Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
Falsa partenza: anziani respinti al supermercato
Alcuni over 65 hanno tentato "l'assalto" già questa mattina, dopo l'annuncio del governo. «Ritornate il 14 aprile»
CANTONE
9 ore
In 2'500 in una piazza virtuale a sentire Davide Van De Sfroos
Riascoltatevelo su PiazzaTicino.ch
GAMBAROGNO
11 ore
La nuova Cinque Fonti non cambia idea
Il nuovo Consiglio di Fondazione segue il vecchio e respinge la richiesta di reintegro del direttore
CANTONE/URI
11 ore
In viaggio verso il Ticino: nessuno fa dietrofront
Gli appelli degli scorsi giorni avrebbero però portato a una netta diminuzione del traffico lungo l'A2
SVIZZERA
11 ore
Congedo paternità: «Il referendum non si può invalidare»
Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso. Deluso il Partito socialista neocastellano
AVEGNO-GORDEVIO
13 ore
Rimossi gli striscioni di Dadò: «Grave censura»
I messaggi mettevano in guardia i turisti sui rischi del nuovo coronavirus: «Popolo ticinese preso in giro».
VIDEO
CANTONE
13 ore
Merlani positivo al Covid-19
In questo momento il medico cantonale si trova in isolamento al proprio domicilio e continua l'attività professionale
GRONO (GR)
13 ore
Venerdì di passione sulle strade del Moesano
Ad ambo i portali del San Bernardino si registrano controlli. Grigliate vietate.
CANTONE
14 ore
Sei mozioni socialiste per contrastare il virus
Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, la pandemia manda in crisi anche la socialità.
VIDEO
LUGANO
15 ore
Covid-19, il video della 29enne intubata
Mariella Montano torna a casa dopo la degenza, con tanto di cure intense, alla Moncucco. E lancia un nuovo appello.
CANTONE
15 ore
Anche l'EOC ricorre al lavoro ridotto
La richiesta riguarda 400 collaboratori
LUGANO
16 ore
Produttori locali e consumatori s'incontrano su chilometrozero.ch
È un'iniziativa promossa dalla Città di Lugano per favorire l'utilizzo di nuovi canali durante l'emergenza
LUGANO
16 ore
Una boccata d'ossigeno per le attività cittadine
Nel primo semestre 2020 le tasse per l'occupazione dell'area pubblica non saranno riscosse
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
17 ore
Con l'auto nel vigneto
È accaduto questa mattina sulla strada collinare sopra Monte Carasso.
CANTONE/SVIZZERA
17 ore
Svizzeri (e soprattutto i ticinesi) favorevoli alla geolocalizzazione
Lo dice un sondaggio: la violazione della sfera privata nella lotta al coronavirus è ben vista se limitata nel tempo
CANTONE
31.01.2020 - 06:070
Aggiornamento : 10:54

Gennaio tempo di cedere il bar…  pioggia di annunci sul mercato

Il fenomeno è stagionale ma la crisi attuale potrebbe averlo accentuato. GastroTicino commenta il calo: «Problematiche le chiusure nei piccoli paesi»

LUGANO - I prezzi non sono proprio da saldi, ma la sfilza di annunci sembra suggerire una (s)vendita in atto. O comunque un fermento. Suggerire, perché - sfogliando i giornali - si ha la forte impressione che gli strilli “Cedesi bar” siano davvero tanti, c’è chi dice troppi. Ma è proprio così? Qualche addetto ai lavori, senza voler apparire, segnala una compressione del valore degli "inventari", nonché una maggiore difficoltà nella cessione dei locali. Anche alla luce del fatto che sarebbero di più le chiusure delle aperture.

«Periodo difficile, ma...» - Una tesi che il presidente di GastroTicino Massimo Suter non conferma del tutto: «Esiste una certa ciclicità, a gennaio il fenomeno è più marcato e può essere amplificato dalla situazione congiunturale non positiva. Ma a fronte di un locale che chiude ce n’è uno che apre. L’equazione tiene ancora. Si parla di alcune centinaia di cambi gestione/gerenze durante l’anno».

