tipress
GRAVESANO
05.12.2019 - 16:460
Aggiornamento : 20:30

Ars Medica non è sotto inchiesta

La presa di posizione della clinica, sul caso delle "operazioni fasulle". «Non siamo oggetto di procedimenti penali»

GRAVESANO - Ars Medica si chiama fuori. Mentre procedono gli accertamenti su alcune presunte "operazioni fasulle" eseguite da un neurochirurgo, la clinica di Gravesano tiene a mettere i punti sulle "i". E in un comunicato odierno, chiarisce di non essere «oggetto di alcun procedimento» penale né amministrativo. 

Il caso è noto. La Procura ha avviato mesi fa degli accertamenti sul professionista, a seguito della denuncia di alcuni pazienti. Ma «nessun procedimento è stato aperto nei confronti della struttura e del suo personale» ribadisce Ars Medica. 

I vertici dell'azienda e i collaboratori si dicono «fortemente provati» dalla situazione. E parlano di una «ingiustificata sfiducia nei confronti di una struttura riconosciuta come polo di compentenza dalla popolazione ticinese». Auspicando «la conclusione più celere possibile» dell'indagine in corso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 anno fa su tio
Se la clinica ha fatturato al paziente e/o alla cassa malati e ora fa Ponzio Pilato allora mi è tutto più chiaro, alias l'apice della malasanità....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 08:41:05 | 91.208.130.89