raccolta e riciclaggio della plastica domestica, diffondendo informazioni fuorvianti». «Il progetto “Sammelsack” - si prosegue nel comunicato - sta avendo risultati sorprendenti a Bellinzona e in altri Comuni del Ticino. In Ticino nel 2019 sono stati così raccolti e in gran parte riciclati (e quindi non bruciati all’Inceneritore di Giubiasco!) ben 160 ton. (128 ton. solo da Bellinzona) di plastiche, che equivale ad una riduzione di ben 460 ton. di emissioni di CO2, pari a circa 38 milioni di km percorsi da un'auto di classe media: 950 giri attorno al globo terrestre! Questi risultati superano di gran lunga ogni più rosea aspettativa e indicano che questa è la giusta strada da perseguire».

Sconsigliando ai Comuni la raccolta separata della plastica domestica, sempre secondo l'Osservatorio, il DT starebbe invece di fatto «sabotando la causa ambientale». «Mentre a livello mondiale si spinge verso il riciclaggio delle plastiche, l’Istituzione cantonale preferisce invece bruciarle, inquinando l'ambiente!».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lilly Formina 7 mesi fa su tio
Il DT e una schiera di illustri "interessati" hanno fortissimamente voluto un inceneritore non necessario, considerato il volume dei rifiuti prodotti in Svizzera per rapporto agli inceneritori già presenti. Dato che per permettere dei guadagni l'inceneritore necessita di essere alimentato con una quantità di rifiuti che scarseggia (grazie anche al fatto che nel frattempo i ticinesi, mannaggia loro, hanno cominciato ad adottare comportamenti responsabili tipo differenziare meglio ciò che buttano via) e fatica a garantire un apporto calorico sufficiente a mantenere un'attività a pieno regime, si pensa bene di aggiungere più plastica possibile, trattandosi della tipologia di rifiuto con la più alta resa in fatto di calore rilasciato (e anche in fatto di diossina rilasciata, direttamente sui pomodori BIO del Piano di Magadino). Quindi ringraziamo le nostre autorità che come sempre dimostrano di essere dalla parte dei cittadini, evitandoci il fastidio di dover separare le plastiche e proteggendoci dalle ditte attive nel campo del riciclaggio che vorrebbero usare i nostri rifiuti per salvare l'ambiente.
Nikko 7 mesi fa su tio
A complemento dei miei post di ieri, vorrei aggiungere che l’amministrazione cantonale dovrebbe impegnarsi maggiormente per attirare in Ticino industrie con competenze come la Extruplas. Sono ditte sicuramente meno effimere e problematiche di quelle modaiole, recentemente assurte ai disonori della cronaca. Queste ditte, che lavorano nel campo del riciclaggio delle plastiche, sono sicuramente più innovative. Inoltre, vista la tematica ambientale, hanno prospettive di attività e sviluppo, e quindi di posti di lavoro, molto probabilmente più a lungo termine
SaBa BaSa 7 mesi fa su fb
Anche la tassa per economia domestica è stata ripartita in modo errato. Non si può calcolare la tassa in base ai locali. Se 1 persona sola vive in un appartamento di locali 4,5 paga più di una famiglia di 4 persone. Inaccettabile.
Luca Rocca 7 mesi fa su fb
Se gli Ecocentri prenderebbero anche la plastica si potrebbe risolvere in parte il problema, sia per noi che paghiamo il sacco e tasse sia loro per un buon riciclaggio senza doverla bruciare. Se i nostri politici non si muovono a fare così non risolveremo mai niente, basta dare un ok ai ecocentri per il riciclaggio della plastica
Nmemo 7 mesi fa su tio
@Canis Majoris Il grande inciucio tra Borradori, allora direttore del DT e Mauro Dell'Ambrogio allora sindaco di Giubiasco..
miba 7 mesi fa su tio
Insomma...il nostro cantone non si smentisce mai....
Canis Majoris 7 mesi fa su tio
Maledetto inceneritore e quelli che l’hanno voluto!!!!!
Nikko 7 mesi fa su tio
Quindi Okkio fa bene a bacchettare il DT. Al posto di emanare consigli sterili e controversi, l’amministrazione cantonale dovrebbe attivarsi nella ricerca e valorizzazione di proposte realmente innovative e utili per l’ambiente.
Nikko 7 mesi fa su tio
@Nikko Il mio post precedente è stato cancellato e adesso questo risulta incomprensibile..
Nikko 7 mesi fa su tio
@Nikko Avevo scritto che sarebbe meglio evitare di divulgare le solite bufale per sentito dire...
