tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Un incendio è divampato a Isone
I pompieri sono sul posto
LUGANO
1 ora
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
LOCARNO
1 ora
«Mi chiamo Martino e a 183 anni vorrei essere morto per tutti»
Una "grida per ricerca di persona scomparsa" cerca informazioni su un cittadino di Cugnasco nato nel 1837. Il pretore spiega quando sorge la necessità di fare chiarezza sui proprietari di beni o fondi
CASLANO
3 ore
Noti i candidati del PPD al Municipio
L'obiettivo dichiarato è confermare il sindaco Emilio Taiana e il municipale Adam Jardini e mantenere il terzo seggio lasciato vacante da Christian Bettelini
FOTO
MENDRISIO
3 ore
Ecco come avanza il restyling della stazione
Il cantiere è partito lo scorso autunno. E terminerà in tempo per l'apertura della galleria di base del Ceneri
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Usav, Fabio Regazzi candidato unico alla presidenza
Il consigliere nazionale ticinese è stato designato oggi dal parlamento dell'organizzazione. Succederà a Jean-François Rime
LOCARNO
4 ore
Monte Brè: «La domanda di costruzione sarà respinta»
Il sindaco Alain Scherrer si esprime su Facebook, commentando un post di Fabrizio Sirica. E chiude la porta in faccia alla Aedartis AG
CANTONE
4 ore
Nessuna unione fra Muzzano e Collina d'Oro
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio che propone l'abbandono dell'aggregazione fra i due Comuni a seguito della votazione consultiva dello scorso 20 ottobre
PARADISO
5 ore
34 abitanti in più a Paradiso
Al 31 dicembre 2019 il Comune del Luganese contava 4'332 residenti stabili
CADENAZZO
5 ore
PS e PPD corrono separati
Rispetto alla scorsa legislatura, in cui il PS correva con il PPD nella lista civica "Altra Cadenazzo", il PS si presenta con una sua lista che comprende anche GISO, indipendenti e Verdi
MENDRISIO
6 ore
«Non smantellate la filiale di BancaStato»
Un'interpellanza - primo firmatario Daniele Caverzasio - e una petizione chiedono al Consiglio di Stato di intervenire
CONFINE/CHIASSO
6 ore
Quella montagna di soldi sequestrata alla dogana di Chiasso
Nel 2019 la Guardia di Finanza ha rinvenuto quasi sei milioni di franchi celati nelle automobili. Con gli evasori che hanno usato anche trucchetti ingegnosi per nasconderli
Generoso
6 ore
Ferrovia Monte Generoso, la squadra c'è
Assunti la responsabile del Marketing, un manager e un'assistente
SVIZZERA
6 ore
La migrazione illegale cala, ma il Ticino rimane in testa
Circa un quarto dei soggiorni illegali sono stati recensiti nel nostro Cantone. In leggero aumento l'attività dei passatori
BELLINZONA
7 ore
Il Parco urbano avrà il suo Café du parc
Licenziato il Messaggio per un credito da 1,4 milioni di franchi. Previsti anche dei giochi d'acqua
VACALLO
7 ore
"Per Vacallo" si sdoppia nella corsa al Consiglio comunale
Oltre alla lista “PER VACALLO” PPD & Indipendenti ce ne sarà una composta da giovani di età inferiore ai 30 anni
ITALIA / LOCARNO
8 ore
Luigi Favoloso scomparso? L'ex della Moric scovato in Ticino
La rivista "Chi" lo ha immortalato a Locarno, con occhiali da sole, un piumino e una felpa con cappuccio
BELLINZONA
8 ore
Espocentro in difficoltà economiche? «La "valanga di debiti" non c'è più»
Il direttore Srecko Radosavljevic risponde all'interpellanza presentata la scorsa settimana dai Verdi al Municipio
FOTO
LUMINO
9 ore
Pronte le liste PLR per le comunali
La sezione di Lumino presenta 5 candidati per il Municipio e 25 per il Consiglio comunale. Il Presidente: «Una rosa forte per compensare la partenza del Sindaco Curzio De Gottardi»
LOCARNO
10 ore
Muoversi nella Locarno di domani, i giovani incontrano il sindaco
Il tema della mobilità è emerso come prioritario e molto sentito. Ne è nata una discussione che ha coinvolto pure il direttore delle Fart Claudio Blotti
CANTONE / BERNA
09.12.2019 - 08:140
Aggiornamento : 09:00

Disoccupazione, a novembre siamo al 3%

Il dato cresce di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente

di Redazione
Ats/DM

BERNA - La disoccupazione si conferma in lieve crescita in Svizzera, mentre aumenta più marcatamente in Ticino. In novembre il tasso dei senza lavoro si è attestato a livello nazionale al 2,3%, contro il 2,2% di ottobre e il 2,1% di settembre, valore quest'ultimo più basso da 18 anni. A sud delle Alpi invece è balzato al 3,0%, in progressione di 0,4 punti, l'incremento più forte registrato nel paese.

