Tipress
SVIZZERA
22.01.2020 - 14:250
Aggiornamento : 17:01

La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa

Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori

di Redazione
ats

BERNA - La migrazione illegale è nuovamente diminuita l'anno scorso in Svizzera. Il Corpo della guardie di confine ha recensito 12'927 casi di soggiorni illegali, contro i 16'563 del 2018. Nel 2017 erano ancora oltre il doppio, ovvero 27'300. La regione più toccata (3474) è il Ticino.

Al secondo posto, riferiscono statistiche pubblicate oggi dall'Amministrazione federale delle dogane (AFD), si situa la regione del nord-ovest (3389), che comprende Basilea e Berna, e al terzo quella formata da Vallese, Vaud e Friburgo (2444). Nel canton Ginevra, preso in considerazione in solitaria così come il Ticino, i casi sono stati 1338.

Per quanto riguarda la nazionalità, rimangono davanti a tutti - di gran lunga - i nigeriani, a quota 1994. Seguono albanesi (821), algerini (769), gambiani (625) e marocchini (543). Sono invece spariti dalla "top ten" gli eritrei, che nel 2016 avevano rappresentato un quarto dei casi.

Gli agenti hanno intercettato illegali in 6489 occasioni sui treni, 5472 volte sulle strade, 947 negli aeroporti (unica categoria in leggero aumento) e 19 su battelli.

È di poco cresciuta l'attività dei passatori, da 398 a 405 casi. Inoltre, Berna ha trasmesso 5575 dossier ad autorità straniere, contro gli 8187 del 2018 e addirittura i 17'526 del 2017.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-20 04:34:17 | 91.208.130.87