Il calo degli associati - Il barometro dei soci (va detto non tutti lo sono) segna tuttavia una contrazione. Il sito di GastroTicino registra ancora l’adesione di 1.600 esercizi pubblici: «Ma la cifra più aggiornata si aggira attorno a 1.520  - dice il direttore Gabriele Beltrami -. Non è per forza un male, visto che siamo il cantone svizzero con la maggior densità di esercizi pubblici». Ogni 125 abitanti ce n’è uno, quando la media nazionale è di uno ogni 260. «Il rischio purtroppo - aggiunge Beltrami - è che chiudano nei piccoli paesi e ne aprano troppi in città. La chiusura di un ristorante di paese è una perdita per la comunità».  

Numeri contrastanti - Fallimenti, chiusure, cambi di gestione. Non è semplice fotografare un mondo in mutazione continua come quello della ristorazione. I numeri, forniti dall’Ufficio cantonale di statistica, confermano la tendenza. Ad esempio quella che i bar, dal 2011 al 2017 (ultimi dato disponibile), sono scesi da 309 a 277. Per contro i ristoranti e locali per la piccola ristorazione, nello stesso periodo, sono aumentati da 1037 a 1239.

L’avviamento non c’è più - La crisi appare più marcata per i piccoli locali. Un aspetto non secondario riguarda poi il riscatto dell’inventario la cui cifra, negli annunci, per i centri urbani supera spesso agevolmente i centomila e franchi. A tal proposito Suter spiega che «non è più usuale scindere tra inventario (i beni materiali, come arredamento, bancone, attrezzatura di cucina, ndr) e avviamento, ossia il “pacchetto clienti”. Tanto che quest’ultimo aspetto ha perso nel corso degli anni sempre più valore».

La clientela ballerina - Il “portafoglio clienti” resiste come valore impalpabile ed è di fatto l'eredità obsoleta di un passato in cui, per dirla con le parole del presidente di GastroTicino, «il cliente era decisamente più fidelizzato al locale e meno incline alle bizze del cambio di gestione. Oggi, invece, la clientela tende a seguire il ristoratore che lascia per aprire un altro esercizio. Di conseguenza, «il compratore è sempre meno disposto a pagare un’ipotetica clientela». 

E l’inventario traballa pure - Svuotato del valore aggiunto della clientela e dal fatto che i locali invecchiano rapidamente, anche l’inventario traballa. Di fatto, dice Suter, «è sempre meno usanza ritirarlo. Il settore è più succube delle mode e dopo cinque anni un locale può essere “vecchio”». Mutamenti che sono ormai digeriti dai giovani gerenti, ma che possono «mettere in difficoltà gli esercenti in uscita per età o motivi di salute. Il mancato riconoscimento del “pacchetto clientela” può diventare allora un problema».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heidi Bisi 2 mesi fa su fb
la gente non ha più possibilità di spendere nel ristorante perché non cè più lavoro le priorità restano altre.il Ticino si è impoverito grazie anche a tanta gente che potrebbe ma non lavora, sforna figli che manteniamo tra assistenza,assegni familiari tutto sulle spalle della povera gente che suda e si vede aumentare AVS...Ai tra le trattenute sono esponenziali ma il carovita niente, i ricchi sempre più ricchi (minoranza) e i poveri che lavorano sempre più poveri, altro che bettole....
GI 2 mesi fa su tio
quando si chiude nei centri....poco male vista l'abbondanza......in periferia ben altra cosa....
miba 2 mesi fa su tio
Troppi ristoranti e bar, prezzi troppo alti ed attenzione al cliente spesso (molto) carente. Ma la scuola costa sugli 8000 franchi (qualcuno mi corteggia se sbaglio), un bel business per Gastro Ticino....
Stefano Botta 2 mesi fa su fb
se non erro in Ticino c'è una percentuale di esercizio pubblici di gran lunga superiore alla media svizzera...chiaramente a lungo andare non tutti riescono ad andare avanti, logico che chiudono o cedono l'attività...
Silvana Camozzi 2 mesi fa su fb
Stefano Botta concordo con ogni 25 mt vicino a casa mia
albertolupo 2 mesi fa su tio
E una parolina su quella che in alcuni casi sembra un’operazione di pulizia di soldi?
Damiano Iannino Schipilliti 2 mesi fa su fb
Il fatto è che sono state rilasciate un cifra impressionante di licenze x bar e ristoranti.. Troppi.. La concorrenza va bene ma deve avere dei paletti.. Ci sono più bar che residenti
Alessandro Ale Marra 2 mesi fa su fb
d'accordissimo,
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 05:47:40 | 91.208.130.85