SPAB
+2
LUGANO
02.01.2020 - 20:460
Aggiornamento : 21:39

Dopo due mesi George torna in libertà

Il cigno aveva ingoiato un amo, che gli aveva creato un'occlusione esofagea

LUGANO - Era stato catturato il 30 ottobre dopo un rocambolesco inseguimento con il Barry Boat sulle rive del Ceresio in zona di Brusino Arsizio. George, così è stato chiamato il giovane cigno, aveva ingoiato un amo con diversi piombini che da giorni gli creava una dolorosa occlusione esofagea, tanto da formare un’enorme sacca a metà collo.

In seguito alla cattura è stato trasportato alla clinica veterinaria Vet Moesa di Grono, dove è stato operato gratuitamente dal dottor Athos Binda. Dopo qualche giorno di degenza al grande rifugio di Gorduno-Gnosca, gli è stata praticata un'endoscopia, durante la quale ci si è accorti che l’amo aveva lacerato l’esofago ben più in basso e per una lunghezza di circa sette centimetri. Il taglio è probabilmente avvenuto quando il cigno ha tentato invano di divincolarsi dall'arpione. George è stato dunque operato una seconda volta.

Dopo due mesi di convalescenza, il cigno è quindi stato liberato sotto le pendici del Monte San Giorgio che lo ha visto uscire dal guscio.
«Al reale pennuto la SPAB affida un messaggio di pace e bontà tra tutti gli esseri viventi sulla terra, umani o animali nulla importa» si legge sul comunicato stampa.

SPAB
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 16:47:19 | 91.208.130.86