Stando ai dati diffusi oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) alla fine di ottobre 106'330 persone erano iscritte presso gli uffici regionali di collocamento (URC), 4646 in più di 30 giorni prima (la soglia psicologica dei 100'000 è stata superata in ottobre). Nel confronto su dodici mesi è stato osservato un calo di 4144 unità e anche il tasso è lievemente in discesa (-0,1 punti).

Il dato ticinese - In Ticino i senza lavoro erano 5169: 733 più di ottobre e 42 in meno di novembre 2018. A titolo di confronto, la media annua del 2018 è stata di 4953, quella del 2017 di 5667. Il tasso del 3,0% è lo stesso di un anno prima.

Il Ticino presenta una quota di senza lavoro che è la quinta più alta in Svizzera: valori più elevati che a sud delle Alpi si osservano solo a Ginevra e Giura (entrambi 3,7%), Neuchâtel (3,5%) e Vaud (3,3%). Sopra la media elvetica sono anche Basilea Città (2,9%) e Sciaffusa (pure 2,9%), Vallese (2,7%), Argovia (2,4%) e Friburgo (2,3%), mentre i tassi più contenuti sono osservati a Obvaldo (0,8%), a Nidvaldo (0,9%). I Grigioni presentano un 1,4%: il cantone trilingue ha 1573 disoccupati (+151 su ottobre e -87 su base annua).

Il dato nazionale - Tornando ai dati nazionali, va rilevato che il tasso rimane ai livelli contenuti in prospettiva storica. A titolo di confronto gli ultimi dati di novembre erano stati 3,3% (2015), 3,3% (2016), 3,0% (2017) e 2,4% (2018). Le quote di senza lavoro registrate dalla SECO sono comunque tradizionalmente basse: negli ultimi 20 anni il valore mensile più elevato è stato del 4,3%, osservato nel gennaio 2004. Va anche rilevato come i dati sulla disoccupazione non tengono conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere le prestazioni e che ad esempio vivono di risparmi o si trovano a beneficio dell'assistenza.

Il dato giovanile - Setacciando in dettaglio le tabelle relative a novembre 2019 emerge che fra i giovani la disoccupazione è del 2,3% (stabile mensile, -0,2 annuo); i disoccupati di 15-24 anni erano 11'969. Tra i lavoratori ultra 50enni il tasso è del 2,2% (+0,1 mensile, -0,1 annuo) e il fenomeno interessa 29'819 persone. I disoccupati di lunga durata (cioè quelli iscritti agli URC da oltre un anno) erano 13'034: 148 giovani, 6155 25-49enni e 6684 ultra 50enni.

In base alla nazionalità - Leggendo i dati in base alla nazionalità, gli svizzeri presentano una quota di senza lavoro dell'1,6% (dato fermo mensile, -0,1 annuo), gli stranieri del 4,0% (+0,2, -0,1 annuo). Fra chi non ha il passaporto rosso le differenze sono comunque notevoli: fermo restando che nessuna comunità presenta valori inferiori a quelli relativi ai cittadini elvetici, lo scarto è ancora ridotto per tedeschi (2,5%), ma si fa già più consistente per gli italiani (3,8%) e i francesi (4,4%). Il dato più elevato è registrato dagli africani (8,1%), che la SECO presenta nel loro insieme, ma elevati sono anche i tassi di bulgari (8,0%), rumeni (6,2%) e kosovari (6,0%). Nel suo insieme i 28 paesi dell'Ue (3,6%), con cui vige la libera circolazione delle persone, presentano una quota più che doppia di quella mostrata dagli svizzeri.

I dati diffusi dalla SECO si basano sulle persone effettivamente iscritte agli URC. La definizione è quindi diversa da quella dei disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), che opera attraverso sondaggi e che rende nota la sua stima trimestralmente: l'ultima disponibile - pubblicata a metà novembre - dà la disoccupazione in Svizzera nel terzo trimestre al 4,6%. Lo scarto fra i due dati - quello della SECO e quello ILO - suscita spesso acceso dibattito.

