Tio.ch/20minuti
Angelo Treccani e le sue speciali mattonelle.
+6
CANTONE/VENEZUELA
14.12.2019 - 19:020
Aggiornamento : 19:35

Ecco cosa si inventa il "prete coraggio" per sfamare la gente

Don Angelo Treccani, missionario attivo da anni a El Socorro, ha realizzato una fabbrica accanto alla "sua" fattoria: produce mattonelle con canna da zucchero 

EL SOCORRO (CARACAS) – In un Paese, il Venezuela, che sta letteralmente sprofondando, un raggio di sole continua a portarlo un 79enne ticinese. Lui è don Angelo Treccani, missionario a El Socorro, località a sei ore di auto da Caracas. Qui il missionario gestisce un'azienda agricola e una casa di accoglienza per bimbi abbandonati. Dando lavoro alla gente del posto. 

Una situazione disperata – Cresciuto nel Malcantone, don Angelo torna spesso nella Svizzera italiana per trovare i suoi amici, in particolare una famiglia di Quartino (Gambarogno). Il progetto che porta avanti a El Socorro è seguito dalla Diocesi di Lugano. «I bambini abbandonati sono sempre di piú – aveva dichiarato di recente –. E la crisi economica è ormai al culmine. La gente ha abbandonato le terre. E i Governi di Chavez e di Maduro hanno polverizzato milioni». 

Umiltà e intraprendenza – In mezzo a tutto questo, il "prete coraggio" continua a lottare. A portare avanti i suoi ideali. Con umiltà e intraprendenza. L'ultima sua trovata potrebbe sembrare banale, ma in un momento in cui il popolo venezuelano è senza lavoro e sta facendo letteralmente la fame, in realtà, ha dell'eccezionale.

Un procedimento accurato – Don Angelo ha creato una piccola fabbrica di mattoni commestibili, particolarmente nutrienti, proprio nei pressi della sua fattoria. «E la materia prima che viene utilizzata è la canna da zucchero. Il tutto avviene attraverso un procedimento accurato, che qui in Venezuela è parecchio conosciuto». 

Un'eterna sorpresa – Come si vede dai video inviati a Tio/20minuti direttamente da don Angelo, sono impiegate nella lavorazione delle mattonelle diverse persone. Molte di più saranno quelle che riusciranno a sfamarsi. Il prete "ribelle" della Chiesa ticinese, insomma, ha colpito ancora una volta.

Tio.ch/20minuti
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cle72 3 mesi fa su tio
Questi sono gli unici preti di cui porto rispetto, coloro che hanno fatto della loro vita una missione, in mezzo alla povertà e difficoltà.
Maxy70 3 mesi fa su tio
Fantastico! E di questi meravigliosi Sacerdoti nessuno parla. Ovviamente fanno più notizia le residenze di lusso dei cardinali a Roma...
sedelin 3 mesi fa su tio
grande! complimenti per l'intraprendenza, la generosità e l'amore per i più sfortunati.
Zarco 3 mesi fa su tio
Onore
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 09:06:56 | 91.208.130.86