Archivio Tipress
LUGANO
27.01.2020 - 12:560

Le tasse di cancelleria «sono da abbassare»

Lo propone il gruppo UDC in Consiglio comunale per mezzo di un'interpellanza

LUGANO - Dal 2015 a Lugano atti, documenti, estratti e certificati costano di più. Le tariffe erano aumentate nel pieno della crisi finanziaria della Città. E da allora nella maggior parte dei casi si paga dieci franchi in più. Ma è ora di fare un passo indietro, come sostiene il gruppo UDC in Consiglio comunale in un'interpellanza indirizzata al Municipio.

«Siamo consapevoli che la Città di Lugano non è l'unico ente ticinese ad agire in tal senso» si legge nell'atto consiliare. «Gli scriventi consiglieri comunali si chiedono però se Lugano non voglia essere tra le prime Città a tornare sui suoi passi e riportare le tasse di cancelleria a una dimensione più ragionevole».

Il contributo maggiorato non avrebbe più senso ora che «la situazione finanziaria della Città» è migliorata. E anche considerando «la direzione sempre più marcata verso la digitalizzazione della pubblica amministrazione».

Il gruppo UDC chiede quindi a quanto ammontano annualmente le maggiori entrate dovute all'aumento delle tasse di cancelleria del 2015. E se il Municipio sia disposto a entrare nel merito di un abbassamento delle tariffe.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 07:45:34 | 91.208.130.86