tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
8 ore
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
8 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
10 ore
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
10 ore
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
10 ore
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
11 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
11 ore
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
11 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
CANTONE
12 ore
Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale
L'esercizio LEGIONE 21 era volto a migliorare la preparazione degli agenti di fronte a una minaccia puntuale.
VERZASCA
12 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
MESOCCO (GR)
13 ore
È morto Romano Fasani
L'ex sindaco di Mesocco è stato l'ultimo presidente del Gran Consiglio retico proveniente dalla Mesolcina.
CANTONE
13 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
CANTONE
15 ore
Nuovi armadietti nelle stazioni di Lugano e Bellinzona
A disposizione da ieri, i moderni vani portaborse saranno disponibili in cinque diverse dimensioni.
LUGANO
11.12.2019 - 19:040
Aggiornamento : 21:09

«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»

Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB

LUGANO - In questi giorni il telefono di Natalia Ferrara scotta. «Sono sommersa di telefonate, per non parlare delle e-mail». Vengono tutte da dipendenti di EFG: la situazione nella ex Banca della Svizzera italiana «è oltremodo critica» avverte la segretaria dell'Associazione dei bancari ticinesi. 

Negli ultimi giorni sull'istituto sono piovute notizie a sorpresa. Prima l'accordo per la vendita della sede della banca in viale Franscini a Lugano, che verrebbe acquistata dal cantone per 80 milioni di franchi. Poi le voci su una imminente acquisizione da parte di Julius Bär. «I dipendenti sono sgomenti» afferma Ferrara. «Hanno appreso tutto dai media e si è creato un clima di paura, giustificato».

L'impressione dell'ASIB è che «la banca si stia snellendo in vista di una cessione». Efg aveva previsto 350-400 licenziamenti in tre anni (2017 – 2019) con circa un terzo dei licenziati ultra-cinquantenni. «La situazione è oltremodo critica – avverte Asib –. Senza un intervento del Cantone e del Municipio di Lugano il danno, non solo per il personale, ma per l’intera piazza finanziaria ticinese, sarà immenso».

La banca, contattata, non commenta le voci su Julius Bär. E si rifiuta di fornire i numeri dei prossimi licenziamenti. Ma rilascia una dichiarazione che riportiamo per intero. 

La dichiarazione di EFG:

Come già sottolineato, stiamo ancora implementando il piano di riduzione del personale annunciato nel 2016 a seguito dell’acquisizione di BSI. Tale piano prevede una riduzione netta di 300-450 posti di lavoro a livello globale nel triennio 2017-2019. Non forniamo dettagli a livello regionale ma confermiamo che il Ticino è e rimarrà centrale per la nostra attività in Svizzera, e dove abbiamo centri di servizi importanti per l'intera banca, tra i quali Capital Market, Trading Room, Risk Management, Operations, Servizi Generali e altre importanti funzioni di supporto quali IT, Compliance e risorse umane. Relativamente al piano sociale, al contrario di quanto riportato, EFG ha esteso unilateralmente il piano attualmente in corso.

 La vendita di Palazzo Botta non ha nulla a che vedere con la riduzione dei posti di lavoro. Questa vendita consentirà a EFG di modernizzare e utilizzare al meglio gli altri immobili di sua proprietà a Lugano, tra cui lo storico Palazzo Riva e i palazzi adiacenti Durisch e Canova, nonché Palazzo Sant’Anna, che offriranno in futuro aree all’avanguardia per la clientela private banking e postazioni di lavoro più contemporanee e sostenibili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 1 anno fa su tio
Mi spiace per le persone che hanno perso e perderanno il lavoro, ma la strategia di questa banca è evidente....puntare solo sugli UHNWI e il resto via...cosi a ruota gli impieghi. E questo in vista di una vendita. Prossime mosse: ulteriori licenziamenti e chiusura delle realtà periferiche... Chiasso e Locarno ad esempio.
miba 1 anno fa su tio
Sì, lascia fare alle banche... Probabilmente Giuda era meno ipocrita...
F.Netri 1 anno fa su tio
Circa 4 anni fa, un Professore dell'Università di Monaco di Baviera, specializzato in tecnologie innovative, mi disse: fra 10 anni nel mondo resterà 1 banca su 2. Credo che avesse assolutamente ragione. Il trend è questo e la Svizzera non fa certo eccezione. I sindacati posso strillare quanto vogliono, ma non riusciranno a fermare questo trend.
anndo76 1 anno fa su tio
@F.Netri giusto. qui vi erano ( in particolar modo ) molte piu' banche che abitanti fino a che potevano accettare soldi di ogni tipo da tutto il mondo ( nero, frodi, riciclaggio etcetc ) palazzi faraunici di ubs, cs etc a chiasso ( 3 mla anime ) per chi li hanno fatti ??? finita la pacchia della "lavanderia" bancaria, chudono, non hanno piu' senso, sopratutto perche' NON hanno mai fatto i banchieri, ma i riciclatori ( con la licenza ovviamente ) il resto, come cantava califano ) e' noi....concordo su cio' che dici di sindacati etc
GI 1 anno fa su tio
la desertificazione avanza inesorabilmente.....
tazmaniac 1 anno fa su tio
Ciò che lascia più sgomenti è il ragionamento che viene fatto, licenziando sempre la parte di collaboratori che non avranno più chance di trovare un altro posto di lavoro e di conseguenza andranno ad incrementare ed a "pesare" sulle casse sociali...che tristezza.
anndo76 1 anno fa su tio
@tazmaniac le banche svizzere, finito di fare le "lavanderie" del mondo e non i banchieri nell'economia REALE, sono finite !! per cui sai quante altre chiuderanno e licenzieranno ? festa finita, mondo cambiato
MIM 1 anno fa su tio
@anndo76 qui si parla di speculazione, non di reciclaggio. A partire dalla Banca del Gottardo, passando per BSI e EFG.
anndo76 1 anno fa su tio
@MIM si e secondo te per quale motivo? se leggi bene cosa ho scritto penso tu condivida. hanno speculato troppo e mai fatto i banchieri ma gli sciacalli. oggi non ci sono piu' le condizioni di avere e mandenere decine e decine di banche per cui chiudono. epoca finita.
Zarco 1 anno fa su tio
Triste per loro!
Zarco 1 anno fa su tio
Umanamente molto vicino
Pepperos 1 anno fa su tio
Unicredit 8000! Quindi nulla di nuovo nel mondo bancario
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 04:29:32 | 91.208.130.85