Ti Press (archivio)
Una manifestazione simile a quella del 2016
CHIASSO
07.12.2019 - 19:200

Un corteo contro le frontiere che uccidono

Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»

CHIASSO - È stata una manifestazione in nome della libertà quella organizzata questo pomeriggio a Chiasso. Un corteo per «spezzare il silenzio» e per dire basta al modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista». 

Nella cittadina di confine i manifestanti si sono radunati per protestare contro la situazione presente nei bunker, nei centri asilanti e contro i rimpatri forzati. Per il diritto di abitare e restare, e contro ogni razzismo ed ogni frontiera.

«Le persone migranti, che come tutti e tutte dovrebbero essere libere di vivere la propria vita, vengono maltrattate e costrette a risiedere nei centri “di accoglienza” che vanno contro la libertà di movimento. Strutture ipersorvegliate, sporche e antigieniche e che impongono, scelgono e impostano la vita delle persone in condizioni simili a quelle di una prigione», è la protesta urlata a gran voce questo pomeriggio lungo il tragitto che dal Palapenz ha portato i manifestanti fino alla dogana. 

 

 

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-29 06:57:42 | 91.208.130.86