TiPress - foto d'archivio
CANTONE
28.01.2020 - 18:380

«La rigidità ideologica del sindacato non conosce ragionevolezza»

I giovani Plr si scagliano contro Unia e la decisione di ricorrere contro la nuova legge sugli orari dei negozi

BELLINZONA - La sezione ticinese del sindacato Unia ricorre al Tribunale federale contro la nuova legge cantonale sugli orari dei negozi. «Un ricorso per trenta minuti in più», commentano i giovani Plr, che si scagliano contro «la rigidità ideologica del sindacato» che «non conosce ragionevolezza».

Dal 1° gennaio 2020 i negozi possono restare aperti mezz’ora più a lungo. Ma il ricorso ha aperto una nuova fase di incertezza. «Il nostro Cantone non può irrigidirsi di fronte a una minima estensione degli orari di apertura - scrivono i giovani liberali radicali -. Lo sa benissimo lo stesso sindacato, che con furbizia ha rinunciato a lanciare un referendum per timore di esporsi a un fiasco clamoroso».

Unia viene accusato di mettere al primo posto l'ideologia, «alla faccia» dei problemi del cantone costretto a vedersela con lo shopping online e la frontiera vicina. «Trenta minuti in più sono un compromesso ragionevole - concludono i giovani liberali radicali - ma ancora una volta il sindacato non si dimostra disposto ad abbracciare il modello di successo svizzero».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 6 mesi fa su tio
...ma non è che lo shopping oltre frontiera sia dovuto ai prezzi dei prodotti mantenuti artificialmente alti anche a causa dei cartelli piuttosto che agli orari dei negozi?
miba 6 mesi fa su tio
Io parto dal semplice concetto che un commerciante dovrebbe aprire e chiudere quando ha possibilità/opportunità di guadagno e questo lo sa valutare lui in prima persona. Tutto il resto è solo un bel circo con i pagliacci, alias sindacati, ed i burocrati che non sapendo cosa altro fare sfornano leggi, ordinanze e regolamenti d'applicazione a gogò
Bayron 6 mesi fa su tio
Sempre sostenuto che i sindacati sono la rovina dei lavoratori e ciò indipendentemente del “colore” politico.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 22:43:06 | 91.208.130.86