I disoccupati sono solo una parte del totale delle persone in cerca di impiego: quelle registrate presso gli URC in novembre erano 182’427, 5932 in più rispetto al mese precedente e 7785 in meno di un anno prima. In Ticino erano 9484 (+6,2% mensile, -2,4% annuo), nei Grigioni 2532 (+9,0%, -8,2%).

La SECO ha pubblicato anche gli ultimi dati disponibili relativi al lavoro ridotto, che in settembre ha interessato 2090 persone (+116,8% in confronto a giugno) e 39 aziende (+54,2%), per un totale di 54’951 ore perse (+108,2%). A titolo di confronto, nel settembre 2018 erano state registrate 23’284 ore perse, ripartite su 421 persone in 61 aziende.

A settembre si riferisce anche l'ultima informazione riguardo alle persone che hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione: erano 2023, un dato inferiore a quello di agosto (2670) e alla media mensile del 2018 (2930). Per ritrovare un dato più basso bisogna risalire al maggio 2010 (1707).

Commenti
 
F/A-18 1 mese fa su tio
Cosa devono dire i nostri cugini italici che hanno la metà dei giovani a casa e tanti sono anche laureati e/o plurilaureati?
jena 1 mese fa su tio
@F/A-18 possono ringraziare governanti ed europa...
anndo76 1 mese fa su tio
@jena qui invece chi bisogna ringraziare ? nel cantun dimenticato anche da berna ? solo per sapere a chi mandare aff...
Tato50 1 mese fa su tio
Sei troppo ottimista con una percentuale del 4 /5 %, perché se calcoliamo quelli che non hanno più diritto alle prestazioni e quelli in assistenza, più quelle che citi tu, siamo poco distanti o superiamo il 10 /%
freevoice 1 mese fa su tio
Il 3% è un dato farlocco !!! La disoccupazione non si dovrebbe misurare con i soli iscritti all'URC, ma occorrerebbe aggiungere tutte quelle persone che cercano lavoro senza per forza essere iscritte all'URC. Per esempio quelle beneficiarie di assistenza che non hanno l'obbligo di essere iscritti, o quelle che cercano tramite agenzie di collocamento. La percentuale quindi è assai più alta, In Ticino è del 4.5% / 5% ....
Tato50 1 mese fa su tio
@freevoice Scusa, il Post sopra, era per te ;-))
freevoice 1 mese fa su tio
@Tato50 Non conosco il dato effettivo, quel che è certo è che il 3% è sicuramente sbagliato. Non escludo che sia veramente il 10%. Pienamente d'accordo !!!
anndo76 1 mese fa su tio
@freevoice ma anche se fosse il 10 % mancano 40mila lavoratori...chi usiamo ?? il mago di oz ? il mago merlino ? o manodopera estera ( frontalieri )
jena 1 mese fa su tio
@anndo76 anndo ...hai ragione... cominciamo a liberare 40'000 posti di lavoro per i ticinesi... poi possiamo pensare ai tuoi frontalieri...
anndo76 1 mese fa su tio
@jena in realta' ne entrano 70mila al giorno, non 40mila...ma se avessi letto la risposta io ho scritto che ne abbiamo ( in ticino ) 30mila tra disoccupati e assistenza...per cui gli altri 40 mila ( per arrivare ai 70mila che giornalmente lavorano qui ) dove li prendiamo ? illuminami
jena 1 mese fa su tio
chissà quando i nostri cari politici (di tutti i colori) si sveglieranno... avanti cosi con la lenta e inesorabile distruzione del Ticino!!!!!!
limortaccituoi 1 mese fa su tio
@jena A dire il vero, in termini economici, un tasso così basso di disoccupazione equivale alla piena occupazione. Con questo non vuol dire che sia tutto rose e fiori...ma "inesorabile distruzione del Ticino" mi sembra un po' eccessivo visto che il 3% di disoccupazione se lo sognano in tutta europa...
jena 1 mese fa su tio
@limortaccituoi a dire il vero, se aggiungiamo tutti quelli in assistenza, ci accorgiamo che il costo a carico dello stato comincia a diventare impressionante... questo costo comunque ricade sui cittadini/stato stesso. Ti consigio di fare un giretto in qualche URC del cantone e ti assicuro che come minimo un po' di preoccupazione ti viene.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 21:02:15 | 91.208.130.87