Nikko 7 mesi fa su tio
@Nikko Perché in altre nazioni esistono industrie che si occupano con successo del riciclaggio di tutte le plastiche con pratiche decisamente innovative.
Nikko 7 mesi fa su tio
@Nikko Ad esempio, in Portogallo ho visto, toccato e usato personalmente strutture costruite con elementi ottenuti lavorando vari tipi di plastiche raccolte per essere rielaborate e riutilizzate in modo innovativo e intelligente. Quella ditta si chiama Extruplas; potete visitare il suo sito per rendervi conto del potenziale di sviluppo del riciclaggio delle plastiche non PET.
Nikko 7 mesi fa su tio
@Nikko www.extruplas.com/pt
Illya Lis 7 mesi fa su fb
Vogliamo mettere i paesi sul mare quanto inquinano con le navi
Nmemo 7 mesi fa su tio
Ancora emerge che ARC sia ampiamente soddisfatta con un potere calorico dei rifiuti inceneriti incrementato dalle plastiche per disporre di maggiore energia. La tutela della qualità delle immissioni e dell’aria nell’ambiente locale Bellinzonese non sembrerebbe prioritaria. Resiste la doppia carica direttore del DT / membro del CdA ARC? La legge definisce puntualmente le Autorità superiori dell’ACR: tra queste il Consiglio di Stato al quale attribuisce competenze che consistono nella vigilanza sulle attività dell’ACR, in particolare sulla conformità con le esigenze di efficienza, di economicità e di tutela dell’ambiente.
bimbogimbo 7 mesi fa su tio
okkio dovrebbe accendere il cervello, e chiudere la bocca.. con il processo attuale di smaltimento è inutile separare le plastiche generiche. Banda di invasati senza criterio, che seminano disinformazione e paura col supporto dei media...
twiceaday 7 mesi fa su tio
@bimbogimbo Considerando poi che le plastiche "riciclate" una volta arrivate in cina vengono buttate in enormi landfill e/o bruciate...
claudiofer 7 mesi fa su tio
Quindi meglio importarla direttamente dal medio oriente sotto forma di petrolio. Utilizzando navi, che si sa, non affondano mai e utilizzano la forza della motivazione come carburante.
claudiofer 7 mesi fa su tio
@claudiofer @Mirketto
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@claudiofer Oggi le plastiche, vengono esportate in DE che le esporta in Cina per il trattamento, con navi che immagino pure loro vadano a fantasia e motivazione. Quindi tirate le somme non so cosa sia più ecologico, nel dubbio tassiamo tutto che siamo sicuri di non dimenticare nulla.
claudiofer 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Errato. Vanno in un centro in Austria, vicino al confine con la Svizzera, per poi rientrare riciclate. Non vanno in Germania, non vanno in Cina. Vanno in Austra soltanto perchè non ci sono i numeri per un tale centro in Svizzera. Non appena ci saranno, invece che bruciare tutto, si potrà fare un centro in Svizzera. Parliamo comunque di 300km circa. Non di viaggi intercontinentali... Guardi qui piuttosto: https://www.rsi.ch/news/oltre-la-news/Vogliamo-la-tua-plastica-11850092.html
Mirketto 7 mesi fa su tio
@claudiofer Informati su come viene riciclata, la percentuale e dove, poi ne riparliamo se ê ecologico il riciclo.
claudiofer 7 mesi fa su tio
@Mirketto Guardi che il PET viene già riciclato. La tecnologia avanza, i mezzi ci sono. Come si ricicla il PET si può trenquillamente creare un sistema di riciclo delle altre plastiche. Ovviamente i numeri per creare un impianto non ci saranno mai se continuiamo a bruciare tutto. Vabbè
Bayron 7 mesi fa su tio
OKKIO a chi le spara più grosse!
Mirketto 7 mesi fa su tio
I signori di OKKIO, dovrebbero spiegare alle persone il tragitto che fa la plastica prima di essere riciclata, mica sparare cifre a vanvera senza spiegare. Io sono il primo a ridurre le plastice bruciate, ma come viene riciclata adesso non ne vale la pena perchè si inquina uguale.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@Mirketto Oggi le plastiche vengono esportate in Asia per il riclio perché qua non conviene. Quindi ho i miei dubbi che sia molto eco.
Mirketto 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Non è che non conviene. Le plastiche vengono riciclate per il 30% e il resto che è residuo viene bruciato. Vengo portate con camion fino a bironico semilavoratee poi fino in Austria, lavorate (tritate) e poi riportate in svizzera per essere trasformate in altro. Ti sembra ecologico??
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 10:50:48 | 91.208.130.86