Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
34 min
«Sono cose che non vorresti mai vedere»
Incidenti mortali, suicidi, omicidi. Il Care Team cantonale ha lavorato duro durante la pandemia
MENDRISIO
2 ore
«È un caso isolato, il disagio sociale non c'entra»
Il capo dicastero sicurezza pubblica Samuel Maffi commenta i fatti accaduti venerdì notte nel parco di Villa Argentina.
CANTONE
2 ore
«A noi giovani piace avere il destino nelle nostre mani»
Il movimento ticinese delle bocce è in fermento e la Federazione svizzera è alla ricerca di giovani leve
BELLINZONA
10 ore
«Inverno infinito, ma ci siamo sempre stati»
Alba Masullo, direttrice della Lega Ticinese Contro il Cancro, fa il suo bilancio dopo mesi e mesi di Covid.
FOTO
CANTONE
12 ore
Nuovi statuti e organi associativi per la Lega dei Ticinesi
Saranno un Consiglio esecutivo e un'Assemblea generale, con a capo un coordinatore, a guidare il Movimento
VIDEO
VERZASCA
13 ore
Auto contro il guardrail in Val Verzasca
C'è un ferito, le sue condizioni non sarebbero gravi
FOTO
LUGANO
15 ore
Benedizione delle barche sul Ceresio
La tradizionale cerimonia si è svolta oggi all'imbarcadero di Lugano.
LUGANO
20 ore
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
1 gior
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
1 gior
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
1 gior
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
GRIGIONI
04.12.2019 - 17:210

Un piano antimafia anche per il Grigioni italiano

Il dispositivo, già attivo a livello cantonale, verrà esteso per lottare contro il fenomeno delle società-bucalettere

di Redazione
Ats

COIRA (ats) - Coira si attiverà a Berna affinché il piano d'azione antimafia previsto dalla Confederazione sia esteso alle regioni italianofone dei Grigioni: lo ha assicurato oggi il consigliere di Stato Peter Peyer, rispondendo a un'interpellanza di Nicoletta Noi-Togni (Indipendente).

Nel frattempo il cantone ha già lanciato un'offensiva contro le società "bucalettere" intensificando i controlli e negando permessi a un centinaio di società e a oltre 30 persone.

La deputata del circolo di Roveredo, nonché sindaca di San Vittore, chiedeva un'intensificazione degli sforzi contro il proliferare di società fittizie e le infiltrazioni mafiose anche per la Bregaglia e la regione Valposchiavo. Il direttore del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità (DGSS) Peyer condivide le preoccupazioni per una maggiore sicurezza e protezione nel Moesano.

Il Consiglio di Stato retico indirizzerà pertanto a Berna una lettera chiedendo l'inclusione delle regioni italofone nel Piano d'azione antimafia previsto dalla strategia 2020-2023 della Confederazione: «Un corrispondente decreto governativo - ha precisato Peyer - è in corso di elaborazione».

Il Cantone segue da anni la situazione nel Moesano «con la massima attenzione», facendo «ricorso a tutte le possibilità per evitare abusi in relazione alla costituzione di società bucalettere», ha assicurato il direttore del Dipartimento dell'economia pubblica Caduff, rispondendo al granconsigliere Ppdc del circolo di Mesocco Rodolfo Fasani.

Gli sforzi messi in atto finora da Coira

Il consigliere di Stato ha quindi colto l'occasione per fare il punto sulla lotta alla criminalità nel Moesano, premettendo però che una società bucalettere non è di per sé sinonimo di illegalità e che in materia esiste una severa regolamentazione a livello svizzero.

Negli anni, ha sottolineato Caduff, è stata intensificata la collaborazione degli uffici cantonali preposti per controllare le aziende del Moesano che desiderano essere iscritte nel registro di commercio.

Accertamenti devono però essere fatti anche da parte dei Comuni, ha avvisato Caduff. Prima di un'iscrizione nel registro di commercio gli enti locali devono infatti procedere «a una verifica della correttezza dell'indirizzo indicato quale domicilio nonché dell'esistenza di propri locali commerciali».

Dai dati snocciolati dal Governo retico risulta che l'Ufficio per l'industria, arti e mestieri e lavoro (UCIAML) ha controllato (ricorrendo a risorse supplementari) dal 2017 ben 859 attività/società bucalettere nelle valli meridionali: in 85 casi le persone indicate non sono state riconosciute come datori di lavoro.

Un insieme di misure che, secondo Caduff, stanno dando i loro frutti. Fra i fiduciari attivi nel Moesano, ha commentato il consigliere di Stato, si sarebbe perfino sparsa la voce che il Cantone procede a controlli più serrati, con la conseguenza che ora, prima di costituire una nuova ditta, la maggior parte dei fiduciari accerta presso l'UCIAML l'esistenza dei presupposti e l'ammissibilità dell'impiego di lavoratori nonché i requisiti posti per uno stabilimento d'impresa.

Altre indicazioni fornite dal Governo rispondendo a Fasani riguardano il numero di permessi di soggiorno o per frontalieri negati (o revocati) dal gennaio 2018: sono circa 30 e tutti riguardano persone impiegate presso società bucalettere.

Il piano antimafia della Confederazione

La notizia del piano d'azione antimafia della Confederazione era circolata nei primi mesi dell'anno: la direttrice dell'Ufficio federale di polizia Nicoletta Della Valle aveva accennato a una serie di misure contro la criminalità organizzata, aggiungendo che il fenomeno fosse stato per lungo tempo sottovalutato in Svizzera.

Rispondendo a un'interpellanza presentata in settembre dal consigliere nazionale Fabio Ragazzi (PPD/TI) il Consiglio federale aveva aggiunto che le previste "misure preventive, cooperative e repressive" in appoggio alle autorità federali e cantonali, saranno incentrate sul Ticino per l'elevato rischio di attività criminali nei cantoni di confine meridionali.

Preso atto della risposta lo scorso novembre Noi-Togni aveva quindi scritto al Consiglio federale attirando l'attenzione del collegio sulle società bucalettere nel Moesano e sui rischi connessi. Fatti più volte denunciati dalla stessa Noi-Togni come da altri deputati al Parlamento retico. Noi Togni concludeva che un'azione antimafia concentrata sul Ticino sarebbe stata addirittura pericolosa per il Moesano, dal momento avrebbe rappresentato "un ulteriore motivo di rifugio per autori di atti criminosi" nella regione.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 08:34:22 | 91.208.130.89